Chiusa di Pesio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Chiusa di Pesio
comune
Chiusa di Pesio – Stemma Chiusa di Pesio – Bandiera
La chiesa parrocchiale di Sant'Antonino a Chiusa di Pesio
La chiesa parrocchiale di Sant'Antonino a Chiusa di Pesio
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Piemonte-Stemma.svg Piemonte
Provincia Provincia di Cuneo-Stemma.png Cuneo
Amministrazione
Sindaco Sergio Bussi (lista civica) dall'08/06/2009, riconfermato 26/05/2014
Territorio
Coordinate 44°19′N 7°41′E / 44.316667°N 7.683333°E44.316667; 7.683333 (Chiusa di Pesio)Coordinate: 44°19′N 7°41′E / 44.316667°N 7.683333°E44.316667; 7.683333 (Chiusa di Pesio)
Altitudine 575 (min 485 - max 2,651) m s.l.m.
Superficie 95,02 km²
Abitanti 3 783[1] (31-12-2010)
Densità 39,81 ab./km²
Frazioni Abrau, Combe, San Bartolomeo, Santa Maria Rocca, Vigna
Comuni confinanti Beinette, Briga Alta, Briga (La Brigue) (FR-06), Limone Piemonte, Margarita, Peveragno, Pianfei, Roccaforte Mondovì, Villanova Mondovì
Altre informazioni
Cod. postale 12013
Prefisso 0171
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 004068
Cod. catastale C653
Targa CN
Cl. sismica zona 3A (sismicità bassa)
Nome abitanti chiusani
Patrono sant'Antonino
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Chiusa di Pesio
Chiusa di Pesio
Sito istituzionale

Chiusa di Pesio (La Ciusa in piemontese) è un comune italiano di 3.793 abitanti della provincia di Cuneo, nel Basso Piemonte. Fa parte della comunità montana delle Alpi del Mare[2].

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

Il capoluogo si trova all'ingresso della Valle Pesio, lungo la quale si sviluppa il territorio comunale, che in altitudine va dai 575 m del capoluogo fino agli oltre 2.600 delle cime più alte. Le principali frazioni sono S. Bartolomeo e Vigna, situate nella parte più alta della Valle, e Combe, S. Maria Rocca e Abrau che invece sono situate verso la pianura. Numerose le borgate minori, soprattutto a monte del capoluogo. Chiusa di Pesio ed il territorio comunale è attraversato dal Torrente Pesio, che nasce dalla sorgente del 'Pis' a circa 1.500 m s.l.m. Il capoluogo sorge tra due alture, il monte Cavanero ed il Mombrisone, sulle quali sono situati rispettivamente i ruderi del castello Mirabello - che dominano l'abitato - ed una palazzina di caccia ottocentesca. Chiusa di Pesio dista 15 km da Cuneo, il casello autostradale più vicino è quello di Mondovì sulla A6 Torino-Savona, situato a circa 20 chilometri a sud dal capoluogo.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Centro storico[modifica | modifica wikitesto]

Il cuore del capoluogo è caratterizzato da interessanti palazzi ed edifici religiosi, oltre che da una consolidata tradizione artigianale. Da visitare in paese le Confraternite di S. Rocco e della S.S. Annunziata, risalenti al periodo tra il Seicento ed il Settecento. La chiesa parrocchiale è di costruzione più recente: inaugurata nel 1893, presenta una facciata in travertino romano terminata nel 1934; il campanile è uno dei più alti della Provincia, innalzato completamente solo nel 1971. Il Palazzo del Marchese è l'attuale sede del Municipio, all'interno del quale è possibile ammirare una mostra fotografica permanente, che presenta immagini riprese da Michele Pellegrino recanti i fiori della Valle Pesio. L'edificio si affaccia su piazza Tre Medaglie d'Oro e piazza Cavour, dove è situata la torre civica, sede dell'Ufficio turistico e del Complesso museale G. Avena. La struttura ospita una selezione dei manufatti più significativi creati appunto dalla Regia Fabbrica sorta a Torino sul modello della Manufactures Privilegees et Royales de France e portati a Chiusa Pesio nel 1759 dal Governo di Carlo Emanuele III di Savoia. Sono oltre 230 le tipologie di vetri realizzati da maestri vetrai provenienti dalla Boemia, da Venezia e da Altare. Il polo museale - inserito nel circuito dei "Castelli Aperti" del Basso Piemonte - conserva un'importante documentazione relativa alla fabbrica.

Alta Valle[modifica | modifica wikitesto]

Eventi[modifica | modifica wikitesto]

Chiusa di Pesio festeggia ogni anno sant'Antonino la prima domenica di settembre, ma è l'ultimo weekend di agosto che il paese celebra il santo patrono con la fiera di Ciüsa Duvarta (trad. Chiusa Aperta), caratterizzata da concerti, spettacoli di cabaret in piazza, eventi ludici e sportivi, rassegne gastronomiche. In particolare, l'ultima domenica di agosto il centro storico del capoluogo si trasforma in una vera e propria Fiera che racchiude parti dedicate all'arte ed all'artigianato locale, alla gastronomia ed all'agricoltura con un'ampia area zootecnica. L'evento attira ogni anno diverse migliaia di turisti lungo tutto il weekend. La tradizione dei festeggiamenti risale all'Ottocento ed ai primi decenni del Novecento. Fu poi la Proloco a riesumare l'iniziativa nel 2000, portandola ad essere uno degli eventi fissi e più attesi dell'estate in provincia. Verso la fine di ottobre, ogni anno Chiusa di Pesio celebra uno dei prodotti tipici più rinomati, il marrone. Due giorni di festeggiamenti caratterizzati da un mercatino lungo tutto il centro storico e degustazioni di prodotti tipici sono la ricetta della festa del marrone, che ha luogo in paese sin dal 1998.

Chiusa di Pesio è stata inoltre per diversi anni sede del ritiro del settore giovanile della squadra calcistica Juventus. Dopo alcune saltuarie presenze della formazione militante in Serie A, nel 2011 il paese ha ospitato dal 4 al 7 agosto un mini-ritiro della Prima Squadra che ha riscosso un notevole successo in fatto di presenze, registrando in quattro giorni circa 21mila ingressi allo Stadio Comunale, per l'occasione ampliato ad una capienza di seimila posti. Nell'estate 2013 è stato ospite il settore giovanile della Sampdoria, con la prima squadra dei blucerchiati che ha disputato un'amichevole a Chiusa di Pesio contro il Bra.

Sport[modifica | modifica wikitesto]

La Valle Pesio ha vocazione sportiva, è possibile praticarvi diverse discipline:

  • Calcio (la squadra del Bisalta gioca le partite di casa a Chiusa di Pesio);
  • Pallavolo (è presente una società femminile);
  • Sci di Fondo (a San Bartolomeo ha sede lo Sci Club Valle Pesio): è presente una pista di fondo che si sviluppa a partire dal Centro Sportivo Marguareis a San Bartolomeo, passando per la Certosa di Pesio ed arrivando fino al cuore del Parco Naturale del Marguareis, a Pian delle Gorre ed all'osservatorio faunistico dei cervi) ;
  • Mountain Bike (numerosi sono i percorsi segnalati);
  • Trekking (numerosi sono i percorsi segnalati);
  • Arrampicata sportiva (a Chiusa di Pesio è presente una palestra di roccia attrezzata);

Presso l'area sportiva chiusana è inoltre presente una piastra polivalente, dove prenotando è possibile giocare a calcetto, pallavolo, tennis e basket. Diffusa è la pratica amatoriale o professionale della corsa podistica.

Persone legate a Chiusa di Pesio[modifica | modifica wikitesto]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo Cittadino Partito Carica Note
23 aprile 1995 13 giugno 1999 Antonino Pecollo Centro Sindaco [3]
13 giugno 1999 12 giugno 2004 Antonino Pecollo Centro Sindaco [4]
12 giugno 2004 7 giugno 2009 Riccardo Mucciarelli Lista Civica Sindaco [5]
7 giugno 2009 25 maggio 2014 Sergio Bussi Lista Civica Sindaco [6]
25 maggio 2014 in carica Sergio Bussi Lista Civica Sindaco [7]

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Chiusa di Pesio è gemellata con:

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[8]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Statuto della comunità montana delle Alpi del Mare (PDF), cmalpidelmare.org. URL consultato il 22 luglio 2011.
  3. ^ ::: Ministero dell'Interno ::: Archivio Storico delle Elezioni - Comunali del 23 Aprile 1995, su elezionistorico.interno.it. URL consultato il 04 settembre 2015.
  4. ^ ::: Ministero dell'Interno ::: Archivio Storico delle Elezioni - Comunali del 13 Giugno 1999, su elezionistorico.interno.it. URL consultato il 04 settembre 2015.
  5. ^ ::: Ministero dell'Interno ::: Archivio Storico delle Elezioni - Comunali del 12 Giugno 2004, su elezionistorico.interno.it. URL consultato il 04 settembre 2015.
  6. ^ ::: Ministero dell'Interno ::: Archivio Storico delle Elezioni - Comunali del 7 Giugno 2009, su elezionistorico.interno.it. URL consultato il 04 settembre 2015.
  7. ^ ::: Ministero dell'Interno ::: Archivio Storico delle Elezioni - Comunali del 25 Maggio 2014, su elezionistorico.interno.it. URL consultato il 04 settembre 2015.
  8. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN237490615
Cuneo Portale Cuneo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cuneo