Avelengo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avelengo
comune
Avelengo/Hafling
Avelengo – Stemma
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Trentino-South Tyrol.svg Trentino-Alto Adige
Provincia Stemma Südtirol.svg Bolzano
Amministrazione
Sindaco Andreas Peer (SVP) dal 16/05/2010
Territorio
Coordinate 46°39′00″N 11°14′00″E / 46.65°N 11.233333°E46.65; 11.233333 (Avelengo)Coordinate: 46°39′00″N 11°14′00″E / 46.65°N 11.233333°E46.65; 11.233333 (Avelengo)
Altitudine 1.290 m s.l.m.
Superficie 27,4 km²
Abitanti 752[2] (31-12-2010)
Densità 27,45 ab./km²
Frazioni S. Caterina/St. Katharina, S. Osvaldo/Tschitt, Falzeben, Locher/Locherhöfe, Malga Maia/Maiser Alm, Paese di Dentro/Hinterdorf, Aspmair
Comuni confinanti Merano, Sarentino, Scena, Verano
Altre informazioni
Cod. postale 39010
Prefisso 0473
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 021005
Cod. catastale A507
Targa BZ
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Cl. climatica zona F, 4 446 GG[3]
Nome abitanti avelenghesi/Haflinger[1]
Patrono san Giovanni Battista
Giorno festivo 24 giugno
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Avelengo
Avelengo
Il territorio comunale
Il territorio comunale
Sito istituzionale

Avelengo (Hafling in tedesco) è un comune italiano di 756 abitanti della provincia autonoma di Bolzano in Trentino-Alto Adige. Fa parte del comprensorio del Burgraviato.

Il comune ha dato il nome al cavallo di razza Avelignese.

Chiesa di San Giovanni
Chiesa di Santa Caterina

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel territorio comunale sono stati rinvenuti reperti archeologici risalenti all'età di ferro, segnatamente Melchboden[4]. La topografia del centro abitato (caratterizzato da masi sparsi con una chiesa in posizione centrale) evidenzia le sue origini altomedievali, esattamente nel periodo della colonizzazione baiuvara. Nell'urbario dei conti del Tirolo del 1288 compaiono elencati i nomi dei singoli insediamenti.

Il comune fu accorpato nel 1931 a Merano, per poi tornare atonomo nel 1957.

Toponimo[modifica | modifica wikitesto]

Il toponimo è attestato per la prima volta nel 1170 come "Hafningen, Haviningo, Heviningen, Heveninga" e deriva probabilmente da hafele diminutivo di haf ("maso").[5][6]

Stemma[modifica | modifica wikitesto]

Lo stemma rappresenta un cavallo al naturale di razza avelignese, sopra un monte a tre cime di colore verde, attraversante un pino. La montagna ed il pino simboleggiano l'altitudine del borgo. Lo stemma è stato concesso nel 1967.[7]

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Presso il paese si trova il ponte con la maggior campata di tutto l’Alto Adige, restaurato nel 2008.[8]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Ripartizione linguistica[modifica | modifica wikitesto]

La popolazione di Avelengo è quasi totalmente di madrelingua tedesca. È del tutto assente il gruppo linguistico ladino:

 % Ripartizione linguistica (gruppi principali)
Fonte: Astat Censimento della popolazione 2011 - Determinazione della consistenza dei tre gruppi linguistici della Provincia Autonoma di Bolzano-Alto Adige - giugno 2012
97,58% madrelingua tedesca
2,42% madrelingua italiana
0,00% madrelingua ladina

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[9]


Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Secondo i dati ISTAT, al 31 dicembre 2010 la popolazione straniera residente ammontava a 42 persone.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
2005 2010 Josef Reiterer SVP Sindaco
2010 in carica Andreas Peer SVP Sindaco

Sport[modifica | modifica wikitesto]

La 15a tappa del Giro d'Italia 1988 si è conclusa a Merano 2000 con la vittoria del francese Jean-François Bernard.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ AA. VV., Nomi d'Italia. Origine e significato dei nomi geografici e di tutti i comuni, Novara, Istituto geografico De Agostini, 2006, p. 56.
  2. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF) in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  4. ^ Matthias Innerhofer, Günther Niederwanger, Ein Höhenfund am 'Melchboden', in «Der Schlern», 81, 2007, pp. 46-47.
  5. ^ Karl Finsterwalder, Ahrn, Erl, Afing, Welschnofen, Hafling und andere Tiroler Namen, in "Der Schlern", 37, 1963, pp. 321-323.
  6. ^ AA.VV., Nomi d'Italia. Novara, Istituto Geografico De Agostini, 2004
  7. ^ (EN) Heraldry of the World: Hafling
  8. ^ Provincia Autonoma di Bolzano - Alto Adige | Ufficio Stampa | Comunicati stampa
  9. ^ Statistiche I.Stat ISTAT  URL consultato in data 28-12-2012.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (DE) Trude Werther, Hafling: Geschichte und Geschichten eines Bergdorfes, Avelengo, Comune, 1998.
  • (DE) Michael Gruber, Chronik über 100 Jahre Haflinger Pferdezucht am Tschögglberg, Bolzano, Athesia, 2004.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità GND: 4515312-7