Baldissero d'Alba

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Baldissero d'Alba
comune
Baldissero d'Alba – Stemma Baldissero d'Alba – Bandiera
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Piemonte-Stemma.svg Piemonte
ProvinciaProvincia di Cuneo-Stemma.png Cuneo
Amministrazione
SindacoMichele Lusso (lista civica) dal 26-5-2014
Territorio
Coordinate44°46′N 7°55′E / 44.766667°N 7.916667°E44.766667; 7.916667 (Baldissero d'Alba)Coordinate: 44°46′N 7°55′E / 44.766667°N 7.916667°E44.766667; 7.916667 (Baldissero d'Alba)
Altitudine380 m s.l.m.
Superficie15,33 km²
Abitanti1 058[1] (31-8-2020)
Densità69,02 ab./km²
Comuni confinantiCeresole d'Alba, Corneliano d'Alba, Montaldo Roero, Sommariva del Bosco, Sommariva Perno
Altre informazioni
Cod. postale12040
Prefisso0172
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT004010
Cod. catastaleA589
TargaCN
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)[2]
Cl. climaticazona E, 2 786 GG[3]
Nome abitantibaldisseresi
Patronosanta Caterina[non chiaro]
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Baldissero d'Alba
Baldissero d'Alba
Baldissero d'Alba – Mappa
Posizione di Baldissero d'Alba nella provincia di Cuneo
Sito istituzionale

Baldissero d'Alba (Baussé in piemontese) è un comune italiano di 1 058 abitanti della provincia di Cuneo in Piemonte. Fa parte della delimitazione geografica del Roero.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Le "rocche del Roero".

Storia[modifica | modifica wikitesto]

È stato possedimento della famiglia "de Summaripa", signori di Sommariva Perno. Nel Duecento, passò sotto il Marchesato di Saluzzo e seguì le sue sorti fino a diventare possedimento francese nel 1547.

Verso la fine del secolo XVI i Baldissero, ramo dei Summaripa, in seguito a legami con la famosa famiglia romana, assunsero il nome di Colonna. Venne occupato nel 1588 da Carlo Emanuele I di Savoia.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Architetture militari[modifica | modifica wikitesto]

  • Castello dei Colonna citato già nel 1268. Conserva al suo interno resti dell'antica cappella gotica con pareti affrescate. All'esterno è visibile ancora una parte della cinta muraria con la torre detta "dei Coltelli" .

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[4]

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Secondo i dati ISTAT al 31 dicembre 2017 la popolazione straniera residente è di 62 persone. Le nazionalità maggiormente rappresentate sono:

  1. Romania, 32

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Ricorrenze[modifica | modifica wikitesto]

Feste e fiere[modifica | modifica wikitesto]

  • Terra & sapori (ex festa delle fragole, 20 maggio)
  • Festa del grano (frazione Baroli, fine luglio)
  • Festa della Madonnina (località Aprato, 8 settembre)
  • Festa di Santa Caterina (patronale, 25 novembre)

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Si fonda principalmente sull'agricoltura e sulla produzione dei vini Roero e Roero Arneis. Inoltre è ancora discretamente diffusa la coltivazione della fragola.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
14 giugno 1999 14 giugno 2004 Sergio Coraglia Indipendente Sindaco [5]
14 giugno 2004 8 giugno 2009 Cinzia Gotta Torre Lista civica Sindaco [6]
8 giugno 2009 13 maggio 2014 Cinzia Gotta Lista civica Sindaco [7]
13 maggio 2014 26 maggio 2014 Claudia Bergia Commissario Prefettizio [8]
26 maggio 2014 in carica Michele Lusso Lista civica Sindaco [9]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 agosto 2020 (dato provvisorio).
  2. ^ Classificazione sismica (XLS), su protezionecivile.gov.it.
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2017).
  4. ^ Statistiche I.Stat ISTAT  URL consultato in data 28-12-2012.
  5. ^ Elezioni del 13 giugno 1999, su amministratori.interno.it.
  6. ^ Elezioni del 13 giugno 2004, su amministratori.interno.it.
  7. ^ Elezioni del 7 giugno 2009, su amministratori.interno.it.
  8. ^ Commissariato, su amministratori.interno.it.
  9. ^ Elezioni del 25 maggio 2014, su elezioni.interno.it.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]