Castiglione Tinella

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Castiglione Tinella
comune
Castiglione Tinella – Stemma Castiglione Tinella – Bandiera
Castiglione Tinella – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Piemonte-Stemma.svg Piemonte
ProvinciaProvincia di Cuneo-Stemma.png Cuneo
Amministrazione
SindacoBruno Penna (lista civica) dal 30-3-2010
Territorio
Coordinate44°44′N 8°11′E / 44.733333°N 8.183333°E44.733333; 8.183333 (Castiglione Tinella)Coordinate: 44°44′N 8°11′E / 44.733333°N 8.183333°E44.733333; 8.183333 (Castiglione Tinella)
Altitudine408 m s.l.m.
Superficie11,63 km²
Abitanti835[1] (31-8-2020)
Densità71,8 ab./km²
FrazioniBalbi, San Carlo, San Giorgio, San Martino
Comuni confinantiCalosso (AT), Castagnole delle Lanze (AT), Coazzolo (AT), Costigliole d'Asti (AT), Santo Stefano Belbo
Altre informazioni
Cod. postale12053
Prefisso0141
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT004056
Cod. catastaleC317
TargaCN
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)[2]
Cl. climaticazona E, 2 821 GG[3]
Nome abitanticastiglionesi
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Castiglione Tinella
Castiglione Tinella
Castiglione Tinella – Mappa
Posizione di Castiglione Tinella nella provincia di Cuneo
Sito istituzionale

Castiglione Tinella (Castion Tinela in piemontese) è un comune italiano di 835 abitanti della provincia di Cuneo in Piemonte.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

  • Santuario della Madonna del Buon Consiglio
  • Chiesa parrocchiale di Sant'Andrea
  • Chiesa di San Carlo

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[4]

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Secondo i dati Istat al 31 dicembre 2017, i cittadini stranieri residenti a Castiglione Tinella sono 129[5], così suddivisi per nazionalità, elencando per le presenze più significative[6]:

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Ricorrenze[modifica | modifica wikitesto]

  • Festa patronale di san Luigi (21 giugno)

Feste e fiere[modifica | modifica wikitesto]

  • Festa patronale di san Luigi (domenica successiva al 21 giugno)
  • Festa del santuario del Buon Consiglio (prima domenica di settembre)
  • Virginia Day, evento celebrato annualmente che rievoca la figura di Virginia Oldoini, Contessa di Castiglione, il personaggio storico più celebre di Castiglione Tinella, la cui fama si fuse con quella del paese stesso. L’evento comprende una mostra fotografica; a lei è intitolata una associazione turistico-culturale, una terrazza presso l’edificio comunale e perfino dei dolci a base di nocciola delle Langhe chiamati “Contessine”.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

L'economia di Castiglione Tinella si basa essenzialmente sulla coltivazione di vigneti, che producono principalmente il Moscato d'Asti. Dal 2018 alcuni coltivatori di ulivi si sono uniti per creare l'Olio di Castiglione.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
17 aprile 2000 5 aprile 2005 Enrico Orlando Lista civica Sindaco [7]
5 aprile 2005 30 marzo 2010 Enrico Orlando La Margherita Sindaco [8]
30 marzo 2010 in carica Bruno Penna Lista civica Sindaco [9]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 agosto 2020 (dato provvisorio).
  2. ^ Classificazione sismica (XLS), su rischi.protezionecivile.gov.it.
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2017).
  4. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  5. ^ Dato Istat al 31/12/2017, su demo.istat.it. URL consultato il 22 agosto 2018.
  6. ^ Dati superiori alle 20 unità
  7. ^ Elezioni del 16 aprile 2000, su amministratori.interno.it.
  8. ^ Elezioni del 3 aprile 2005, su amministratori.interno.it.
  9. ^ Elezioni del 28 marzo 2010, su amministratori.interno.it.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN233949361 · WorldCat Identities (ENviaf-233949361
Cuneo Portale Cuneo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cuneo