Dirck van Baburen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La corona di spine, 1623, Catharijneconvent, Utrecht.

Dirck Jaspersz van Baburen (Wijk bij Duurstede, 1595 circa – Utrecht, 21 febbraio 1624) è stato un pittore olandese. Van Baburen è uno degli esponenti della scuola di Utrecht, un gruppo di tendenze caravaggesche.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

La sua famiglia si trasferì a Utrecht, quando era ancora giovane. Era conosciuto anche come Teodoer van Baburen e Theodor Baburen. Il primo riferimento all'artista risale al 1611 quando entrò nella Gilda di S. Luca come allievo di Paulus Moreelse.

Tra il 1612 e il 1615 si recò a Roma, dove collaborò con il compatriota David de Haën e strinse amicizia con un seguace di Caravaggio, Bartolomeo Manfredi.

Baburen entrò in contatto con i collezionisti d'arte e mecenati Vincenzo Giustiniani e il cardinale Scipione Borghese, e probabilmente grazie alla loro influenza ricevette la commissione di dipingere la pala d'altare per la cappella della Pietà in San Pietro in Montorio verso il 1617 (Salita al Golgota e Gesù fra i Dottori), oltre alla Cattura di Cristo della Galleria Borghese.

Alla fine del 1620 Baburen tornò a Utrecht, dove si dedicò alla pittura di genere. Fino alla sua morte nel 1624, il pittore, insieme a Hendrick ter Brugghen e Gerard van Honthorst, contribuì a definire le innovazioni stilistiche e tematiche della scuola dei Caravaggisti di Utrecht.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Deposizione, ca. 1617, (San Pietro in Montorio, Roma)
  • Cattura di Cristo, prima del 1621 (Galleria Borghese, Roma)
  • Cristo lava i piedi agli apostoli, prima del 1621 (Gemäldegalerie, Berlino)
  • Youth Playing a Small Whistle 1621 (Centraal Museum, Utrecht)
  • La Mezzana, 1622 (Boston Museum of Fine Arts)
  • Cristo fra i dottori, 1622 (Galleria Nazionale, Oslo)
  • Giocatori di tric-trac, c. 1622 (Residenzgalerie, Bamberga)
  • Loose Company, 1623 (Gemäldegalerie, Magonza)
  • Prometeo incatenato da Vulcano, 1623 (Rijksmuseum, Amsterdam)
  • La corona di spine, 1623 (Catharijneconvent, Utrecht)
  • La corona di spine, 1623 (Nelson-Atkins Museum of Art, Kansas City)
  • Cimone e Pero o la Carità romana, ca. 1623 (York City Art Gallery)
  • San Sebastiano curato da Sant'Irene, ca. 1623 (Hamburger Kunsthalle, Amburgo)
  • Achille giura vendetta sul corpo di Patroclo (già identificato come La morte di Uria), firmato e datato 1624, (Gemäldegalerie Alte Meister, Kassel, acq. 2009)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Dirck van Baburen in History of Art
  • Brigstocke, Hugh, "Baburen, Dirck (Jaspersz.) van," Grove Art Online. Oxford University Press, March 15, 2007.
  • Brown, Christopher, "The Utrecht Caravaggisti," in Gods, Saints & Heroes: Dutch Painting in the Age of Rembrandt. National Gallery of Art, Washington D.C., 1980, pp. 101–121. ISBN 0-89468-039-0.
  • Franits, Wayne, Dutch Seventeenth-Century Genre Painting (2004). ISBN 0-300-10237-2.
  • Levine, David A., "Schildersbent [Bent]," Grove Art Online. Oxford University Press, [March 15, 2007].
  • Murray, P. & L., Dictionary of art and artists. Penguin Books (1996). ISBN 0-14-051300-0
  • Nicolson, B., Caravaggism in Europe (2nd edn., 1990). ISBN 88-422-0233-9.
  • Slatkes, L. J., Dirck van Baburen: A Dutch Painter in Utrecht and Rome (1965).
  • Slive, Seymour, Dutch Painting 1600-1800 (1995) ISBN 0-300-06418-7.
  • Ernst Gombrich - Dizionario della Pittura e dei Pittori - Einaudi Editore (1997)

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 36845034 LCCN: nr2001018860