Serralunga d'Alba

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Serralunga d'Alba
comune
Serralunga d'Alba – Stemma Serralunga d'Alba – Bandiera
Serralunga d'Alba – Veduta
Panorama da sud
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Piemonte-Stemma.svg Piemonte
ProvinciaProvincia di Cuneo-Stemma.png Cuneo
Amministrazione
SindacoSergio Moscone (lista civica) dal 26-5-2019
Territorio
Coordinate44°37′N 8°00′E / 44.616667°N 8°E44.616667; 8 (Serralunga d'Alba)Coordinate: 44°37′N 8°00′E / 44.616667°N 8°E44.616667; 8 (Serralunga d'Alba)
Altitudine414 m s.l.m.
Superficie8,39 km²
Abitanti545[1] (31-8-2020)
Densità64,96 ab./km²
FrazioniBaudana, Fontanafredda
Comuni confinantiAlba, Castiglione Falletto, Diano d'Alba, Monforte d'Alba, Montelupo Albese, Roddino, Sinio
Altre informazioni
Cod. postale12050
Prefisso0173
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT004218
Cod. catastaleI646
TargaCN
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)[2]
Cl. climaticazona E, 2 828 GG[3]
Nome abitantiserralunghesi
Patronosan Sebastiano
Giorno festivo20 gennaio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Serralunga d'Alba
Serralunga d'Alba
Serralunga d'Alba – Mappa
Posizione di Serralunga d'Alba nella provincia di Cuneo
Sito istituzionale

Serralunga d'Alba (Seralonga d'Alba in piemontese) è un comune italiano di 545 abitanti della provincia di Cuneo in Piemonte.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Castello[modifica | modifica wikitesto]

Vista di Serralunga d'Alba dal castello
Il castello

Il castello di Serralunga venne edificato tra il 1340 ed il 1357 per volere della famiglia dei Falletti: affascina per la sua verticalità punteggiata di bifore, merli ghibellini e fasce di archetti pensili. Eretto come fortezza militare in esso non sono infatti presenti arredi dal momento che non è mai stato abitato dalla famiglia Falletti ma era dimora dei soli soldati che da questo maniero respingevano gli attacchi degli invasori.

Di particolare interesse gli affreschi del XV secolo presenti nel Salone dei Valvassori, rappresentanti il martirio di Caterina d'Alessandria, unici peraltro all'interno di tutto il castello che ha subito nel corso dei secoli piccoli ritocchi ma che presenta praticamente intatta l'antica struttura.

È un "Dongione" (dal francese Donjon), infatti questa caratteristica lo rende unico sul panorama nazionale insieme alla torre circolare che per quell'epoca era una costruzione decisamente all'avanguardia. Dal 2007 fa parte del circuito degli 8 castelli, meglio noto come Castelli Doc. La rete dei castelli include i manieri di Grinzane Cavour, Barolo, Serralunga d'Alba, Govone, Magliano Alfieri, Roddi, Mango e Benevello. È inoltre inserito nel circuito dei "Castelli Aperti" del Basso Piemonte.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[4]

Stranieri[modifica | modifica wikitesto]

Secondo i dati Istat al 31 dicembre 2017, i cittadini stranieri residenti a Serralunga d'Alba sono 131[5], così suddivisi per nazionalità, elencando per le presenze più significative[6]:

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito è presentata una tabella relativa alle amministrazioni che si sono succedute in questo comune.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
28 maggio 1985 6 giugno 1990 Carlo Giachino lista civica Sindaco [7]
6 giugno 1990 24 aprile 1995 Carlo Giachino Democrazia Cristiana Sindaco [7]
24 aprile 1995 14 giugno 1999 Carlo Giachino centro Sindaco [7]
14 giugno 1999 14 giugno 2004 Nicolas Cabases Cabases dem.sin-altri Sindaco [7]
14 giugno 2004 8 giugno 2009 Nicolas Cabases Cabases lista civica Sindaco [7]
8 giugno 2009 26 maggio 2014 Gianfranco Capoccia lista civica Sindaco [7]
26 maggio 2014 in carica Gianfranco Capoccia lista civica: Serralunga nel cuore Sindaco [7]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Serralunga d'Alba ha ispirato la "Serralunga" della fiction Centovetrine: vi si sono svolte diverse riprese.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 agosto 2020 (dato provvisorio).
  2. ^ Classificazione sismica (XLS), su rischi.protezionecivile.gov.it.
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2017).
  4. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  5. ^ Dato Istat al 31/12/2017, su demo.istat.it. URL consultato il 25 agosto 2018.
  6. ^ Dati superiori alle 20 unità
  7. ^ a b c d e f g http://amministratori.interno.it/

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN240564041