Prato allo Stelvio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Prato allo Stelvio
comune
Prato allo Stelvio/Prad am Stilfserjoch
Prato allo Stelvio – Stemma
Prato allo Stelvio – Veduta
Dati amministrativi
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Trentino-South Tyrol.svg Trentino-Alto Adige
Provincia Stemma Südtirol.svg Bolzano
Sindaco Hubert Pinggera (SVP) dal 16/05/2010
Territorio
Coordinate 46°37′06.06″N 10°35′32″E / 46.61835°N 10.592222°E46.61835; 10.592222 (Prato allo Stelvio)Coordinate: 46°37′06.06″N 10°35′32″E / 46.61835°N 10.592222°E46.61835; 10.592222 (Prato allo Stelvio)
Altitudine 915 m s.l.m.
Superficie 51,37 km²
Abitanti 3 381[1] (31-12-2010)
Densità 65,82 ab./km²
Frazioni Agumes/Agums, Montechiaro/Lichtenberg, Prato/Prad
Comuni confinanti Glorenza, Lasa, Müstair (CH-GR), Sluderno, Stelvio, Tubre
Altre informazioni
Cod. postale 39026
Prefisso 0473
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 021067
Cod. catastale H004
Targa BZ
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Cl. climatica zona F, 3 779 GG[2]
Nome abitanti Pratesi (IT); Prader (DE)
Giorno festivo 5 giugno
Localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Prato allo Stelvio
Il territorio comunale
Il territorio comunale
Sito istituzionale

Prato allo Stelvio (Prad am Stilfserjoch in tedesco) è un comune italiano di 3.387 abitanti della Val Venosta nella provincia autonoma di Bolzano. È inoltre un comune mercato.

Geografia fisica[modifica | modifica sorgente]

Presso la frazione di Montechiaro, sorgono le rovine del castel Montechiaro (Lichtenberg), antico castello del 1200, di cui si stanno eseguendo i lavori di restauro.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Toponimo[modifica | modifica sorgente]

Il toponimo è attestato come "Prada" nel 1187 e deriva dal latino prata ("prati"). Nel 1953 cambiò nome in Prato Venosta, ma l'anno successivo tornò al nome precedente.[3]

Stemma[modifica | modifica sorgente]

Lo stemma mostra tre spighe di grano d’oro, che fuoriescono da un campo rosso sullo sfondo azzurro del cielo. Il grano simboleggia l’importanza avuta dalla cerealicoltura nel territorio comunale. Lo stemma è stato adottato nel 1969.[4]

Cultura[modifica | modifica sorgente]

Edifici religiosi[modifica | modifica sorgente]

Persone legate a Prato allo Stelvio[modifica | modifica sorgente]

Società[modifica | modifica sorgente]

Ripartizione linguistica[modifica | modifica sorgente]

La sua popolazione si è dichiarata nella quasi totalità di madrelingua tedesca:

 % Ripartizione linguistica (gruppi principali)
Fonte: Astat Censimento della popolazione 2011 - Determinazione della consistenza dei tre gruppi linguistici della Provincia Autonoma di Bolzano-Alto Adige - giugno 2012
97,21% madrelingua tedesca
2,73% madrelingua italiana
0,06% madrelingua ladina

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[5]

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
2005 2010 Hubert Pinggera SVP Sindaco
2010 in carica Hubert Pinggera SVP Sindaco

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ AA.VV., Nomi d'Italia. Novara, Istituto Geografico De Agostini, 2004.
  4. ^ (EN) Heraldry of the World: Prad
  5. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (DE) Rainer Loose (Red.), Prad am Stilfserjoch - Beiträge zur Orts- und Heimatkunde von Prad, Agums und Lichtenberg im Vinschgau/Südtirol, Lana, Tappeiner, 1997. ISBN 88-7073-226-6

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Alto Adige Portale Alto Adige: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Alto Adige