Villandro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Villandro
comune
Villandro/Villanders
Villandro – Stemma
Veduta da nordest
Veduta da nordest
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Trentino-South Tyrol.svg Trentino-Alto Adige
Provincia Stemma Südtirol.svg Bolzano
Amministrazione
Sindaco Walter Baumgartner (SVP) dal 16/05/2010
Territorio
Coordinate 46°38′00″N 11°32′00″E / 46.633333°N 11.533333°E46.633333; 11.533333 (Villandro)Coordinate: 46°38′00″N 11°32′00″E / 46.633333°N 11.533333°E46.633333; 11.533333 (Villandro)
Altitudine 880 m s.l.m.
Superficie 43,95 km²
Abitanti 1 906[2] (31-12-2010)
Densità 43,37 ab./km²
Frazioni San Maurizio/St. Moritz, Santo Stefano/St. Stefan, San Valentino/St. Valentin
Comuni confinanti Barbiano, Chiusa, Laion, Renon, Sarentino
Altre informazioni
Cod. postale 39043
Prefisso 0472
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 021114
Cod. catastale L971
Targa BZ
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Cl. climatica zona F, 3 826 GG[3]
Nome abitanti villandresi/Villanderer[1]
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Villandro
Il territorio comunale
Il territorio comunale
Sito istituzionale

Villandro (Villanders in tedesco) è un comune italiano di 1.912 abitanti della provincia autonoma di Bolzano in Trentino-Alto Adige.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Questo è un piccolo paese che si trova in quota (a 880 metri), sopra a Chiusa, sul versante orientale delle Alpi Sarentine e precisamente sotto l'Alpe di Villandro, il secondo alpeggio più grande d'Europa posto a 2.509 m; è quindi tagliato fuori dalla caotica valle Isarco.[4]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La zona è ricca di rinvenimenti archeologici delle età preistoriche, come i ricchi rinvenimenti in località Plunacker dimostrano.[5]

Il paese ha dato nome all'omonima casata medioevale[6] che a sua volta diede origine ai signori di Wolkenstein.

Di rilievo è l'antico albergo Zum Steinbock, risalente al XII secolo. Qui in particolare il pittore Franz von Defregger utilizzò lo sfondo paesaggistico locale per comporre L’ultima chiamata alle armi.

Recenti scavi hanno portato alla luce alcuni reperti risalenti all'età del bronzo, all'età del ferro, e addirittura al neolitico. Altri reperti vengono invece fatti risalire all'epoca romana e all'epoca medievale.

Inoltre nelle zone limitrofe si trovano i resti di antiche miniere d'argento.

Toponimo[modifica | modifica wikitesto]

Il toponimo è attestato come Filandres, Filanders, Vilandres, Foyandrum nel 1039 e probabilmente ha un'origine preromana connessa col tema vel- presente anche nel nome di Velturno.[7]

Stemma[modifica | modifica wikitesto]

Lo stemma è troncato di azzurro e rosso, nel primo tre punte d’argento e nel secondo una fascia increspata d’argento. È l’insegna dei Signori di Villanders e Pardell che abitavano il villaggio. Lo stemma è stato adottato nel 1966.[8]

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

In centro al paese esistono due chiese quasi completamente attaccate, con i rispettivi campanili. La principale è la parrocchiale di Santo Stefano.

Inoltre, da visitare certamente sono le Tre Chiese che si trovano tra il comune di Barbiano e quello di Villandro.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Ripartizione linguistica[modifica | modifica wikitesto]

La sua popolazione è in netta maggioranza di madrelingua tedesca:

 % Ripartizione linguistica (gruppi principali)
Fonte: Astat Censimento della popolazione 2011 - Determinazione della consistenza dei tre gruppi linguistici della Provincia Autonoma di Bolzano-Alto Adige - giugno 2012
98,46% madrelingua tedesca
1,15% madrelingua italiana
0,38% madrelingua ladina

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[9]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
2005 2010 Josef Krapf SVP Sindaco
2010 in carica Walter Baumgartner SVP Sindaco

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ AA. VV., Nomi d'Italia. Origine e significato dei nomi geografici e di tutti i comuni, Novara, Istituto geografico De Agostini, 2006, p. 715.
  2. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF) in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  4. ^ Vacanze a Villandro - alloggi e hotel a Villandro - Valle Isarco - Alto Adige
  5. ^ Lorenzo Dalri, Gianni Rizzi, Archäologische Ausgrabungen auf dem Plunacker in Villanders, in «Der Schlern», 63, 1989, pp. 201-224.
  6. ^ Claudia Feller, Ein Rechnungsbuch der Herren von Vilanders (1368 - 1464): Tiroler Landesarchiv Hs. 488, in «Tiroler Heimat», 72, 2008, pp. 73-107.
  7. ^ AA.VV., Nomi d'Italia. Novara, Istituto Geografico De Agostini, 2004
  8. ^ (EN) Heraldry of the World: Villanders
  9. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (DE) Helmut Stamper, Bauernhöfe in Südtirol, vol. 6/1: Lajen, Villanders, Barbian, Bolzano, Athesia, 2006. ISBN 978-88-8266-370-4
  • (DE) Franz-Heinz Hye, Grundzüge der älteren Geschichte von Villanders: zum Gedenken an die Freiheitskriege 1796-1814 und an den Verlust der "Frag" vor 80 Jahren, in «Der Schlern», 83, 2009, pp. 54–63.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Alto Adige Portale Alto Adige: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Alto Adige