Melle (Italia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Melle
comune
Melle – Stemma Melle – Bandiera
Melle – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Piemonte-Stemma.svg Piemonte
ProvinciaProvincia di Cuneo-Stemma.svg Cuneo
Amministrazione
SindacoGiovanni Fina (lista civica) dal 16-5-2011
Territorio
Coordinate44°34′N 7°19′E / 44.566667°N 7.316667°E44.566667; 7.316667 (Melle)
Altitudine683 m s.l.m.
Superficie27,91 km²
Abitanti292[1] (31-8-2020)
Densità10,46 ab./km²
Comuni confinantiBrossasco, Busca, Cartignano, Frassino, Roccabruna, San Damiano Macra
Altre informazioni
Cod. postale12020
Prefisso0175
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT004122
Cod. catastaleF114
TargaCN
Cl. sismicazona 3s (sismicità bassa)[2]
Cl. climaticazona F, 3 162 GG[3]
Nome abitantimellesi
Patronosan Lazzaro
Giorno festivo11 agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Melle
Melle
Melle – Mappa
Posizione di Melle nella provincia di Cuneo
Sito istituzionale

Melle (Ël Mél in piemontese, Lou Mel in occitano) è un comune italiano di 292 abitanti della provincia di Cuneo in Piemonte.

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

Ingresso al paese da monte

Il Comune è situato in Valle Varaita, e apparteneva alla Comunità montana Valli Po, Bronda, Infernotto e Varaita.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Simboli[modifica | modifica wikitesto]

Lo stemma e il gonfalone del comune di Melle sono stati concessi con decreto del presidente della Repubblica del 2010.[4]

«Di azzurro, ai due orsi ritti, di rosso, linguati dello stesso, sostenuti dalla campagna di verde, le zampe posteriori attraversanti. Ornamenti esteriori da Comune.»

Il gonfalone è un drappo di rosso con la bordatura di azzurro.

Monumenti e luoghi di interesse[modifica | modifica wikitesto]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[5]

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

La chiesa parrocchiale intitolata a San Giovanni Battista

Ogni anno, la seconda domenica di agosto, il paese ospita la sagra del Tumin del Mel, con mercati rionali, serate con orchestre e spettacoli e assaggi dei prodotti tipici.

Cucina[modifica | modifica wikitesto]

Il comune di Melle è noto per il tomino (tomin dël Mel), incluso tra i prodotto agroalimentare tradizionali (P.A.T.) piemontesi.[6]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Il municipio

Di seguito è presentata una tabella relativa alle amministrazioni che si sono succedute in questo comune.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
23 giugno 1988 7 giugno 1993 Rosaria De Bonis - Sindaco [7]
7 giugno 1993 28 aprile 1997 Rosaria De Bonis - Sindaco [7]
28 aprile 1997 28 agosto 2000 Felice Marenco - Sindaco [7]
14 maggio 2001 30 maggio 2006 Maurilio Paseri centro-sinistra Sindaco [7]
30 maggio 2006 16 maggio 2011 Maurilio Paseri centro-sinistra Sindaco [7]
16 maggio 2011 5 giugno 2016 Giovanni Fina lista civica: due stelle alpine Sindaco [7]
15 giugno 2016 3 ottobre 2021 Giovanni Fina lista civica: due stelle alpine Sindaco [7]
3 ottobre 2021 in carica Giovanni Fina lista civica: due stelle alpine Sindaco [7]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 agosto 2020 (dato provvisorio).
  2. ^ Classificazione sismica (XLS), su rischi.protezionecivile.gov.it.
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2017).
  4. ^ Melle (Cuneo) D.P.R. 22.03.2010 concessione di stemma e gonfalone, su presidenza.governo.it. URL consultato l'8 agosto 2022.
  5. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  6. ^ TOMINO DI MELLE (TOUMIN DEL MEL) (scheda su www.piemonteagri.it, consultata nel novembre 2014)
  7. ^ a b c d e f g h http://amministratori.interno.it/

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN132526941 · WorldCat Identities (ENlccn-n80158214
  Portale Cuneo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cuneo