Caprauna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Caprauna
comune
Caprauna – Stemma Caprauna – Bandiera
Caprauna – Veduta
Panorama dal monte Dubasso
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Piemonte-Stemma.svg Piemonte
ProvinciaProvincia di Cuneo-Stemma.png Cuneo
Amministrazione
SindacoMarco Mordeglia (lista civica) dal 16/05/2011
Territorio
Coordinate44°07′N 7°57′E / 44.116667°N 7.95°E44.116667; 7.95 (Caprauna)Coordinate: 44°07′N 7°57′E / 44.116667°N 7.95°E44.116667; 7.95 (Caprauna)
Altitudine959 m s.l.m.
Superficie11,5 km²
Abitanti105[1] (31-5-2017)
Densità9,13 ab./km²
FrazioniCase Sottane, Chiazzuola, Poggio, Ruora
Comuni confinantiAlto, Aquila di Arroscia (IM), Armo (IM), Borghetto d'Arroscia (IM), Ormea, Pieve di Teco (IM)
Altre informazioni
Cod. postale12070
Prefisso0174
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT004039
Cod. catastaleB692
TargaCN
Cl. sismicazona 3A (sismicità bassa)
Nome abitanticapraunesi
Patronosant'Antonino
Giorno festivo2 settembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Caprauna
Caprauna
Sito istituzionale

Caprauna (Cravaun-a in piemontese e Cravaüna in ligure) è un comune italiano di 105 abitanti della provincia di Cuneo in Piemonte.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

È situato nella parte terminale della Val Pennavaira nel versante marittimo/ligure delle Alpi. Con il vicino comune di Alto, a differenza di tutti gli altri comuni della valle, fa parte della Regione Piemonte e pertanto sono gli unici due comuni del Piemonte non facenti parte della Val Padana.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nell'XI secolo il territorio di Caprauna faceva parte dei possedimenti di Bonifacio del Vasto quindi, dopo lo smembramento di questi, pervenne ai Marchesi di Clavesana (già signori di Albenga) che il 25 luglio 1320 lo infeudarono, insieme ad Alto. Nel 1736, per effetto dei patti preliminari al Trattato di Vienna, il feudo passò con numerosi altri feudi piemontesi al Regno di Sardegna.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[2]


Luoghi di interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

La parrocchiale
  • Chiesa parrocchiale di Sant'Antonino martire
  • Oratorio di San Bartolomeo, sede dell'omonima Confraternita
  • Cappella di San Rocco in località Ruora
  • Cappella di San Bernardo in località Poggio
  • Cappella di San Sebastiano in località Chiazzuola
  • Cappella della Madonna della neve in località Case Sottane
  • Santuario dell'Assunta
  • Pilone votivo sul sentiero per il santuario dell'Assunta

Musei[modifica | modifica wikitesto]

  • Il Museo etnografico è stato aperto nel 2000. Vi sono esposti sia oggetti e fotografie d'epoca che testimoniano la civiltà contadina del Comune, sia materiale informativo su grotte, flora e fauna locali. Il Museo è completato da una sezione riguardante la preistoria della Val Pennavaira, costituita da pannelli e calchi, a cura del Laboratorio di antropologia storica e sociale delle Alpi Marittime (LASA).

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Eventi[modifica | modifica wikitesto]

Annualmente la Pro Loco e il Comune organizzano le seguenti feste:

  • prima domenica di agosto la Festa della Formaggetta e del Pan de Ca';
  • in ottobre la festa della Rapa di Caprauna, presidio Slow Food.

Cucina[modifica | modifica wikitesto]

Dal 2003 Caprauna ha ottenuto il presidio Slow Food per la rapa bianca di pasta gialla, ortaggio da sempre coltivato dai capraunesi, ma solo recentemente riscoperto per il suo gusto e valorizzato per le sue proprietà organolettiche uniche. Si tratta di un prodotto stagionale ed è reperibile in numerosi negozi e mercati delle province vicine al luogo di produzione.

Anche il Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali ha riconosciuto la rapa bianca come un prodotto tradizionale.[3]

La prima domenica di ottobre si svolge la Festa della Rapa di Caprauna, manifestazione che richiama centinaia di visitatori, durante la quale è possibile gustare diverse preparazioni gastronomiche a base di rape a pasta gialla.

L'amministrazione comunale è oggi impegnata in una azione di recupero territoriale e ambientale, per permettere il recupero delle coltivazioni delle rape sui terrazzamenti già esistenti, il ripristino di quelli danneggiati e a promuovere una serie di iniziative volte a incentivare coloro che intendono ricominciare questo tipo di coltivazione.

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio del Comune ospita anche alcune attività sportive, quali il free climbing ed il Tiro al piattello.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Strade[modifica | modifica wikitesto]

Caprauna è facilmente raggiungibile in automobile dalla Riviera Ligure (25 minuti circa dal casello autostradale di Albenga, direzione Garessio- bivio per Ormea) e dal basso Piemonte (45 minuti circa dal casello autostradale di Ceva, direzione Garessio/Ormea, dopo Ormea - bivio per Caprauna).

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Il municipio
Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
14 maggio 2001 30 maggio 2006 Rinaldo Arnaldi Indipendente Sindaco [4]
30 maggio 2006 16 maggio 2011 Rinaldo Arnaldi Lista civica Sindaco [5]
16 maggio 2011 in carica Marco Mordeglia Lista civica Sindaco [6]

Altre informazioni amministrative[modifica | modifica wikitesto]

Caprauna fa parte della comunità montana Alto Tanaro Cebano Monregalese[7].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 maggio 2017.
  2. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  3. ^ http://www.regione.piemonte.it/agri/vetrina/prodottitipici/pat/ortaggi/rapacaprauna.htm Rapa bianca
  4. ^ Elezioni del 13 maggio 2001, su amministratori.interno.it.
  5. ^ Elezioni del 28 maggio 2006, su amministratori.interno.it.
  6. ^ Elezioni del 15 maggio 2011, su amministratori.interno.it.
  7. ^ Comunità montana Alto Tanaro Cebano Monregalese, su vallinrete.it. URL consultato il 10 maggio 2011.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cuneo Portale Cuneo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cuneo