San Martino in Passiria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
San Martino in Passiria
comune
San Martino in Passiria/St. Martin in Passeier
San Martino in Passiria – Stemma
San Martino in Passiria – Veduta
Dati amministrativi
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Trentino-South Tyrol.svg Trentino-Alto Adige
Provincia Stemma Südtirol.svg Bolzano
Sindaco Rosmarie Pamer (SVP) dal 16/05/2010
Territorio
Coordinate 46°47′00″N 11°14′00″E / 46.783333°N 11.233333°E46.783333; 11.233333 (San Martino in Passiria)Coordinate: 46°47′00″N 11°14′00″E / 46.783333°N 11.233333°E46.783333; 11.233333 (San Martino in Passiria)
Altitudine 597 m s.l.m.
Superficie 30,49 km²
Abitanti 3 143[1] (31-12-2010)
Densità 103,08 ab./km²
Frazioni Cresta/Christl, Montaccio/Mataz, Novale/Ried, Saltusio/Saltaus, Sorgente/Quellenhof, Valclava/Kalmtal, Vallone/Flon
Comuni confinanti Moso in Passiria, Rifiano, San Leonardo in Passiria
Altre informazioni
Cod. postale 39010
Prefisso 0473
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 021083
Cod. catastale H989
Targa BZ
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Cl. climatica zona F, 3 291 GG[2]
Nome abitanti Sammartinesi (IT); St. Martiner (DE)
Patrono San Martino
Localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
San Martino in Passiria
Il territorio comunale
Il territorio comunale
Sito istituzionale

San Martino in Passiria (St. Martin in Passeier in tedesco) è un comune italiano di 3.137 abitanti della provincia autonoma di Bolzano situato in Val Passiria, della quale è il capoluogo di fatto.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Presso la frazione di Saltusio (Saltaus), si trova lo Sbarramento di Saltusio del Vallo Alpino in Alto Adige. Le opere 2 e 3 sono state riadattate dall'artista Matthias Schönweger nel BunCor (in tedesco Herzbunker), in ricordo dei fuochi del Sacro Cuore di Gesù.[3]

Toponimo[modifica | modifica sorgente]

Il toponimo è attestato come Passyr nel 1078, come S. Martini nel 1148, come Sand Martein nel 1340 e S. Martin nel 1341.[4][5]

Stemma[modifica | modifica sorgente]

Lo stemma è partito; nella prima parte è rappresentata un'alabarda azzurra su sfondo argento, nella seconda metà è raffigurata una ruota d’argento a quattro raggi su sfondo azzurro. L’alabarda simbolizza i privilegi accordati un tempo ai liberi contadini, la ruota la laboriosità del villaggio.[6]

Personaggi[modifica | modifica sorgente]

Società[modifica | modifica sorgente]

Ripartizione linguistica[modifica | modifica sorgente]

La sua popolazione è per la quasi sua totalità di madrelingua tedesca:

 % Ripartizione linguistica (gruppi principali)
Fonte: Astat Censimento della popolazione 2011 - Determinazione della consistenza dei tre gruppi linguistici della Provincia Autonoma di Bolzano-Alto Adige - giugno 2012
99,10% madrelingua tedesca
0,86% madrelingua italiana
0,03% madrelingua ladina

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[7]

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
2005 2010 Hermann Anton Pirpamer SVP Sindaco
2010 in carica Rosmarie Pamer SVP Sindaco

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ BunCor - Museo dei Cuori
  4. ^ Egon Kühebacher, Die Ortsnamen Südtirols und ihre Geschichte, vol. 1, Bolzano, Athesia, 1995, p. 394. ISBN 88-7014-634-0
  5. ^ AA.VV., Nomi d'Italia. Novara, Istituto Geografico De Agostini, 2004
  6. ^ Tirol Atlas: San Martino in Passiria
  7. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (DE) Harald Haller, Die Getreidemühlen in Passeier (Schriften des Landwirtschaftlichen Museums Brunnenburg, NS 5), S. Martino, Medus, 1992.
  • (DE) Isidor Plangger et al., Faszinierendes Passeier, S. Martino, Verlag Passeier, 2005. ISBN 88-89474-01-7

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Alto Adige Portale Alto Adige: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Alto Adige