Lana (Italia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lana
comune
Lana – Stemma
Lana – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Trentino-South Tyrol.svg Trentino-Alto Adige
Provincia Stemma Südtirol.svg Bolzano
Amministrazione
Sindaco Harald Stauder (SVP) dal 16/05/2010
Territorio
Coordinate 46°37′00″N 11°10′00″E / 46.616667°N 11.166667°E46.616667; 11.166667 (Lana)Coordinate: 46°37′00″N 11°10′00″E / 46.616667°N 11.166667°E46.616667; 11.166667 (Lana)
Altitudine 310 m s.l.m.
Superficie 36,12 km²
Abitanti 11 230[3] (31-12-2010)
Densità 310,91 ab./km²
Frazioni Foiana/Völlan, Pavicolo/Pawigl[1]
Comuni confinanti Cermes, Gargazzone, Lagundo, Marlengo, Merano, Naturno, Parcines, Postal, San Pancrazio, Tesimo
Altre informazioni
Cod. postale 39011
Prefisso 0473
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 021041
Cod. catastale E434
Targa BZ
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Cl. climatica zona E, 2 904 GG[4]
Nome abitanti lanesi o lanensi/Lananer[2]
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Lana
Il territorio comunale
Il territorio comunale
Sito istituzionale

Lana (Lana anche in tedesco) è un comune italiano di 11.206 abitanti del Burgraviato nella provincia autonoma di Bolzano in Trentino-Alto Adige. È inoltre un comune mercato.

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel territorio comunale si trova il biotopo Delta del Valsura.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La frazione Foiana (Völlan), situata a 702 m s.l.m. tra il paese di Lana e il passo Palade, ospita dal 1977 un piccolo museo contadino. Presso la frazione si trova il castello Mayenburg e verso sud, in direzione di Tesimo, si trovano antichi ponti medievali. Ha dato i natali ad Armin Zöggeler, il migliore slittinista di tutti i tempi e uno degli sportivi più vincenti nella storia.

Dal 1913 al 1974 ebbe un collegamento ferroviario: la ferrovia Lana-Postal.

Dopo che, ai tempi del ventennio fascista, fu posto un obelisco allo svincolo per la strada che conduce al passo Palade, durante l'amministrazione del sindaco Christoph Gufler esso fu fatto spostare, a causa dei lavori per la costruzione di una nuova rotatoria, presso una sede periferica, cioè venne sistemato all'incrocio tra via Merano e via Valier. Alla fine del novembre 2012, il movimento Süd-Tiroler Freiheit ha protestato nuovamente, affinché tale monumento fascista venga del tutto eliminato.[5]

Toponimo[modifica | modifica wikitesto]

Il toponimo è attestato come Lóina nel 1034, come Lounaha nel 1048-1068, come Lŏnun nel 1143, come Leugugnano nel 1207, come Lonan nel 1275 e come Lugegnan nel 1281[6] e deriva probabilmente dal latino *Leonianum ("terreno di Leo").[7] Altre ipotesi sostengono una derivazione dal tedesco Lahn (a sua volta dal latino labina, "frana") o da "Lucanius".[8]

Stemma[modifica | modifica wikitesto]

Lo stemma raffigura una croce teutonica nera su sfondo argento ed un leone rosso rampante sovrapposto. Il leone è l’insegna dei Conti Brandis che ebbero un ruolo nello sviluppo del villaggio. Lo stemma è stato adottato nel 1967.[9]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Ripartizione linguistica[modifica | modifica wikitesto]

La sua popolazione è in larga maggioranza di madrelingua tedesca:

 % Ripartizione linguistica (gruppi principali)
Fonte: Astat Censimento della popolazione 2011 - Determinazione della consistenza dei tre gruppi linguistici della Provincia Autonoma di Bolzano-Alto Adige - giugno 2012
91,84% madrelingua tedesca
7,90% madrelingua italiana
0,26% madrelingua ladina

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[10]

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Secondo i dati ISTAT al 31 dicembre 2009 la popolazione straniera residente era di 889 persone. Le nazionalità maggiormente rappresentate in base alla loro percentuale sul totale della popolazione residente erano:

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

A Lana si trova la sede dell'associazione culturale Bücherwürmer, fondata nel 1980 e che dal 1993 intrattiene l'Archiv für Poesie ("Archivio della Poesia"), un istituto di raccolta sistematica di produzione letteraria internazionale della poesia.[11]

Dall'attività dell'Archivio è scaturita l'iniziativa Literatur Lana che offre annualmente con le cosiddette "Literaturtage" dibattiti e convegni con partecipazione internazionale.[12] Sono stati ospiti Ernst von Glasersfeld, Milo de Angelis o Peter Waterhouse. Inoltre viene bandito, ogni due anni, il premio letterario intitolato al poeta sudtirolese Norbert Conrad Kaser.

Musei[modifica | modifica wikitesto]

  • Museo sudtirolese della Frutticoltura (Südtiroler Obstbaumuseum): istituito nel 1990 e riguarda lo sviluppo delle tecniche colturali in Alto Adige. Si trova all'interno della Residenza Larchgut.[13]

Persone legate a Lana[modifica | modifica wikitesto]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
nel 1964 Josef Gruber Sindaco
2005 2010 Christoph Werner Gufler SVP Sindaco
2010 in carica Harald Stauder SVP Sindaco

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il Comune di Lana, Comune di Senale-San Felice. URL consultato il 18 dicembre 2014.
  2. ^ AA. VV., Nomi d'Italia. Origine e significato dei nomi geografici e di tutti i comuni, Novara, Istituto geografico De Agostini, 2006, p. 332.
  3. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  4. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF) in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  5. ^ Lana, la destra tedesca chiede l’eliminazione dell’obelisco su Alto Adige
  6. ^ Franz Huter, Tiroler Urkundenbuch I/1, Innsbruck, Ferdinandeum, 1937, Nr. 56, 62, 126 e 213.
  7. ^ Egon Kühebacher, Die Ortsnamen Südtirols und ihre Geschichte, vol. 1, Bolzano, Athesia, 1995, pp. 209s. ISBN 88-7014-634-0
  8. ^ AA.VV., Nomi d'Italia. Novara, Istituto Geografico De Agostini, 2004
  9. ^ (EN) Heraldry of the World: Lana
  10. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  11. ^ Sito dei "Bücherwürmer"
  12. ^ Sito di "Literatur Lana"
  13. ^ Museo sudtirolese della Frutticoltura

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (DE) Lana - Vergangenheit und Gegenwart, a cura della Raiffeisenkasse, Lana, Raiffeisen, 1985.
  • (DE) Albert Innerhofer, Reinhold Staffler, Stählerne Stege: der Seilbahnpionier Luis Zuegg, Bolzano, Raetia, 1996. ISBN 88-7283-078-8
  • (DE) Christoph Gufler, 100 Jahre Heimatschutz in Lana 1910-2010, Lana, Heimatschutzverein, 2010.
  • Giovanni Caliò, Arcipelago Lana - istantanee di una comunità, Merano-Lana, 2010.
  • (DE) Walter Garber, Erschließung Historischer Bibliotheken in Südtirol, 6: Die Kapuzinerbibliotheken von Lana und Neumarkt, Bressanone, Provinz Verlag, 2010. ISBN 978-88-88118-70-3

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Alto Adige Portale Alto Adige: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Alto Adige