Levice (Italia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Levice
comune
Levice – Stemma Levice – Bandiera
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Piemonte-Stemma.svg Piemonte
Provincia Provincia di Cuneo-Stemma.png Cuneo
Amministrazione
Sindaco Roberto Vero (lista civica) dal 26/05/2014
Territorio
Coordinate 44°32′N 8°09′E / 44.533333°N 8.15°E44.533333; 8.15 (Levice)Coordinate: 44°32′N 8°09′E / 44.533333°N 8.15°E44.533333; 8.15 (Levice)
Altitudine 547 m s.l.m.
Superficie 15,74 km²
Abitanti 244[1] (31-12-2010)
Densità 15,5 ab./km²
Frazioni Viazzi
Comuni confinanti Bergolo, Castelletto Uzzone, Feisoglio, Gorzegno, Pezzolo Valle Uzzone, Prunetto, Torre Bormida
Altre informazioni
Cod. postale 12070
Prefisso 0173
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 004109
Cod. catastale E564
Targa CN
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanti levicesi
Patrono sant Antonio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Levice
Levice
Sito istituzionale

Levice (Lèis in piemontese) è un comune italiano di 242 abitanti della provincia di Cuneo, in Piemonte.

Il comune fa parte della comunità montana Alta Langa e Langa delle Valli Bormida e Uzzone[2].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il comune di Levice ha origini molto antiche: era noto ai romani con il nome di Livicium o Levicium e in alcune carte del 991 lo ritroviamo con Levix o Levesj.

Era un antico feudo che nel XII secolo era possesso dei Marchesi di Cortemilia e che nel 1197 passò ai marchesi di Savona.

Questi lo cedettero ai Del Carretto di Spigno che successivamente lo destinarono ad un'altra branca della propria famiglia, i Marchesi di Prunetto. Ludovico figlio di Manfredi, appartenente alla famiglia citata precedentemente, fece sottomettere Levice ai Duchi di Milano nel 1491.

Nel 1522 Raffaele, primogenito di Ludovico, ricevette l'investitura del territorio di Levice dal duca Francesco II Sforza ai cui discenti i Del Carretto mantennero subordinata la propria Signoria (fino al XVII secolo).

In seguito il feudo di Levice passò nelle mani di Galeazzo Scarampi che lo tenne sino all'annessione al Regno di Sardegna del 1736.

Alcune testimonianze storiche vanno ricercate nelle rovine di una vecchia torre, situate nel punto strategicamente più alto del paese, punto in cui si poteva controllare l'intera vallata del Bormida, a partire da Cortemilia fino a Monesiglio, con una buona vista sul castello di Prunetto.

Nel 1796, con l'inizio della campagna di Napoleone in Italia, l'esercito francese, alla volta dell'alessandrino, giunse anche a Levice arrivando da Prunetto. Furono affrontati da paesani e da contingenti austro-piemontesi, pronti ad ostacolare l'avanzamento napoleonico ma la battaglia fu vinta dai francesi che lasciarono solamente più le rovine della vecchia torre.

Marciando poi verso Cortemilia ci fu un successivo scontro con gli austriaci nel luogo ancora oggi detto "Campo della Battaglia".

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[3]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito è presentata una tabella relativa alle amministrazioni che si sono succedute in questo comune.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
25 maggio 1985 26 maggio 1990 Alberto Francone Democrazia Cristiana Sindaco [4]
26 maggio 1990 24 aprile 1995 Alberto Francone Democrazia Cristiana Sindaco [4]
24 aprile 1995 14 giugno 1999 Alberto Francone - Sindaco [4]
14 giugno 1999 14 giugno 2004 Alberto Francone lista civica Sindaco [4]
14 giugno 2004 8 giugno 2009 Ernesto Taretto lista civica Sindaco [4]
8 giugno 2009 26 maggio 2014 Ernesto Taretto lista civica Sindaco [4]
26 maggio 2014 in carica Roberto Vero lista civica: Levice vivo Sindaco [4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Statuto della Comunità Montana Alta Langa[collegamento interrotto], altalanga.cn.it. URL consultato il 22 luglio 2011.
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  4. ^ a b c d e f g http://amministratori.interno.it/

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Cuneo Portale Cuneo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cuneo