Pianfei

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Pianfei
comune
Pianfei – Stemma
Pianfei – Veduta
Pianfei – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Piemonte-Stemma.svg Piemonte
ProvinciaProvincia di Cuneo-Stemma.svg Cuneo
Amministrazione
SindacoMarco Turco (lista civica) dal 26-5-2014
Territorio
Coordinate44°22′22″N 7°42′45″E / 44.372778°N 7.7125°E44.372778; 7.7125 (Pianfei)
Altitudine503 m s.l.m.
Superficie15,31 km²
Abitanti2 125[1] (31-8-2020)
Densità138,8 ab./km²
FrazioniAmbrosi, Bassa, Blangetti, Gariè, Mussi, Prato Salice, Ressia, Revelli, Viglioni
Comuni confinantiChiusa di Pesio, Margarita, Mondovì, Roccaforte Mondovì, Villanova Mondovì
Altre informazioni
Cod. postale12080
Prefisso0174
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT004165
Cod. catastaleG561
TargaCN
Cl. sismicazona 3 (sismicità bassa)[2]
Cl. climaticazona E, 2 939 GG[3]
Nome abitantipianfeiesi
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Pianfei
Pianfei
Pianfei – Mappa
Pianfei – Mappa
Posizione di Pianfei nella provincia di Cuneo
Sito istituzionale

Pianfei (Pianfèj in piemontese) è un comune italiano di 2 125 abitanti della provincia di Cuneo, in Piemonte. Fa parte della comunità montana delle Alpi del Mare.[4]

Origini del nome[modifica | modifica wikitesto]

Secondo la versione più accreditata, il nome deriverebbe dalla presenza di numerose boscaglie di faggi (pian-foi, poi italianizzato in -fei); altre ipotesi, invece, sostengono l'idea che -fei derivi dalle felci; ancora, in alcune varianti dialettali locali il gregge (ovini) è chiamato fe (con e aperta).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

«Planum Faytum»: il piano dei faggi. La prima at­testazione rinvenuta risale a un atto del 7 settembre 1256 con il quale il dominus Enrico de Vasco vende al dominus Rufino «de Boçolasco» e a Bonifacio «de Boçolasco» tutto ciò che detiene nel territorio di Mondovì, «in finibus que appellantur Frascheta et Planum Faytum et circa ipsos fines».

Dipendenze nel Medioevo - Comitato di Bredulo. L’appartenenza del luogo ai «do­mini de Vasco» e «de Boçolasco», in mancanza di altri riscontri, non è ben valutabile, anche in considerazione della presenza, sicura e forte, dei signori di Morozzo nella zona: questi ultimi contribuiscono alla fondazione del monastero cistercense femminile di Pogliola e considerano il priorato di S. Biagio come monastero di famiglia; entram­bi insistono molto da vicino sul territorio pianfeiese.

Il fatto di non avere un forte nucleo organizzato è certamente l’aspetto più limitativo per Pianfei, alle soglie dell’età moderna: Pianfei continua ad essere associato a Lens e alla Fraschea, ma che cosa sono queste ultime se non gruppi di case isolate senza nessuna possibilità di ulteriori sviluppi? Si può dire comunque che è iniziata una fase nuova, che gli varrà il riconoscimento di comunità autonoma nel 1698, anche se, come noterà l’intendente Corvesy, «non fa corpo unito, meno v’è alcun gruppo di case di qualche riguardo, ma trovasi tutto disperso alla campagna» (BRT, Storia patria n. 853, Relazioni della provincia di Mondovì, relat. Corvesy 1753, p. 319).

Feudo - Pianfei viene infeudato a Carlo Vincenzo Ferrero d’Ormea nel 1739 (Gattullo 1992, p. 157), che lo acquista dal conte Giuseppe Maria Solaro della Margaherita, che lo deteneva dal 1699.

"(...) L'interessamento ad un piccolo feudo come quello di Pianfei manifestato dal Marchese d'Ormea, uomo giunto al vertice della posizione sociale e politica, deve aver avuto ben fondate ragioni, se era così forte da spingerlo ad esigere, con pressante richiesta, la rinuncia al feudo da parte del Conte Vittorio Amedeo della Margarita, noto per il suo carattere insofferente ed altero, propenso al puntiglio e alla lite. Si può pensare all'interesse derivante dalla vicinanza dei vasti possedimenti goduti nel Comune di Bejnette a lui infeudato. Ma la ragione principale va forse ricercata nel vivo desiderio di rientrare da signore nei possedimenti aviti a riparazione morale degli affronti subiti dalla sua famiglia nelle persone del padre e del nonno. Inoltre l'attaccamento della famiglia Ferrero alla contrada di Pianfei ha origini antiche come si può desumere da alcuni atti contenuti nel cosìddetto «Libro rosso del monteregale» tuttora conservato gelosamente dal Comune di Mondovì. Si apprende da essi che nel 1449 la «Città del monteregale» diede in enfiteusi complessive contosessanta giornate di terreno site ai confini del proprio territorio, in località Roncaglia, poste sotto la piana di Pianfei (ubi dicitur Ronchalia de subtus planum Faytum) ossia i prati, le terre incolte e i boschi esistenti nella ripa di Pianfei descritti nell’elenco dei possedimenti  della “Ciità”, redatto nell’anno 1291, a 6 particolari di Villanova e precisamente a Petro Glielmina, Vieto Bonoioanni, Antonio Garello Ansellmi, Antonio Longhi, Frielino Bonoioanni, Ardizzono Bonoioanni, con l'impegno da parte degli enfiteuti di disboscare e coltivare i terreni oltre al pagamento di un canone annuo. Si può dire che questo sia stato il primo insediamento di gente nella campagna di Piantei e si spiega pure la configurazione dell'abitato che è venuto formandosi lungo tutto il ciglio della ripa, posizione più salubre e sicura da dove i contadini potevano raggiungere facilmente le loro sottostanti terre. Successivamente, nel 1510 la « Città» cedette la zona, salvi i diritti di terzi, al nobile Francesco Vivalda creando dissapori, invidie e contese, non incruente, fra l'acquirente ed il nobile Franceso Borgo Ferrero che la voleva per sé. Nel 1516 il Vivalda, per sua remissità, cedeva alle pressioni e definiva la contesa cedendo metà territorio al Borgo Ferrero. (...) Uomo d'azione, il marchese d'Ormea, non perse tempo e s'interessò subito al suo feudo, iniziando, nello stesso anno della sua infeudazione, la costruzione del canale «Mondina» derivandone l'acqua dai confini di Chiusa Pesio e portandola fino alla «Torre», presso i Revelli, per poter irrigare, lungo il percorso, le sue proprietà. Il termine «Mondina» fu usato in un secondo tempo per indicare il canale nell'uso comune del parlare, facendo riferimento al cognome del procuratore generale del Marchese «il molto illustre signor notaio Vincenzo Mondino» il quale aveva convocato, come rappresentante del Marchese, in Mondovì presso la Segreteria della Prefettura davanti al notaio rogatario Giorgio Stefano Bongioanni «del luogo della Novalesa e cittadino di Mondovì» assistito da altri due notai del luogo quali testimoni, tutti i proprietari interessati alla cessione dei terreni per il passaggio del canale. E da Pianfei ben 67 proprietari si mossero in blocco solleciti e puntuali alla chiamata, sobbarcandosi, in piena obbedienza, al non lieve gravame del tragitto da percorrere. (...) Ogni nobile nel proprio feudo eleggeva una sede a sua residenza signorile. E così hanno fatto i Solero e i Ferrero. Infatti Pietro Paolo, secondogenito del conte Giuseppe Maria Solaro della Margarita, fu per questo detto il Cavaliere di Pianfei. Nel locale registro parrocchiale degli atti di nascita io stesso ho letto, scritto con ricercata bella calligrafia, l'atto di nascita di una bambina appartenente alla nobile famiglia Ferrero. Resta ora da individuare questo luogo di residenza, non esistendo in Pianfei alcuna tradizione in proposito, anzi non vi è nemmeno il più piccolo ricordo che Pianfei sia stato infeudato. Esaminati tutti i fabbricati della zona, uno solo si presenta con un aspetto signorile e di gradevole fattura architettonica - vero palazzotto settecentesco - le cui caratteristiche, anche interne, consentono di affermare che, senza dubbio, questa sola possa essere stata la degna sede dei Solaro prima e del Ferrero successivamente. Questo fabbricato è situato nella frazione Ambrosi, attualmente di proprietà della famiglia Ambrosio. In esso visse per lunghi anni il pittore Giuseppe Sacheri. Una lapide posta sulla facciata lo ricorda. È a pianta quadrata con la facciata principale, a mezzogiorno, di signorile eleganza di ispirazione settecentesca, mentre le altre tre sono rustiche, senza alcun motivo architettonico che ne attenui la rozzezza e si presentano di aspetto severo adatto ad antico fortilizio: il prospetto principale è stato costruito dopo l'infeudazione di Pianfei per rispondere alle nuove esigenze (1698) in sostituzione dell'altra esistente, certamente simile nell'aspetto alle altre tre. Una iscrizione moraleggiante, datata 1677, posta nella facciata di levante conferma l'esistenza del fabbricato prima della costruzione dell'attuale facciata. Il complesso si è mantenuto signorilmente isolato. Considerando poi che fin dal 1516 i Ferrero erano presenti in Pianfei, potrebbe darsi - ipotesi attendibile - che quello fosse il loro punto di appoggio per il controllo delle loro sottostanti terre e che la casa a loro rovinata fosse proprio quella. (...)"[5] La comunità del territorio del Planum Faytum/Pianfei assume dunque una sua autonomia nel 1698, per decreto del duca Amedeo II di Savoia, separandosi dal comune del Monteregale/Mondovì al quale apparteneva dal secolo XII; e costituendosi Comune autonomo e dotato di poteri propri. Tuttavia già un centinaio d'anni prima, alcuni gruppi familiari lì stabilizzati e ancora non organizzati in alcuna forma comunitaria, chiedono al Legato Pontificio, Visitatore Apostolico mons. Scarampi la costituzione della parrocchia, ottenendone l'erezione il 17 marzo 1583 e l'immediato smembramento del territorio pianfeiese dalla giurisdizione dalla parrocchia di Villanova Alta, l'antichissima chiesa-madre di S.Caterina, assai lontana per quei tempi e difficoltosa da raggiungere nei mesi invernali per ricevere debita cura pastorale e sacramenti in extremis. La nascente Parrocchia di Pianfei viene dedicata a S.Giovanni Battista e a S.Michele Arcangelo. I confini del territorio parrocchiale di Pianfei venivano indicati dalle limitazioni tradizionali che riguardavano il territorio del Planum Faytum: l'altipiano costituente la zona principale -che dai monti situati a sud si distende fino al pendio della località Blangetti- delimitato fra la grande scarpata della valle del Pesio e il rio Pogliola, costeggiante le colline di Villanova; del Lens, l'ampia pianura adagiata sulla sinistra della valle del Pesio, da sud a nord; dalla Freschea, la pianura posta a settentrione tra Pesio e la località di Pogliola, al di sopra del Canale Brobbio-Pesio; infine di Prato-Ferrero, la borgata collocata sul pendio degradante dall'altipiano di Roracco e di S.Grato. I restanti confini, venivano a coincidere con i limiti di Chiusa Pesio, di Beinette, di Morozzo-Margarita.

La comunità del territorio del Planum Faytum/Pianfei assume dunque una sua autonomia nel 1698, per decreto del duca Amedeo II di Savoia, separandosi dal comune del Monteregale/Mondovì al quale apparteneva dal secolo XII; e costituendosi Comune autonomo e dotato di poteri propri. Tuttavia già un centinaio d'anni prima, alcuni gruppi familiari lì stabilizzati e ancora non organizzati in alcuna forma comunitaria, chiedono al Legato Pontificio, Visitatore Apostolico mons. Scarampi la costituzione della parrocchia, ottenendone l'erezione il 17 marzo 1583 e l'immediato smembramento del territorio pianfeiese dalla giurisdizione dalla parrocchia di Villanova Alta, l'antichissima chiesa-madre di S.Caterina, assai lontana per quei tempi e difficoltosa da raggiungere nei mesi invernali per ricevere debita cura pastorale e sacramenti in extremis. La nascente Parrocchia di Pianfei viene dedicata a S.Giovanni Battista e a S.Michele Arcangelo. I confini del territorio parrocchiale di Pianfei venivano indicati dalle limitazioni tradizionali che riguardavano il territorio del Planum Faytum: l'altipiano costituente la zona principale -che dai monti situati a sud si distende fino al pendio della località Blangetti- delimitato fra la grande scarpata della valle del Pesio e il rio Pogliola, costeggiante le colline di Villanova; del Lens, l'ampia pianura adagiata sulla sinistra della valle del Pesio, da sud a nord; dalla Freschea, la pianura posta a settentrione tra Pesio e la località di Pogliola, al di sopra del Canale Brobbio-Pesio; infine di Prato-Ferrero, la borgata collocata sul pendio degradante dall'altipiano di Roracco e di S.Grato. I restanti confini, venivano a coincidere con i limiti di Chiusa Pesio, di Beinette, di Morozzo-Margarita.

Tali confini risalenti al 1583, segnano sostanzialmente tutt'ora anche il territorio comunale di Pianfei. (A.Mandrile 1983)

Il territorio di Pianfei viene delimitato varie volte nel corso del Settecento: nel 1715, 1755, e 1797, senza sostanziali contestazioni. I confini naturali continuano a connotarlo con sufficiente chiarezza; allo sconfinamento prodotto dalla bealera di Lens a cau­sa delle piene del Pesio, la città rimedia stabilendo che la linea divisionale debba ini­ziare più a ridosso del fiume.

Una nuova delimitazione avviene negli anni 1888-1894 (G.Comino)


Simboli[modifica | modifica wikitesto]

Dalla vecchia denominazione del luogo, Planum Faytum = Piano dei faggi o Piano alberato, venne tramandato un ricordo simbolico ancora, con la costituzione autonoma Civico-Amministrativa di questa terra, nel 1698, nello stemma-emblema del nuovo Comune, nel quale è raffigurato un albero su di un prato verde, incentrato da un fondo azzurro; ricordo araldico di quando questo altipiano era in gran parte un unico bosco o foresta popolata di grosse piante di faggi, castagni e querce-rovere. Dalla derivazione dell'antico nome latino di quell'altipiano d'allora in poi fu indicato tutto il territorio Parrocchiale e Comunale, che alla verde altura fa tutt'ora capo. (Mandrile 1983)

Lo stemma del comune di Pianfei è stato concesso con regio decreto del 4 aprile 1929.[6]

«D'argento, alla pianta di faggio al naturale, terrazzata di verde. Ornamenti esteriori da Comune.»

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[7]

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Secondo i dati Istat al 31 dicembre 2017, i cittadini stranieri residenti a Pianfei sono 432[8], così suddivisi per nazionalità, elencando per le presenze più significative[9]:

  1. Romania, 41
  2. Marocco, 39

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Arte[modifica | modifica wikitesto]

  • Giuseppe Sacheri (1836-1950) - Campagna piedemontana con nuvole e specchio d'acqua, olio su cartone - Collezione Comune di Pianfei
    Pianfei e Giuseppe Sacheri (Genova 1836 -Pianfei 1950)
    il pittore Giuseppe Sacheri negli anni '30 nella campagna di Pianfei
    la residenza-studio di Giuseppe Sacheri a Pianfei, già residenza delle famiglie feudatarie Solaro e Ferrero
    La località di Pianfei era nota alla famiglia dell'illustre pittore ligure Giuseppe Sacheri per villeggiature estive dall'inizio secolo Novecento. La sua fervente attività artistica lo porta in giro per il mondo, partecipando a esposizioni nazionali (Genova, Torino, Milano, Venezia, Firenze, Roma) e internazionali e mietendo successi un po' ovunque (Germania, Polonia, Bruxelles, Parigi, San Francisco, Lima; Olanda, Danimarca). Nel 1927 sembra che il Sacheri sessantaquattrenne senta il bisogno di ripensare completamente alla sua pittura e come voltando dolcemente pagina, passa dalle sue "marine", ai "campi" e si trasferisce dall'elegante e raffinata abitazione studio di Genova, in una grande casa nella campagna di Pianfei, il cui territorio lo aveva già comiciato ad ispirare. Già nel 1938, in una sua mostra personale a Genova, su 62 quadri almeno metà sono della campagna di Pianfei e tre riportano Pianfei nel titolo (Nei pressi di Pianfei; Pianfei:inverno; Autunno a Pianfei). Negli anni di permanenza a Pianfei, feconda di pittura e ricca di studio, l'anziano artista continua la sua lunga sperimentazione nella pittura, trovando giorno dopo giorno in quei semplici ed ariosi paesaggi di natura agreste, sempre nuove ispirazioni: si direbbe all'infinito, rendendoli eterni, come solo un grande artista può fare. Giuseppe Sacheri termina la sua piena e longeva vita terrena a Pianfei nel 1950, nella casa-studio agli Ambrosi. L'artista riposa nel cimitero del paese vicino alla moglie, Maria Majneri, monregalese, anch'essa artista. I nipoti, figli della figlia Elda, ne sono gli affezionati e legittimi eredi.
    Chiesa confraternita di San Michele Arcangelo

Manifestazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Presepe meccanico in Crusà. Dal 1997 è allestito ogni anno, durante le feste natalizie, nella confraternita di San Michele Arcangelo (secolo XVII), più nota come Crusà, su una superficie di circa 30 m².

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Frazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Blangetti, fa parte della parrocchia di San Giuseppe e San Bernolfo. L'ultima domenica di aprile viene festeggiato il patrono san Giuseppe con messa e processione.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Il palazzo municipale
Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
12 luglio 1985 24 aprile 1995 Salvagno Giovanni Lista Civica Sindaco
24 aprile 1995 14 giugno 2004 Salvagno Maria Luisa (Marisa) Lista civica Sindaco
14 giugno 2004 7 giugno 2009 Spirito Marabotto Lista civica Sindaco
26 maggio 2014 in carica Marco Turco Lista civica Sindaco

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 agosto 2020 (dato provvisorio).
  2. ^ Classificazione sismica (XLS), su rischi.protezionecivile.gov.it.
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2017).
  4. ^ Statuto della comunità montana delle Alpi del Mare (PDF), su cmalpidelmare.org. URL consultato il 22 luglio 2011.
  5. ^ Ing.Ugo Tonelli, Infeudamento del comune di Pianfei, in Provincia Granda, N.2 anno 1984.
  6. ^ Pianfei, decreto 1929-04-04 RD, concessione di stemma, su dati.acs.beniculturali.it. URL consultato il 14 ottobre 2021.
  7. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  8. ^ Dato Istat al 31/12/2017, su demo.istat.it. URL consultato il 23 agosto 2018.
  9. ^ Dati superiori alle 20 unità

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Pro Loco di Pianfei, su pianfei.com. URL consultato il 27 luglio 2019 (archiviato dall'url originale il 5 marzo 2016).
  Portale Cuneo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cuneo