Sluderno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sluderno
comune
Sluderno/Schluderns
Sluderno – Stemma
Sluderno – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Trentino-South Tyrol.svg Trentino-Alto Adige
Provincia Stemma Südtirol.svg Bolzano
Amministrazione
Sindaco Erwin Wegmann (Lista civica Bürgerliste Schluderns) dal 04/05/2014
Territorio
Coordinate 46°40′00″N 10°35′00″E / 46.666667°N 10.583333°E46.666667; 10.583333 (Sluderno)Coordinate: 46°40′00″N 10°35′00″E / 46.666667°N 10.583333°E46.666667; 10.583333 (Sluderno)
Altitudine 921 m s.l.m.
Superficie 20,72 km²
Abitanti 1 823[1] (31-12-2010)
Densità 87,98 ab./km²
Frazioni Spondigna (Spondinig)
Comuni confinanti Glorenza, Lasa, Malles Venosta, Prato allo Stelvio
Altre informazioni
Cod. postale 39020
Prefisso 0473
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 021094
Cod. catastale I771
Targa BZ
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Cl. climatica zona F, 3 788 GG[2]
Nome abitanti di Sluderno / Schludernser
Patrono santa Caterina d'Alessandria
Giorno festivo 25 novembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Sluderno
Il territorio comunale
Il territorio comunale
Sito istituzionale

Sluderno (Schluderns in tedesco) è un comune italiano di 1.831 abitanti della Val Venosta, nella provincia autonoma di Bolzano in Trentino-Alto Adige.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Dalla primavera del 2012 il comune attua un progetto per la salvaguardia del rinolofo maggiore, una delle specie di pipistrello maggiormente a rischio in Europa, di cui esiste una nutrita colonia nel solaio della chiesa parrocchiale, costantemente monitorata da un team di biologi.[3]

Toponimo[modifica | modifica wikitesto]

Il toponimo è attestato come Sluderns nel 1163; probabilmente è di origine pre-romana e deriva da un termine che significa "palude".[4]

Stemma[modifica | modifica wikitesto]

Lo stemma, adottato nel 1967, è partito di argento e di rosso; nella metà argentea è raffigurata una mezza ruota di tortura nera (spezzata) con lame azzurre, mentre nella metà rossa è rappresentato un covone di grano d’oro. La ruota di tortura spezzata simboleggia santa Caterina, patrona del borgo, mentre il covone di grano sottolinea l'importanza della cerealicoltura per l'economia della zona.[5]

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

A monte dell'abitato si trova Castel Coira (XIII secolo), che accoglie una delle più importanti collezioni di armature d'Europa.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Ripartizione linguistica[modifica | modifica wikitesto]

La sua popolazione è per la quasi sua totalità di madrelingua tedesca:

 % Ripartizione linguistica (gruppi principali)
Fonte: Astat Censimento della popolazione 2011 - Determinazione della consistenza dei tre gruppi linguistici della Provincia Autonoma di Bolzano-Alto Adige - giugno 2012
98,80% madrelingua tedesca
1,20% madrelingua italiana
0,00% madrelingua ladina

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[6]

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Eventi[modifica | modifica wikitesto]

I giochi medioevali[modifica | modifica wikitesto]

Dal 2005 a Sluderno si svolgono i giochi medioevali,[7] una ricostrtuzione storica che parte dal Primo secolo d.C. e arriva fino al tardo Medioevo, all'interno del quale si trovano tendoni, stand, un ippodromo e un'arena, animati da oltre 500 attori provenienti da tutta Europa. All'interno dell'area di 15 ettari si svolgono per alcuni giorni diverse manifestazioni, concerti, giochi e tornei, tra cui la Quintana, dove nobili cavalieri sono impegnati sui destrieri a far bella figura al cospetto delle damigelle. Altri momenti di interesse sono i concerti medievali, le dimostrazioni di rapaci, la scuola dei gladiatori e la corsa di carri romani. Tra le dimostrazioni più interessanti troviamo: un luogo di tortura, una esecuzione con la ghigliottina ad acqua e un processo per stregoneria.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Strade[modifica | modifica wikitesto]

Presso il territorio comunale di Sluderno, si intersecano tre strade statali:

Ferrovie[modifica | modifica wikitesto]

Il centro di Sluderno è servito dalla stazione di Sluderno-Glorenza, mentre la frazione di Spondigna dalla stazione di Spondigna. Entrambe le stazioni si trovano sulla ferrovia della Val Venosta.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
2005 2010 Erwin Wegmann SVP Sindaco
2010 gennaio 2014 Erwin Wegmann SVP Sindaco
gennaio 2014 maggio 2014 Anton Patscheider --- Commissario straordinario
maggio 2014 in carica Erwin Wegmann Lista civica Bürgerliste Schluderns Sindaco

Galleria fotografica[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF) in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ Progetto salvaguardia del rinolofo maggiore - Comune di Sluderno
  4. ^ AA.VV., Nomi d'Italia. Novara, Istituto Geografico De Agostini, 2004.
  5. ^ (EN) Heraldry of the World: Schluderns
  6. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  7. ^ Willkommen - Südtiroler Ritterspiele 2009 <-> Giochi Medievali 2009 | Schluderns - Sluderno - Churburg | 21. - 23.08.2009 [Official HP]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Alto Adige Portale Alto Adige: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Alto Adige