Stroppo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Stroppo
comune
Stroppo – Stemma
Stroppo – Veduta
Panorama con le chiese e la frazione Bassura
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Piemonte-Stemma.svg Piemonte
ProvinciaProvincia di Cuneo-Stemma.png Cuneo
Amministrazione
SindacoAndrea Salsotto (lista civica)
Territorio
Coordinate44°30′N 7°08′E / 44.5°N 7.133333°E44.5; 7.133333 (Stroppo)Coordinate: 44°30′N 7°08′E / 44.5°N 7.133333°E44.5; 7.133333 (Stroppo)
Altitudine1 087 m s.l.m.
Superficie28,1 km²
Abitanti97[1] (31-8-2020)
Densità3,45 ab./km²
FrazioniArneodi, Bassura, Caudano, Centenero, Ciamino, Contà, Cucchiales, Forte, Giordana, Grangia, Morinesio, Noufresio, Paschero(capoluogo), Pessa, Possile, Ruata Valle, San Martino
Comuni confinantiElva, Macra, Marmora, Prazzo, Sampeyre
Altre informazioni
Cod. postale12020
Prefisso0171
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT004224
Cod. catastaleI985
TargaCN
Cl. sismicazona 3A (sismicità bassa)
Nome abitantistroppesi
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Stroppo
Stroppo
Stroppo – Mappa
Posizione di Stroppo nella provincia di Cuneo
Sito istituzionale

Stroppo (Stròp in piemontese, Estrop in occitano) è un comune italiano di 97 abitanti[1] della provincia di Cuneo in Piemonte, situato circa a metà della Valle Maira. Un tempo antica Capitale dell'Alta Valle Maira, ospita nel suo territorio l'unica scuola media di alta Valle: il Convitto Alpino.

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

L'estensione del comune varia dai 850 m s.l.m. della prima borgata Noufresio, che si incontra sulla strada provinciale, sino al confine con il comune di Elva e Sampeyre a quota 2000 m ed oltre.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Fin dall'epoca longobarda vi operarono i monaci della potente abbazia di San Colombano di Bobbio ed al suo ricco feudo reale ed imperiale monastico[2][3][4], cui dipese l'abbazia di San Dalmazzo di Pedona, che amministrava tutto il territorio del comitato di Bredolo cui era inserita anche la val Maira, mentre in seguito dall'VIII secolo la gestione della vallata sarà poi organizzata dall'abbazia di Villar San Costanzo.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Chiesa di San Giovanni Battista a Paschero
Chiesa di San Pietro e Paolo (San Peyre)
  • Chiesa di San Giovanni Battista: situata nel Capoluogo Paschero (monumento nazionale) è la parrocchia. Di fronte ad essa, nella sede comunale, è visitabile il "Museo della scuola di montagna".
  • Chiesa di San Pietro e Paolo (San Peyre): sulla strada per Elva, presenta un campanile romanico a cuspide gotica interamente a secco.
  • Lazzaretto: in Borgata Caudano, ex ospedale ed ex lazzaretto in tempo di peste. Edificio recentemente acquistato dal comune e ristrutturato.
  • Santuario di Santa Maria di Morinesio: santuario mariano situato in prossimità dell'abitato di Morinesio.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Rispetto al censimento con il maggior numero di residenti (anno 1871) il comune ha perso il 94,13% della popolazione. Abitanti censiti[5]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito è presentata una tabella relativa alle amministrazioni che si sono succedute in questo comune.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
10 gennaio 1987 27 maggio 1990 Girolamo Lonardelli - Sindaco [6]
27 maggio 1990 24 aprile 1995 Girolamo Lonardelli - Sindaco [6]
24 aprile 1995 14 giugno 1999 Andrea Salsotto - Sindaco [6]
14 giugno 1999 14 giugno 2004 Andrea Salsotto - Sindaco [6]
14 giugno 2004 8 giugno 2009 Pier Antonio Raina lista civica Sindaco [6]
8 giugno 2009 26 maggio 2014 Davide Rovera lista civica Sindaco [6]
26 maggio 2014 26 maggio 2019 Paolo Rovera lista civica Alpes Sindaco [6]

Altre informazioni[modifica | modifica wikitesto]

Stroppo faceva parte della comunità montana Valli Grana e Maira[7].

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

A Stroppo nacque Antonio Romagna (1780-1850), trisavolo dello scrittore francese André Malraux. [8]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Dato Istat - Popolazione residente al 31 agosto 2020 (dato provvisorio).
  2. ^ Valeria Polonio Felloni Il monastero di San Colombano di Bobbio dalla fondazione all'epoca carolingia
  3. ^ Eleonora Destefanis Il Monastero Di Bobbio in Eta Altomedievale
  4. ^ C. Cipolla - G. Buzzi Codice Diplomatico del Monastero di S. Colombano di Bobbio fino all'anno MCCVIII - Volumi I-II-III, in Fonti per la Storia d'Italia, Tipografia del Senato, Roma 1918
  5. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  6. ^ a b c d e f g http://amministratori.interno.it/
  7. ^ Comunità montana Valli Grana e Maira- Amministrazione - Statuto, su vallemaira.cn.it. URL consultato il 29 giugno 2011 (archiviato dall'url originale il 21 luglio 2009).
  8. ^ (EN) Family tree of Antonio Romagna, su Geneanet. URL consultato il 5 settembre 2020.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN235289762
Cuneo Portale Cuneo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cuneo