Armo (Italia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Armo
comune
Armo – Stemma Armo – Bandiera
Armo – Veduta
Panorama di Armo
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Liguria.svg Liguria
ProvinciaProvincia di Imperia-Stemma.png Imperia
Amministrazione
SindacoMassimo Cacciò (Lista civica "Pro Armo") dal 06/06/2016
Data di istituzione1949
Territorio
Coordinate44°05′14.73″N 7°54′50.03″E / 44.087425°N 7.913897°E44.087425; 7.913897 (Armo)Coordinate: 44°05′14.73″N 7°54′50.03″E / 44.087425°N 7.913897°E44.087425; 7.913897 (Armo)
Altitudine578 m s.l.m.
Superficie10,09 km²
Abitanti110[1] (30-4-2017)
Densità10,9 ab./km²
FrazioniTrastanello
Comuni confinantiCaprauna (CN), Ormea (CN), Pieve di Teco, Pornassio
Altre informazioni
Cod. postale18026
Prefisso0183
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT008004
Cod. catastaleA418
TargaIM
Cl. sismicazona 3A (sismicità bassa)
Cl. climaticazona E, 2 536 GG[2]
Nome abitantiarmensi
Patronosan Giovanni Nepomuceno
Giorno festivo16 maggio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Armo
Armo
Armo – Mappa
Posizione del comune di Armo nella provincia di Imperia
Sito istituzionale

Armo (Armo in ligure[3]) è un comune italiano di 110 abitanti[1] della provincia di Imperia in Liguria.Per numero di abitanti è il comune meno popoloso della provincia, e il quarto in Liguria, preceduto dai comuni genovesi di Rondanina, Fascia e Gorreto.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Il borgo di Armo sorge alla testata della valle, adiacente al torrente Arogna (affluente del fiume Arroscia), ai piedi del monte Rocca delle Penne (1501 m); altri rii del territorio armense sono il rio Boschi, Figliarine, Fontana Fredda, Isorella, Pian di Ghisa, Poverina e Tanello.

Origini del nome[modifica | modifica wikitesto]

Alcuni ricercatori sostengono che il nome Armo derivi dalla parola prelatina "barma" che indica una sommità rocciosa o una grotta[4], ovvero ipotizzano una derivazione dal nome personale germanico "Armo" col significato quindi di "terreno di Armo", così come è stato ipotizzato per il borgo di Armo in provincia di Brescia o per la frazione di Armio di Veddasca in provincia di Varese[5].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Percorso storico[modifica | modifica wikitesto]

Antico piccolo borgo del medioevo si unì, assieme ad altri borghi adiacenti, nel 1233 alla formazione del nuovo centro di Pieve di Teco[6].

Venne quindi compreso nel Marchesato di Clavesana[6], signori della valle, e in parte tra i domini dei Del Carretto[6], fino alla cessione alla Repubblica di Genova nel 1386[6] che inserì il territorio armense nel capitaneato della Valle Arroscia[6].

Durante il dominio genovese aspre furono le lotte con il vicino comune cuneese di Caprauna, per il dominio di entrambi sui pascoli.

Già compreso nell'orbita amministrativa di Pieve di Teco[6], che comunque dotò la comunità di Armo di una limitata autonomia[6], con la dominazione francese il territorio si smarcò dalla giurisdizione pievese rientrando dal 2 dicembre 1797 all'interno della Repubblica Ligure[6][7]. Dal 28 aprile del 1798 fece parte del VIII cantone, con capoluogo Pieve, della Giurisdizione di Centa e dal 1803 centro principale del III cantone omonimo nella Giurisdizione degli Ulivi[6][7]. Annesso al Primo Impero francese, dal 13 giugno 1805 al 1814 venne inserito nel Dipartimento di Montenotte.

Nel 1815 il territorio fu inglobato nel Regno di Sardegna[6], così come stabilì il Congresso di Vienna del 1814, e successivamente nel Regno d'Italia dal 1861[6]. Dal 1859 al 1926 il territorio fu compreso nel V mandamento di Pieve di Teco del circondario di Porto Maurizio facente parte della provincia di Porto Maurizio (poi provincia di Imperia, dal 1923)[6].

Nel 1928[8] il comune di Armo fu soppresso e aggregato al territorio comunale di Pieve di Teco[6]; al 1949[9] risale la ricostituzione a comune autonomo[6].

Dal 1973 al 31 dicembre 2008 ha fatto parte della Comunità montana Alta Valle Arroscia e, con le nuove disposizioni della Legge Regionale n° 24 del 4 luglio 2008[10], ha fatto parte fino al 2011 della Comunità montana dell'Olivo e Alta Valle Arroscia.

Simboli[modifica | modifica wikitesto]

Armo (Italia)-Stemma.png
Armo (Imperia)-Gonfalone.png

« Inquartato: il PRIMO, di azzurro, alla lettera maiuscola A, d'oro; il SECONDO, di verde, alla campana d'oro, legata di rosso; il TERZO, di rosso, ai due ricci di castagno, d'oro, fogliati di quattro dello stesso, posti in banda; il QUARTO, d'oro, al grappolo d'uva, di porpora, unito al tralcio al naturale, posto in fascia, fogliato di due, di verde. Ornamenti esteriori da Comune »

(Descrizione araldica dello stemma[11])

« Drappo partito di giallo e di azzurro »

(Descrizione araldica del gonfalone[11])

Lo stemma ufficiale e il gonfalone sono stati approvati con l'apposito Decreto del Presidente della Repubblica datato al 7 aprile del 2003.[12]

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

  • Chiesa parrocchiale della Natività di Maria Vergine, nel capoluogo, risalente al XVI secolo. Già dipendente dalla comunità parrocchiale di San Martino di Moano, fu nel 1551 che la chiesa di Armo cambiò l'antica intitolazione all'Assunta nell'attuale denominazione. Tra il 1627 e il 1635 l'edificio subì una ricostruzione della struttura. Tra le opere conservate il polittico de Sant'Anna con la Beata Vergine tra i santi Giovanni Battista e Pietro, datato al 1535; un dipinto del 1578 raffigurante il Padre eterno, la strage degli Innocenti e le anime purganti; una statua della Madonna bambina; crocifisso ligneo del XVIII secolo, presso l'altare maggiore.
  • Oratorio dell'Immacolata Concezione, nel capoluogo, nei pressi della parrocchiale. In facciata un bassorilievo, datato al 1634, raffigura la Madonna col Bambino con ai piedi un bimbo e un fedele.
  • Cappella di Santa Lucia nella contrada di Besta.
  • Cappella di Sant'Antonio nella contrada di Costa.
  • Cappella di San Matteo nella contrada di Grenzolini.
  • Cappella di San Sebastiano nella contrada di Ponte.
  • Cappella di San Bartolomeo nella frazione di Trastanello.
  • Chiesetta di San Bernardo, sulle alture di Armo, nelle vicinanze del colle di Nava, la cui prima edificazione risalirebbe al 1641. L'attuale edificio è invece databile alla ricostruzione attuata dalla popolazione nel 1953.
  • Cappella-santuario della Madonna del Costigliolo sulle alture di Armo, risalente al Settecento.
  • Santuario della Madonna della Neve, a 921 m s.l.m., presso i pascoli del monte Frascinello.

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

  • Ponte d'epoca romana lungo il torrente Arrogna.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[13]


Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Secondo i dati Istat al 31 dicembre 2014, i cittadini stranieri residenti ad Armo sono 6[14], pari al 5,36% della popolazione totale.

Qualità della vita[modifica | modifica wikitesto]

Il Comune di Armo ha conseguito la certificazione del proprio sistema di gestione ambientale conformemente alla norma ISO 14001.[15]

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio comunale è costituito, oltre il capoluogo, dalla frazione di Trastanello e dalle contrade storiche di Besta, Costa, Grenzolini e Ponte per una superficie territoriale di 10,09 km²[16].

Confina a nord con il comune di Ormea (CN), a sud con Pieve di Teco, ad ovest con Pornassio e ad est con Caprauna (CN).

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Il comune si basa principalmente sull'attività agricola e dei suoi prodotti naturali. Nel territorio prevale la coltivazione dell'ulivo e della vite, da cui si ricavano un ottimo olio extravergine di oliva e un pregiato vino. Si pratica inoltre lo sfruttamento delle zone boschive e dell'allevamento da bestiame ricavando legname e la raccolta di funghi, oltre che alla produzione del latte.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Strade[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio di Armo è attraversato principalmente dalla strada provinciale 6 che permette il collegamento stradale con Pieve di Teco, a sud, e con Pornassio ad ovest.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
1988 1993 Annuccio Cacciò Lista civica Sindaco
1993 1997 Sergio Maffone Lista civica Sindaco
1997 2001 Sergio Maffone Lista civica di centro-sinistra Sindaco
2001 2011 Maura Barbera Lista civica Sindaco
2011 2016 Gianfranco Colombo Lista civica "Pro Armo" Sindaco
2016 in carica Massimo Cacciò Lista civica "Pro Armo" Sindaco

Altre informazioni amministrative[modifica | modifica wikitesto]

Armo fa parte dell'Unione dei comuni dell'Alta Valle Arroscia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Dato Istat - Popolazione residente al 30 aprile 2017.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ Il toponimo dialettale è citato nel libro-dizionario del professor Gaetano Frisoni, Nomi propri di città, borghi e villaggi della Liguria del Dizionario Genovese-Italiano e Italiano-Genovese, Genova, Nuova Editrice Genovese, 1910-2002.
  4. ^ Tra i vari esempi si possono citare sia l'appellativo personale di origine celtica "Aramo" sia quello della divinità topica nel Gard, "Aramon" (cit. Andrea Gandolfo, La provincia di Imperia: storia, arti, tradizioni, volume 1, 2005).
  5. ^ Andrea Gandolfo, La provincia di Imperia: storia, arte, tradizioni, volume 1, 2005.
  6. ^ a b c d e f g h i j k l m n Fonte dal Sistema Informativo Unificato per le Soprintendenze Artistiche, su siusa.archivi.beniculturali.it. URL consultato il 13 giugno 2015.
  7. ^ a b Fonte dal libro di Andrea Gandolfo, La provincia di Imperia: storia, arti, tradizioni. Volume 1, Peveragno, Blu Edizioni, 2005.
  8. ^ Regio decreto 14 luglio 1928, n. 1862
  9. ^ 26 febbraio 1949, n. 73
  10. ^ Legge Regionale n° 24 del 4 luglio 2008
  11. ^ a b Fonte dal sito Araldica Civica.it, su araldicacivica.it. URL consultato il 6 novembre 2011.
  12. ^ Tratto dal sito Comuni-Italiani.it
  13. ^ Statistiche I.Stat ISTAT  URL consultato in data 28-12-2012.
  14. ^ Dato Istat al 31/12/2014
  15. ^ Fonte dal sito Ambiente in Liguria
  16. ^ Fonte dallo statuto comunale di Armo, su comune.armo.im.it. URL consultato il 13 giugno 2015.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Liguria Portale Liguria: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Liguria