Mendatica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mendatica
comune
Mendatica – Stemma Mendatica – Bandiera
Mendatica – Veduta
Panorama di Mendatica
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Liguria.svg Liguria
Provincia Provincia di Imperia-Stemma.png Imperia
Amministrazione
Sindaco Piero Pelassa (Lista civica "Sviluppo e tradizione") dal 26/05/2014
Territorio
Coordinate 44°04′34.86″N 7°48′20.49″E / 44.07635°N 7.805692°E44.07635; 7.805692 (Mendatica)Coordinate: 44°04′34.86″N 7°48′20.49″E / 44.07635°N 7.805692°E44.07635; 7.805692 (Mendatica)
Altitudine 778 m s.l.m.
Superficie 30,69 km²
Abitanti 185[1] (31-12-2015)
Densità 6,03 ab./km²
Frazioni Cian Prai, Le Salse, Monesi, San Bernardo di Mendatica, Valcona Secae, Valcona Soprana, Valcona Sottana
Comuni confinanti Briga Alta (CN), Cosio di Arroscia, Montegrosso Pian Latte, Triora
Altre informazioni
Cod. postale 18025
Prefisso 0183
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 008034
Cod. catastale F123
Targa IM
Cl. sismica zona 3A (sismicità bassa)
Cl. climatica zona F, 3 235 GG[2]
Nome abitanti mendaticesi o mendaighini
Patrono santi Nazario e Celso
Giorno festivo 28 luglio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Mendatica
Mendatica
Mendatica – Mappa
Posizione del comune di Mendatica nella provincia di Imperia
Sito istituzionale

Mendatica (Mendàiga o Mendéga in ligure[3]) è un comune italiano di 185 abitanti[1] della provincia di Imperia in Liguria.

I suoi abitanti, mendaticesi, per tradizione locale vengono comunemente denominati mendaighini.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Collocato sulle pendici del monte Fronté domina l'alta valle Arroscia, il cui centro di riferimento è la cittadina di Pieve di Teco. Il territorio comunale di Mendatica si estende anche su parte della contigua val Tanarello (bacino del Tanaro), con le frazioni di San Bernardo, Monesi di Mendatica, Valcona Soprana, Valcona Sottana, Valcona Secae e Le Salse (gran parte di queste frazioni, insieme alla oramai scomparsa Poilarocca, fungevano da malga estiva per i pastori).

L'abitato è molto allungato lungo il pendio della montagna, e durante l'inverno il paese viene illuminato dal sole soltanto fino al primo pomeriggio. Dista dal capoluogo Imperia circa 33 km.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Le origini del nome

Il nome dialettale ligure Mendéga, ciòè "manda acqua", è indicativo dell'abbondanza di sorgenti della zona[4].

Secondo fonti locali il primitivo villaggio di Mendatica sorse presumibilmente a seguito dell'assedio e della successiva distruzione di Albenga, avvenuta nel 644, ad opera dei Longobardi. Parte della popolazione si rifugiò infatti nell'entroterra dell'odierno comune, creando insediamenti abitativi o piccoli villaggi sparsi fra le colline. Tra i primi nuclei sorgerà in seguito il paese denominato Mendatica.

Ad incrementare la popolazione dei villaggi furono soprattutto le frequenti invasioni e scorribande dei pirati saraceni, maggiormente nell'VIII e IX secolo, lungo la costa ligure della Riviera di Ponente che costrinsero gli abitanti costieri a spingersi verso l'entroterra ponentina e quindi incrementando i villaggi montani. Nonostante le più facili invasioni sulla costa i Saraceni risalirono anche nei paesi collinari, raggiungendo tra l'altro la stessa Mendatica, lasciando segni tangibili della loro presenza ancora oggi con numerose testimonianze e racconti locali.

Intorno all'anno 1000 divenne feudo imperiale e concessa ai marchesi di Clavesana, potenti signori feudali della zona specie nel ponente ligure e basso Piemonte, fino al passaggio amministrativo e feudale ai conti di Ventimiglia. Dai nuovi signori feudatari, in particolare dal conte Oberto di Garessio, feudatario locale dei conti ventimigliesi, ottennero nel 1321 il diritto di possedere un proprio notaio e la conseguente riconoscenza di una propria autonomia locale, specie nel settore amministrativo e fiscale.

Nel 1385 Mendatica fu inglobata nel vasto territorio della Repubblica di Genova diventando, di fatto e per molti anni, "cuscinetto" fra il ducato della casata reale dei Savoia e la repubblica genovese. Nel Congresso di Vienna, svoltosi dopo la caduta di Napoleone Bonaparte nel 1815, il territorio fu definitivamente assegnato al Regno di Sardegna - così come il resto della Liguria - e nel 1861 inglobato nel neo Regno d'Italia.

Dal 1973 al 31 dicembre 2008 ha fatto parte della Comunità Montana Alta Valle Arroscia e con le nuove disposizioni della Legge Regionale n° 24 del 4 luglio 2008[5], in vigore dal 1º gennaio 2009, ha fatto parte della Comunità Montana dell'Olivo e Alta Valle Arroscia, quest'ultima soppressa con la Legge Regionale n° 23 del 29 dicembre 2010[6] e in vigore dal 1º maggio 2011[7].

Simboli[modifica | modifica wikitesto]

Mendatica-Stemma.png
Mendatica-Gonfalone.png
« Partito: il PRIMO di rosso ad una sorgente che sgorga dalla roccia, sormontato da un leone rampante coronato d'oro; il SECONDO d'argento ad un castagno al naturale sormontato da una spiga di grano d'oro in palo »
(Descrizione araldica dello stemma[8])
« Drappo partito di bianco e di rosso riccamente ornato di ricami d'argento e caricato dello stemma comunale con la iscrizione centrata in argento: Comune di Mendatica. Le parti di metallo ed i cordoni argentati. L'asta verticale è ricoperta di velluto dei colori del drappo, alternati con bullette argentate poste a spirale. Nella freccia è rappresentato lo stemma del Comune e sul gambo inciso il nome. Cravatta e nastri tricolorati dai colori nazionali frangiati d'argento »
(Descrizione araldica del gonfalone[8])

Lo stemma ufficiale e il gonfalone sono stati approvati con l'apposito Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri datato al 26 aprile del 1983.[9]

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

La chiesa parrocchiale dei Santi Nazario e Celso nel centro storico di Mendatica

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

  • Chiesa parrocchiale dei Santi Nazario e Celso nel capoluogo. L'attuale edificio fu ricostruito nel corso del XVIII secolo dopo la demolizione della prima parrocchiale del XV secolo. La nuova struttura a navata unica, in stile barocco, conserva una statua ritraente una Madonna dello scultore Anton Maria Maragliano.
  • Santuario di Santa Margherita. Eretto nella frazione denominata Il Borgo (oramai scomparso dopo un incendio avvenuto secoli fa) è posto poco distante dal centro abitato di Mendatica. Al suo interno sono conservati pregiati affreschi del Cinquecento ad opera di pittori sconosciuti, restaurati di recente dall'Istituto delle Belle Arti di Genova.
  • Madonna dei Colombi. L'edificio originario, ad oggi diroccato, fu notevolmente danneggiato nel 1886 a seguito del terremoto che distrusse il centro urbano di Bussana. Pochi anni dopo, nel 1904, la struttura fu ricostruita in stile barocco, con la caratteristica loggia primaria del tempio.

Aree naturali[modifica | modifica wikitesto]

  • Cascate dell'Arroscia. Le cascate sono ubicate lungo il sentiero naturalistico che collega la chiesa di Santa Margherita con la località Poilarocca e sono costituite da alcuni salti dell'acqua del torrente Arroscia, per un'altezza complessiva di circa 30 metri.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[10]

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Secondo i dati Istat al 31 dicembre 2014, i cittadini stranieri residenti a Mendatica sono 24[11], pari al 12% della popolazione totale.

Qualità della vita[modifica | modifica wikitesto]

Scorcio del centro storico mendaticese

Il comune di Mendatica ha conseguito la certificazione del proprio sistema di gestione ambientale conformemente alla norma ISO 14001.[12]

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Istruzione[modifica | modifica wikitesto]

Musei[modifica | modifica wikitesto]

  • Museo storico ambientale della cultura delle Alpi Liguri.
  • Laboratorio naturalistico.
  • Laboratorio cartografico storico ambientale.

Eventi[modifica | modifica wikitesto]

  • Mostra cartografica.
  • Festa della Cucina Bianca, il penultimo sabato di agosto. È una rassegna di piatti di origine prevalentemente povera anticamente base alimentari dei pastori composta prevalentemente da farinacei, latticini (tra cui in particolare il bruss - una sorta di ricotta fortemente fermentata), ortaggi, patate, porri, aglio, rape, castagne ed erbe spontanee raccolti sui sentieri della transumanza.
  • Festa della Transumanza (terzo fine settimana di settembre):
    • Venerdì - Arrivo delle greggi in paese, dimostrazione didattica della mungitura e della caseificazione. Escursione con rientro in paese con le greggi.
    • Sabato - Fiera della Transumanza di San Matteo e Rassegna della Pecora brigasca; Corteo storico delle Malghe e Palio delle Capre.
    • Domenica - In località Cian Prai gara conduzione greggi con cani da pastore.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Paese tipicamente montano, l'economia di un tempo era basata sulla pastorizia e l'agricoltura (patate, grano e raccolta delle castagne). Attualmente la principale risorsa economica del comune è il turismo.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Panorama

Strade[modifica | modifica wikitesto]

Mendatica è situata lungo la strada provinciale 154. Il comune non è raggiungibile direttamente tramite autostrada, pertanto il casello autostradale di Imperia Est sull'autostrada A10 è l'uscita consigliata per raggiungere la destinazione per chi proviene o è diretto in direzione Francia, quello di Albenga per chi arriva o è diretto verso Genova.

Ferrovie[modifica | modifica wikitesto]

La stazione di Imperia Oneglia (per chi proviene o è diretto in Francia) o la stazione di Albenga (per chi proviene o è diretto verso Genova) sono le fermate ferroviarie più vicine sulla linea Genova-Ventimiglia nel tratto locale compreso tra Ventimiglia e Savona. Per chi invece proviene dal Piemonte le stazioni più vicine sono quelle di Ormea o Ceva.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
1985 1990 Mariano Porro Lista civica Sindaco
1990 1995 Mariano Porro Lista civica Sindaco
1995 1999 Mariano Porro Lista civica di Centro Sindaco
1999 2004 Emidia Lantrua Lista civica Sindaco
2004 2009 Emidia Lantrua Lista civica Sindaco
2009 2014 Piero Pelassa Lista civica "Sviluppo e tradizione" Sindaco
2014 in carica Piero Pelassa Lista civica "Sviluppo e tradizione" Sindaco

Altre informazioni amministrative[modifica | modifica wikitesto]

Mendatica fa parte dell'Unione dei comuni dell'Alta Valle Arroscia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Dato Istat al 31/12/2015
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ Il toponimo dialettale, forse più vicino ad un influsso linguistico genovese, è citato nel libro-dizionario del professor Gaetano Frisoni, Nomi propri di città, borghi e villaggi della Liguria del Dizionario Genovese-Italiano e Italiano-Genovese, Genova, Nuova Editrice Genovese, 1910-2002.
  4. ^ Il toponimo dialettale è citato nel libro-dizionario del professor Gaetano Frisoni, Nomi propri di città, borghi e villaggi della Liguria del Dizionario Genovese-Italiano e Italiano-Genovese, Genova, Nuova Editrice Genovese, 1910-2002.
  5. ^ Legge Regionale n° 24 del 4 luglio 2008
  6. ^ Legge Regionale n° 23 del 29 dicembre 2010
  7. ^ Fonte sulla soppressione delle comunità montane
  8. ^ a b Fonte dal sito Araldica Civica.it, araldicacivica.it. URL consultato il 6 novembre 2011.
  9. ^ Tratto dal sito Comuni-Italiani.it
  10. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  11. ^ Dato Istat al 31/12/2014
  12. ^ Fonte dal sito Ambiente in Liguria

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN241908332
Liguria Portale Liguria: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Liguria