San Michele Mondovì

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
San Michele Mondovì
comune
San Michele Mondovì – Stemma
vista di San Michele dalla frazione San Paolo
vista di San Michele dalla frazione San Paolo
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Piemonte-Stemma.svg Piemonte
Provincia Provincia di Cuneo-Stemma.png Cuneo
Amministrazione
Sindaco Domenico Michelotti (lista civica Uniti per San Michele) dal 27/05/2013
Territorio
Coordinate 44°23′N 7°54′E / 44.383333°N 7.9°E44.383333; 7.9 (San Michele Mondovì)Coordinate: 44°23′N 7°54′E / 44.383333°N 7.9°E44.383333; 7.9 (San Michele Mondovì)
Altitudine 444 m s.l.m.
Superficie 18,11 km²
Abitanti 2 003[1] (31-12-2015)
Densità 110,6 ab./km²
Frazioni San Paolo, Tetti casotto, Piana Gatta, Piagge, San Cristoforo
Comuni confinanti Lesegno, Mombasiglio, Monasterolo Casotto, Niella Tanaro, Torre Mondovì, Vicoforte
Altre informazioni
Cod. postale 12080
Prefisso 0174
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 004210
Cod. catastale I037
Targa CN
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanti sanmichelesi
Patrono santa Giustina, San Michele Arcangelo
Giorno festivo 29 settembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
San Michele Mondovì
San Michele Mondovì
Sito istituzionale

San Michele Mondovì (San Michel in piemontese) è un comune italiano di 2.003 abitanti della provincia di Cuneo, in Piemonte.

San Michele Mondovì-Stemma.png

Fa parte della comunità montana Unione Monte Regale

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Il paese di San Michele, situato nella parte meridionale della provincia di Cuneo è completamente immerso nelle vallate delle Alpi Marittime, in una zona di collina ed è attraversato dal torrente Corsaglia. Dista 41 chilometri da Cuneo

Ha una superficie di 18,3 chilometri quadrati per una densità abitativa di 113,06 abitanti per chilometro quadrato. Sorge a 444 metri sul livello del mare, con il punto più elevato presso la Bicocca di San Giacomo.

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Stazione meteorologica di Mondovì.

Il clima di San Michele è quello tipico della zona delle Alpi Marittime, caratterizzato da inverni freddi (la temperatura media del mese più freddo, gennaio, si attesta a +2,9 °C) e da estati calde per l'influsso del vicino Mar Ligure (la temperatura del mese più caldo, luglio, è di +22,1 °C). Gli inverni sono piuttosto nevosi.

Le precipitazioni medie annue si aggirano sugli 800 mm, media mente distribuite in 68 giorni, con minimi in inverno ed estate e picchi massimi in primavera ed autunno.

Nella tabella sottostante sono riportate le temperature massime e minime assolute mensili, stagionali ed annuali dal 1951 ad oggi, con il relativo anno in cui queste sono state registrate. La massima assoluta del periodo esaminato di +37,4 °C è dell'agosto 2003, mentre la minima assoluta di -24 °C è del Febbraio 2012.

MONDOVÌ
(1951-2010)
Mesi Stagioni Anno
Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic Inv Pri Est Aut
T. max. assolutaC) 23,4
(2007)
23,6
(1990)
25,4
(2002)
25,0
(1962)
33,2
(2009)
36,0
(2003)
35,8
(2004)
37,4
(2003)
33,4
(2006)
27,2
(1997)
21,4
(1957)
23,0
(1961)
23,6 33,2 37,4 33,4 37,4
T. min. assolutaC) −13,4
(1954)
−11,0
(1986)
−6,6
(2005)
−1,6
(1991)
1,8
(1991)
6,0
(1997)
10,0
(2000)
10,1
(1954)
5,8
(1988)
−1,6
(1997)
−4,0
(1995)
−9,4
(1996)
−13,4 −6,6 6,0 −4,0 −13,4

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Origine del nome

L'origine del toponimo San Michele si riconduce ai longobardi, insediati nelle valli Monregalesi, che erano molto devoti al culto di San Michele Arcangelo.

Le prime fonti scritte che parlano di San Michele risalgono al 1113. La fonte registra una donazione di un ricco signore alla chiesa del piccolo borgo di San Michele.

I primi abitanti di questi luoghi furono probabilmente i Liguri e i Romani di cui si trovano ancora testimonianze nei territori di Mombasiglio, Vico e Torre.

Data la loro disposizione geografica è facile supporre che le strade che congiungevano questi villaggi attraversassero il punto dove ora sorge San Michele Mondovì.

Si può quindi ragionevolmente supporre che proprio in questo luogo sorgessero le prime case, il nucleo originario del nostro paese.

Il nome stesso di San Michele pare debba la sua derivazione ai Longobardi, per la devozione che questi popoli ebbero per l’ arcangelo Michele.

Durante questa signoria longobarda, tra il sesto secolo e il nono, vivevano nella zona tre classi di coltivatori. La prima classe comprendeva i coltivatori liberi, legati ai signori solo da un contratto, l’ultima comprendeva i coltivatori dipendenti, vincolati al padrone come servi con la terra da essi coltivata. Tra queste due classi ne esisteva una terza intermedia, i massari o coloni, i cui obblighi venivano determinati dalle consuetudini locali e dalla condizione della terra da essi coltivata. Questa classe era assai numerosa.

I documenti rinvenuti , soprattutto gli statuti, sembrano accennare a queste tre classi anche nel borgo di San Michele.

La Chiesa di San Michele dipendeva dai Vescovi di Asti che avevano sul contado di Bredolo, oltre al potere spirituale, anche il potere civile con il titolo di Conti.

Verso la fine del secolo 900 i Signori di quei luoghi e di altri paesi del Piemonte e della Provenza erano riusciti a respingere l’invasione dei Saraceni e ad aiutare la popolazione a risollevarsi. Intorno ai loro castelli e alle Chiese e Conventi edificati con il loro appoggio crebbero i villaggi e si svilupparono agricoltura e industrie.

Si venne poi imponendo un processo livellatore nei lavoratori delle terre che li portò ad una migliore condizione con il possesso delle terre come proprie pagando solo un tributo (o censo) al Signore.

Beneficiò di questo movimento anche la classe più bassa: il Signore delle terre, per alleggerirsi del peso di sostentare i suoi servi rustici, assegnava ad essi una parte dei propri poderi perché ne godessero liberamente. Fin dal principio del 1100 anche questi coltivatori erano divenuti oramai censuari con l’obbligo di un tributo o censo che era comunque molto gravoso.

Nel secolo successivo i Vescovi di Asti vennero a trovarsi di fronte due forze nuove, quella dei piccoli Signori o Vassalli e quella delle popolazioni stesse desiderose di miglioramenti.

Da questi confronti nacquero delle convenzioni e degli accordi registrati ufficialmente e alcuni di questi riguardavano proprio San Michele.

Il più antico documento che ci parli del borgo di San Michele risale al 1113 e registra una donazione che fecero alla chiesa di questo luogo alcune nobili famiglie del contado di Bredolo, a cui apparteneva anche San Michele.

Pochi anni dopo, il miglioramento delle condizioni dei coltivatori delle terre fu favorito ulteriormente dalla contesa dei comuni italiani contro gli imperatori di Germania fortemente sentito anche nel nostro territorio.

Questo movimento portò sia i Signori feudali che il Vescovo d’ Asti a concedere maggiori libertà alle popolazioni per conservarne l’ amicizia e la fedeltà.

In seguito molti di loro, desiderando una vita ancora più libera e indipendente, si staccarono dal Vescovo di Asti e si rifugiarono sul Monte di Vico.

Fondarono così la nuova comunità del Monteregale che possedeva un governo tutto proprio.

« Gloria a’ tuoi forti, o ponte di San Michele! »
(Giosuè Carducci)

E anche da ricordare la storica battaglia napoleonica avvenuta il 19 aprile 1796 nelle rive del Corsaglia e per tutto il paese tra le truppe austro-piemontesi e quelle napoleoniche. Rimangono ancora adesso ricordi e fonti di quella battaglia, sia scritte, la lode di Giosuè Carducci "Bicocca di San Giacomo" (nella raccolta Rime e Ritmi), sia materiali, come il ponte che ora collega gli impianti sportivi al paese (nei pressi della Cappella di Santa Lucia).

Simboli[modifica | modifica wikitesto]

San Michele Mondovì-Stemma.png
« Di azzurro, all'Arcangelo Michele, il viso, il collo, le braccia, le mani, le gambe di carnagione, vestito con la corazza d'argento, caricata dal balteo posto in banda dalla spalla destra al fianco sinistro, di rosso, con la tunica di verde, con il manto svolazzante di rosso, l'Arcangelo con le ali d'argento aperte verso il capo, con il braccio destro alzato, con la mano tenente la spada d'argento, posta in banda, con la punta all'ingiù, l'altra mano tenente la bilancia di due coppe, d'argento, con i bracci posti in sbarra, l'Arcangelo calzato di nero e sostenuto dal terreno collinoso di verde, fondato in punta, uscente dal fianco sinistro e digradante sino all'angolo destro della punta. Ornamenti esteriori da Comune »

Lo stemma di San Michele è rappresentato da uno scudo semplice, recante San Michele Arcangelo con la spada e la sua caratteristica bilancia, sormontato dalla corona dei comuni e contornato da rami di quercia e alloro, legati insieme con un nastro tricolore.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Chiesa parrocchiale[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Chiesa parrocchiale di San Michele Arcangelo (San Michele Mondovì).

La chiesa parrocchiale di San Michele è dedicata a San Michele Arcangelo, santo protettore del paese che porta il suo nome.

Chiesa di San Paolo[modifica | modifica wikitesto]

Importante è anche la chiesa di San Paolo, una delle più grandi frazioni di San Michele. Essi è molto simile come struttura alla chiesa di San Michele.

Cappelle e piloni[modifica | modifica wikitesto]

In tutto il territorio comunale vi sono numerose Cappelle e Piloni votivi risalenti dal XIV secolo in poi. Invece la cappella di San Giovanni si ritiene molto più antica.

Le Cappelle in tutto sono undici: le Cappelle di San Giovanni, di Santa Lucia, della Madonna delle nevi, di Sant'Antonio e Magno, del Buon Gesù, di San Gervasio e Protasio, di San Bernardino, di San Sebastiano, della Madonna di Guarene, di San Bernardo (ormai diroccata) e di San Giacomo alla Bicocca.

In ogni cappella affiorano pregevoli dipinti, in buona parte recentemente oggetto di accurato restauro conservativo.

Castello[modifica | modifica wikitesto]

Ormai dell'antico castello rimangolo solo le rovina, che comunque richiamano la maestà dell'edificio, che sormontava tutto il paese dalla collina.

Palazzo del re[modifica | modifica wikitesto]

Degna di apprezzamento storico è anche il "Palazzo del Re" dove un tempo i Savoia e particolarmente Vittorio Emanuele II venivano per alloggiarvi, cambiare i propri cavalli con cavalli riposati e ripartire in direzione della Reggia di Valcasotto.

Piazze[modifica | modifica wikitesto]

Piazza Umberto I, la piazza principale del paese

La piazza principale del paese è Piazza Umberto I.

Venne chiaramente costruita in epoca fascista, si notano infatti l'ampio spazio, la terrazza e l'architettura tipica di quel periodo storico.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[2]

Gli abitanti sono distribuiti in 883 nuclei familiari con una media per nucleo familiare di 2,34 componenti[a che anno si riferisce ?][senza fonte].

Religione[modifica | modifica wikitesto]

La parrocchia del paese appartiene alla Diocesi di Mondovì.

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Istruzione[modifica | modifica wikitesto]

Sul territorio comunale esistono tre scuole, la scuola materna, le elementari e le medie.

Nel paese ha anche sede l'istituto comprensivo che comprende le scuole di San Michele Mondovì, Vicoforte e Serra Pamparato.

Manifestazioni[modifica | modifica wikitesto]

Le manifestazioni a San Michele sono numerose. Importante è la festa in onore di Santa Giustina, vergine e martire di Padova e compatrona di San Michele, che si festeggia a metà luglio con la Messa e la solenne Processione con le reliquie della Santa.

Non meno importante è la festa di San Michele che avviene il 29 settembre.

Viene anche festeggiato San Magno la terza settimana di agosto, San Antonio nel mese di gennaio.

Importante è la festa in onore dei santi Pietro e Paolo che viene festeggiata il 29 giugno nella frazione di San Paolo

Persone legate a San Michele Mondovì[modifica | modifica wikitesto]

Economia[modifica | modifica wikitesto]

San Michele è sempre stato un paese agricolo, come del resto tutti i comuni limitrofi.

La principale fonte di sostentamento derivava dalla coltivazione dei campi (a cereali o a vite) o dalla pastorizia e, quindi, dalla produzione di latte, formaggi, burro e altri prodotti caserecci.

Negli ultimi decenni invece queste attività sono state sempre più evitate e ora quasi più nessuno pratica questo genere di lavoro.

La fonte di lavoro principale di San Michele è la Silvateam (l'ex I.C.L.), importante industria di trattamento di legnami e produzione di pellet.

Sono anche importanti la Peyrone Legnami e la Riva Acciaio.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Strade[modifica | modifica wikitesto]

Il paese viene costeggiato dalla Strada statale 28 del Colle di Nava.

All'interno, la strada principale è via Angelo Nielli, che percorre il paese dall'inizio (quando la statale si divide, formando appunto via Nielli) alla fine, quando la strada si ricongiunge con la Statale. Poco prima della fine del paese, via Nielli si incrocia con via Rocchini, la Strada Provinciale che porta a Niella Tanaro.

Ferrovie[modifica | modifica wikitesto]

San Michele è servita dalla fermata di Vicoforte-San Michele, ex stazione posta lungo la ferrovia Torino-Savona servita da treni regionali svolti da Trenitalia nell'ambito del contratto di servizio stipulato con la Regione Piemonte.

Fino al 1953 il collegamento con la stazione era svolto mediante la tranvia elettrica Mondovì-San Michele.

Aeroporti[modifica | modifica wikitesto]

L'aeroporto più vicino a San Michele è quello di Levaldigi.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Il municipio

Il municipio è sito in via Roma 1.

Sindaci dal dopoguerra ad oggi[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
1946 1956 Ermete Marenco Lista civica Sindaco
1956 1960 Giuseppe Botto Lista civica Sindaco
1960 1975 Giuseppe Sordo Lista civica Sindaco
1975 1985 Costantino Plazzi Lista civica Sindaco
1985 2004 Donato Baravalle Lista civica Sindaco
2004 2013 Fulvio Ruffa Lista civica Sindaco
2013 in carica Domenico Michelotti Lista civica Sindaco

Associazioni[modifica | modifica wikitesto]

In paese operano diverse associazioni, attive da anni sul territorio, degne di nota sono:

  • Associazione Nazionale Alpini, Gruppo C.GIAMELLO
  • SOCIETA' Operaia Agricola di Mutuo Soccorso - SOAMS
  • Associazione CACCIATORI * Associazione PESCATORI
  • Associazione Sportiva Dilettantistica San Michele-Niella
  • Associazione Centro ANZIANI E PENSIONATI * CROCE ROSSA - Delegazione di San Michele Mondovì
  • Associazione Turistica PRO LOCO San Michele Mondovì
  • Associazione Volontari Autonoma Sangue - A.V.A.S
  • Associazione Corale "Due Torri"
  • Associazione San Paolo
  • Associazione PROTEZIONE CIVILE SAN MICHELE MONDOVI'

Sport[modifica | modifica wikitesto]

San Michele possiede alcuni impianti sportivi, il campo da tennis, il campetto da calcio, il campo da calcio, il campo da calcetto,un campo da beach volley e due campi per il gioco delle bocce.

Il paese ha anche la propria associazione sportiva, l'A.S.D. San Michele-Niella.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2015.
  2. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]