Ponte Gardena

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ponte Gardena
comune
(IT) Ponte Gardena
(DE) Waidbruck
Ponte Gardena – Stemma
Ponte Gardena – Veduta
Dati amministrativi
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Trentino-South Tyrol.svg Trentino-Alto Adige
Provincia Stemma Südtirol.svg Bolzano
Sindaco Oswald Rabanser (SVP) dal 16/05/2010
Territorio
Coordinate 46°36′00″N 11°32′00″E / 46.6°N 11.533333°E46.6; 11.533333 (Ponte Gardena)Coordinate: 46°36′00″N 11°32′00″E / 46.6°N 11.533333°E46.6; 11.533333 (Ponte Gardena)
Altitudine 471 m s.l.m.
Superficie 2,33 km²
Abitanti 198[1] (31-12-2010)
Densità 84,98 ab./km²
Comuni confinanti Barbiano, Castelrotto, Laion
Altre informazioni
Cod. postale 39040
Prefisso 0471
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 021065
Cod. catastale G830
Targa BZ
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Cl. climatica zona F, 3 202 GG[2]
Nome abitanti pontegardenesi
(DE) Waidbrucker o Brucker
Localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Ponte Gardena
Il territorio comunale
Il territorio comunale
Sito istituzionale

Ponte Gardena (Waidbruck in tedesco, Pruca in ladino) è un comune italiano di 198 abitanti della provincia autonoma di Bolzano.

Geografia fisica[modifica | modifica sorgente]

Comune della Valle Isarco, facente parte dell'omonima Comunità comprensoriale e sito alla confluenza tra i fiumi Isarco e il rio Gardena.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il paese si sviluppò originariamento come satellite del castello e distretto giudiziale di castel Trostburg.

Nel 1887 fu realizzata la strada che collega il paese a Castelrotto.[3]

Toponimo[modifica | modifica sorgente]

Il toponimo è attestato come Waidepruk nel 1264, come ze Waidepruke nel 1288, come Waidprukk nel 1343 e come Prucke unter Trostperg nel 1473 e deriva dal tedesco Weide ("pascolo") e Brücke ("ponte"), col significato quindi di "ponte del pascolo", perché il paese è nato intorno al ponte che introduce nella Val Gardena (il "pascolo").[4][5]

Stemma[modifica | modifica sorgente]

Lo stemma simboleggia il ponte, raffigurato da una fascia innestata d'argento e di rosso, in campo azzurro, che indica il fiume Isarco. Il motivo argenteo e rosso deriva dalle insegne dei Conti di Wolkenstein proprietari del locale Castel Trostburg fin dal 1385. Lo stemma è stato adottato nel 1969.[6]

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica sorgente]

Monumento equestre[modifica | modifica sorgente]

Monumento al "Lavoro italiano", distrutto nel 1961

Il monumento equestre in alluminio dedicato al "Genio del Fascismo", fatto erigere da Mussolini nel 1938 presso l'ingresso della centrale idroelettrica Montecatini di Ponte Gardena, e ridedicato dopo il 1945 "Al Lavoro italiano", venne distrutto da un attentato del Bergisel-Bund il 29 gennaio del 1961.[7][8]

Società[modifica | modifica sorgente]

Ripartizione linguistica[modifica | modifica sorgente]

La sua popolazione è in maggioranza di madrelingua tedesca:

 % Ripartizione linguistica (gruppi principali)
Fonte: Astat Censimento della popolazione 2011 - Determinazione della consistenza dei tre gruppi linguistici della Provincia Autonoma di Bolzano-Alto Adige - giugno 2012
81,40% madrelingua tedesca
13,37% madrelingua italiana
5,23% madrelingua ladina

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[9]

Persone legate a Ponte Gardena[modifica | modifica sorgente]

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
2005 2010 Norbert Merler SVP Sindaco
2010 in carica Oswald Rabanser SVP Sindaco

Galleria fotografica[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ Josef Nössing, Weg- und Straßenentwicklung in der Marktgemeinde Kastelruth. Zur 100-Jahr-Feier der Eröffnung der Straße Waidbruck - Kastelruth - Seis - Bad Ratzes am 19. September 1887, Castelrotto, Comune di Castelrotto, 1987.
  4. ^ Egon Kühebacher, Die Ortsnamen Südtirols und ihre Geschichte, vol. 1, Bolzano, Athesia, 1995, p. 526. ISBN 88-7014-634-0
  5. ^ AA.VV., Nomi d'Italia. Novara, Istituto Geografico De Agostini, 2004
  6. ^ (EN) Heraldry of the World: Waidbruck-Ponte Gardena
  7. ^ Articolo Altoadige
  8. ^ Romano Canosa, Storia della criminalità in Italia dal 1946 a oggi, 1995.
  9. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (DE) Franz Huter, Die Entwicklung der Seelsorge Waidbruck, in «Der Schlern», 50, 1976, pp. 617–643.
  • (DE) Christoph Gasser, Freiwillige Feuerwehr Waidbruck 1902-2002: Chronik, Ponte Gardena, Comune, 2002.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Alto Adige Portale Alto Adige: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Alto Adige