Parabola della giara vuota

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La parabola della giara vuota è una parabola di Gesù riportata soltanto dal Vangelo di Tommaso, 97.

« Gesù disse: "Il regno del padre è come una donna che stava trasportando una giara piena di cibo. Mentre stava camminando sulla strada, ancora distante da casa, il manico della giara si ruppe e il cibo cadde dietro di lei sulla strada. Lei non se ne accorse; non aveva notato il problema. Quando giunse a casa sua, appoggiò la giara a terra e la trovò vuota". »

Autenticità[modifica | modifica sorgente]

Gli studiosi del Jesus Seminar considerano la parabola della giara vuota come un probabile detto autentico di Gesù.[1] Si notano paralleli con la parabola del lievito, che precede immediatamente quella della giara vuota nel Vangelo di Tommaso, e la parabola del granello di senape: in tutti e tre il Regno inizia con qualcosa di «non notevole, inatteso o modesto».

Interpretazione[modifica | modifica sorgente]

Vi sono diverse interpretazioni proposte per questa parabola. Potrebbe essere un avvertimento a non lasciare che il Regno, che secondo Tommaso 3 è «dentro e fuori di voi»,[2] scivoli via come il cibo perduto;[3]potrebbe essere un semplice avvertimento contro la sicurezza in sé stessi.[4] La giara vuota potrebbe rappresentare una vita vuota: «le persone che vivono le loro vite nel mondo [...] portano giare che credono piene, ma scoprono, anche dopo tanta attività, che sono vuote».[5] Un'altra interpretazione è che la parabola si riferisca «all'arrivo impercettibile del Regno».[6] Un commentatore riporta il vuoto della giara in una luce positiva, sottolineando il contrasto tra l'immagine della giara vuota con il finale atteso della donna che trova una giara piena: un tale finale "positivo" sarebbe una «religiosità da fiaba», mentre «il vuoto nel mondo è ciò che è importante per la pienezza spirituale finale».[7]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Robert Walter Funk, The Five Gospels: What Did Jesus Really Say? the Search for the Authentic Words of Jesus, first HarperCollins paperback edition, HarperCollins, 1997, p. 552, ISBN 0-06-063040-X.
  2. ^ Vangelo di Tommaso (Lambdin Translation) - The Nag Hammadi Library
  3. ^ Arland J. Hultgren, The Parables of Jesus: a commentary, Grand Rapids, Michigan/Cambridge, U.K., Wm. B. Eerdmans Publishing, 2002, p. 443, ISBN 0-8028-6077-X.
  4. ^ Geoffrey W Bromiley, Apocryphal gospels in International Standard Bible Encyclopedia, vol. 1, Grand Rapids, Michigan, Wm. B. Eerdmans Publishing, 1994, p. 186, ISBN 0-8028-3781-6.
  5. ^ Richard Valantasis, The Gospel of Thomas, London and New York, Routledge, 1997, p. 178, ISBN 0-415-11622-8.
  6. ^ Peter Rhea Jones, Studying the Parables of Jesus, Macon, GA, Smyth & Helwys Publishing, Inc., 1997, p. 34, ISBN 1-57312-167-3.
  7. ^ Christian Amundsen, Insights/Secret Teachings of Jesus: The Gospel of Thomas, Sunstar Publishing Ltd., 1999, p. 230, ISBN 1-887472-57-6.