Ora (Italia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ora
comune
Ora/Auer
Ora – Stemma
Ora – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Trentino-South Tyrol.svg Trentino-Alto Adige
Provincia Stemma Südtirol.svg Bolzano
Amministrazione
Sindaco Roland Pichler (lista civica) dal 16/05/2010
Territorio
Coordinate 46°21′00″N 11°18′00″E / 46.35°N 11.3°E46.35; 11.3 (Ora)Coordinate: 46°21′00″N 11°18′00″E / 46.35°N 11.3°E46.35; 11.3 (Ora)
Altitudine 242 m s.l.m.
Superficie 11,79 km²
Abitanti 3 537[1] (31-12-2010)
Densità 300 ab./km²
Comuni confinanti Aldino, Bronzolo, Montagna, Termeno sulla Strada del Vino, Vadena
Altre informazioni
Cod. postale 39040
Prefisso 0471
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 021060
Cod. catastale G083
Targa BZ
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Cl. climatica zona E, 2 812 GG[2]
Nome abitanti di Ora (IT); Aurer (DE)
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Ora
Il territorio comunale
Il territorio comunale
Sito istituzionale

Ora (Auer in tedesco) è un comune italiano di 3.539 abitanti della provincia autonoma di Bolzano. È inoltre un comune mercato.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Situata in fondovalle, sulla sinistra orografica dell'Adige, presso la confluenza del rio Nero, ca. 20 km a sud di Bolzano.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'antica chiesetta di San Pietro (St. Peter in Auer) possiede un noto organo tardorinascimentale tuttora funzionante, di Hans Schwarzenbach, del 1599.[3]

Di particolare pregio architettonico è il maniero cinquecentesco Happacherhof che ospita la Scuola professionale dell'agricoltura.[4]

Negli ultimi anni il comune di Ora ha visto un forte incremento del numero di abitanti dovuto all'aumento delle industrie, il che ha comportato un notevole cambiamento nell'aspetto del comune stesso, che precedentemente basava il proprio sviluppo sulla frutticoltura.

Toponimo[modifica | modifica wikitesto]

Il toponimo è attestato come Aura nel 1190 e come Aewer nel 1288 e deriva probabilmente dal latino ora ("margine") o forse da un tema preromano aur- che ha una certa diffusione sull'arco alpino o anche da un alto tedesco medio ûr che significa "bue".[5][6]

Stemma[modifica | modifica wikitesto]

Lo stemma è troncato di argento e rosso sormontato da un capo azzurro. Un leone rampante di colore rosso ed argento è posto sullo sfondo con colore invertito. È lo stemma della famiglia Khuen che prese possesso della località, dal 1397 fino al 1690, quando furono poi elevati a Conti Imperiali. Sul capo di azzurro sono raffigurate due chiavi d’oro decussate, in ricordo delle insegne di San Pietro, a cui è dedicata la chiesa Parrocchiale. Lo stemma è stato adottato nel 1969.[7]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Ripartizione linguistica[modifica | modifica wikitesto]

 % Ripartizione linguistica (gruppi principali)
Fonte: Astat Censimento della popolazione 2011 - Determinazione della consistenza dei tre gruppi linguistici della Provincia Autonoma di Bolzano-Alto Adige - giugno 2012
69,74% madrelingua tedesca
29,59% madrelingua italiana
0,67% madrelingua ladina

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[8]

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

È servita da una stazione ferroviaria (fuori paese), nella quale fermano anche Intercity.

Per recarsi in Val di Fassa o in Val di Fiemme si passa solitamente da Ora (ss. 48), anche venendo da Trento, in quanto le strade sono meglio percorribili che non quelle della Val di Cembra.

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Ad Ora ha sede una squadra di hockey su ghiaccio, l'SC Auer-Ora, vincitrice di tre titoli di serie C.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
2005 2010 Roland Pichler lista civica Sindaco
2010 in carica Roland Pichler lista civica Sindaco

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF) in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ Festschrift zur Weihe der erneuerten Hans-Schwarzenbach-Orgel zu St. Peter in Auer (1599-1986), Ora, Parrocchia, 1986.
  4. ^ (DE) Sito della scuola superiore ospitata nel Happacherhof
  5. ^ Egon Kühebacher, Die Ortsnamen Südtirols und ihre Geschichte, vol. 1, Bolzano, Athesia, 1995, p. 40s. ISBN 88-7014-634-0
  6. ^ AA.VV., Nomi d'Italia. Novara, Istituto Geografico De Agostini, 2004
  7. ^ (EN) Heraldry of the World: Auer-Ora
  8. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (DE) Helmut Lona, Auer im Südtiroler Unterland, Ora: Verkehrsverein, 1977
  • (DE) Helmut Zelger, Auer im Südtiroler Unterland. Interessantes und Wissenswertes aus der Vergangenheit und der Gegenwart, Ora: Verschönerungsverein, 2006

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Alto Adige Portale Alto Adige: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Alto Adige