San Martino in Badia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
San Martino in Badia
comune
San Martino in Badia/St. Martin in Thurn/San Martin de Tor
San Martino in Badia – Stemma
San Martino in Badia – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Trentino-South Tyrol.svg Trentino-Alto Adige
Provincia Stemma Südtirol.svg Bolzano
Amministrazione
Sindaco Heinrich Videsott (lista civica) dal 16/05/2010
Territorio
Coordinate 46°41′00″N 11°54′00″E / 46.683333°N 11.9°E46.683333; 11.9 (San Martino in Badia)Coordinate: 46°41′00″N 11°54′00″E / 46.683333°N 11.9°E46.683333; 11.9 (San Martino in Badia)
Altitudine 1.127 m s.l.m.
Superficie 75,94 km²
Abitanti 1 726[1] (31-12-2010)
Densità 22,73 ab./km²
Frazioni Antermoia (Antermëia, Untermoi), Longiarù (Lungiarü, Campill), Piccolino (Piculin, Pikolein)
Comuni confinanti Badia, Bressanone, Corvara in Badia, Funes, La Valle, Luson, Marebbe, Santa Cristina Valgardena, Selva di Val Gardena
Altre informazioni
Cod. postale 39030
Prefisso 0474
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 021082
Cod. catastale H988
Targa BZ
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Cl. climatica zona F, 4 279 GG[2]
Nome abitanti ladins
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
San Martino in Badia
Il territorio comunale
Il territorio comunale
Sito istituzionale

San Martino in Badia (Sankt Martin in Thurn in tedesco, San Martin de Tor in ladino) è un comune italiano di 1.726 abitanti della provincia autonoma di Bolzano.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La frazione di Antermoia ha dato i natali a Alois Pupp, presidente della provincia Autonoma di Bolzano negli anni 1956-1960.

Toponimo[modifica | modifica wikitesto]

Il toponimo è attestato come Sant Martin in Geder nel 1260, Sand Martein nel 1334 e St. Martin an der Gader nel 1883, mentre Thurn è attestato come Thurn o Tor e si riferisce probabilmente al vicino Castel Tor (in tedesco Schloss Thurn, in ladino Ciastel de Tor). Dal 1923 al 1928 il paese si chiamò San Martino.[3][4]

Stemma[modifica | modifica wikitesto]

Lo stemma è inquartato: nella prima è raffigurata una torre d’argento con tetto azzurro su sfondo nero; nella seconda una croce patente d’argento, su sfondo rosso, sopra tre monti verdi; la terza di verde e la quarta di nero. La torre è un riferimento al Castel Tor e riprende le insegne di un casato del luogo, la croce sui monti ricorda che il comune un tempo era sede giurisdizionale.[5]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Ripartizione linguistica[modifica | modifica wikitesto]

La sua popolazione è per la quasi totalità di madrelingua ladina:

 % Ripartizione linguistica (gruppi principali)
Fonte: Astat Censimento della popolazione 2011 - Determinazione della consistenza dei tre gruppi linguistici della Provincia Autonoma di Bolzano-Alto Adige - giugno 2012
1,82% madrelingua tedesca
1,47% madrelingua italiana
96,71% madrelingua ladina

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[6]

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Musei[modifica | modifica wikitesto]

Il castello di San Martino in Badia (Thurn an der Gader) ospita il museo della storia e cultura ladina, il Museum Ladin[7][8].

Personalità[modifica | modifica wikitesto]

  • Gilbert Prousch, artista contemporaneo di fama internazionale, nato a S. Martino nel 1943 e emigrato a Londra
  • Florian Clara, slittinista su pista naturale, campione mondiale, europeo e 4 volte vincitore della coppa del mondo nella specialità del doppio

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
1995 Francesco Giuseppe Dejaco Sindaco
2005 2010 Francesco Dejaco lista civica Sindaco
2010 in carica Heinrich Videsott lista civica Sindaco

Galleria fotografica[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF) in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ Egon Kühebacher, Die Ortsnamen Südtirols und ihre Geschichte, vol. 1, Bolzano, Athesia, 1995, p. 225. ISBN 88-7014-634-0
  4. ^ AA.VV., Nomi d'Italia. Novara, Istituto Geografico De Agostini, 2004
  5. ^ Comuniweb: St. Martin in Thurn
  6. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28 dicembre 2012.
  7. ^ Sito del Museum Ladin
  8. ^ (DE) Sito sul castello

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (LLD) Pio Baldissera, San Martin de Tor - 500 agn dla dlijia (Rezia, 25), San Martin de Tor, Êrt pur i Ladins, 1994.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]