Ranzo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ranzo
comune
Ranzo – Stemma Ranzo – Bandiera
Ranzo – Veduta
Il municipio
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Liguria.svg Liguria
ProvinciaProvincia di Imperia-Stemma.png Imperia
Amministrazione
SindacoPiero Raimondi (Lista civica "X Ranzo") dal 26/05/2014
Data di istituzione1947
Territorio
Coordinate44°03′33.91″N 8°00′52.6″E / 44.059419°N 8.014611°E44.059419; 8.014611 (Ranzo)Coordinate: 44°03′33.91″N 8°00′52.6″E / 44.059419°N 8.014611°E44.059419; 8.014611 (Ranzo)
Altitudine124 m s.l.m.
Superficie10,86 km²
Abitanti557[1] (31-12-2015)
Densità51,29 ab./km²
FrazioniCosta Bacelega
Comuni confinantiAquila d'Arroscia, Borghetto d'Arroscia, Casanova Lerrone (SV), Nasino (SV), Onzo (SV)
Altre informazioni
Cod. postale18020
Prefisso0183
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT008048
Cod. catastaleH180
TargaIM
Cl. sismicazona 3A (sismicità bassa)
Cl. climaticazona D, 1 406 GG[2]
Nome abitantiranzesi
Patronosan Donato d'Arezzo
Giorno festivo7 agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Ranzo
Ranzo
Ranzo – Mappa
Posizione del comune di Ranzo nella provincia di Imperia
Sito istituzionale

Ranzo (Rànso in ligure[3]) è un comune italiano di 557 abitanti[1] della provincia di Imperia in Liguria.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio di Ranzo è situato lungo il fondovalle del torrente Arroscia.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Scorcio del centro di Borgo di Ranzo

Il toponimo è attestato per la prima volta intorno al XIII secolo[4] nella versione Rancio[4], derivante probabilmente dal termine romano gentilizio Rantius[4]. È probabile che anche questa zona della valle Arroscia fosse abitata già in epoca protostorica[4] dove, alle primitive popolazioni dedite alla caccia e alla pastorizia, subentrarono poi i Liguri Ingauni[4] durante l'epoca preromana e che "colonizzarono" l'intero entroterra ligure. Alla caduta dell'Impero romano d'Occidente (476) anche il territorio di Ranzo fu interessato dalle invasioni barbariche[4], a cui seguirono le dominazioni da parte dei Longobardi[4] - nel 643 - e dei Franchi fino all'888[4].

Nel periodo carolingio entrò assieme ad altri paesi del fondovalle fra i possedimenti del Contado di Albenga[4] e, successivamente, nella Marca Arduinica sotto giurisdizione dello stesso comitato albenganese[4]. Con la dissoluzione della marca il feudo di Ranzo fu sottoposto al controllo dei marchesi di Clavesana[4] e a tale periodo risalirebbe[4] la costruzione presso il paese di una fortificazione per proteggere il territorio dalle mire espansionistiche del Comune di Albenga. Secondo altre documentazioni[4] il castello risalirebbe invece al X secolo quale avamposto costruito dagli abitanti per scongiurare i continui assalti dei Saraceni. Nel 1233 la popolazione ranzese partecipò assieme ad altri borghi della valle Arroscia alla fondazione di Pieve di Teco[4].

Al 1355[4] è datata la cessione da parte dei marchesi di Clavesana di una parte del territorio di Ranzo ai marchesi Emanuele e Aleramo Del Carretto; la restante parte venne comunque poi ceduta nel 1358[4] alla Repubblica di Genova che mantenne il marchese Emanuele di Clavesana quale suo feudatario in loco. Nuovi scontri tra le famiglie feudali dei Ceva, Del Carretto e Clavesana per altri possedimenti all'interno del territorio ranzese portarono nel 1386[4] ad un intervento diretto del doge di Genova Antoniotto Adorno. Il lodo dogale stabilì[4] la cessione da parte dei Del Carretto di tre quarti di Ranzo alla repubblica genovese, legando però la facoltà di conservarli come semplici feudi: la famiglia carrettesca risultò quindi proprietaria esclusiva di un quarto del territorio ranzese e feudataria, per conto di Genova, dei restanti tre quarti di Ranzo. Fu il nobile Giovanni di Saluzzo, marchese di Clavesana, a cedere definitivamente l'intero territorio di Ranzo alla Repubblica di Genova nel 1393[4] che sottopose questa parte di territorio nel capitaneato di Pieve di Teco sino alla dominazione napoleonica di fine XVIII secolo.

Con la dominazione francese il territorio di Ranzo rientrò dal 2 dicembre 1797 all'interno della Repubblica Ligure[4]. Dal 28 aprile del 1798 fece parte del VI cantone, come capoluogo[4], della Giurisdizione di Centa e dal 1803 centro principale del III cantone di Pieve nella Giurisdizione degli Ulivi[4]; nel 1804 aggregò i territori dei soppressi comuni di Bacelega e Costa Bacelega[5]. Annesso al Primo Impero francese dal 13 giugno 1805 al 1814 venne inserito nel Dipartimento di Montenotte.

Nel 1815 il territorio fu inglobato nel Regno di Sardegna, così come stabilì il Congresso di Vienna del 1814, e successivamente nel Regno d'Italia dal 1861. Dal 1859 al 1926 il territorio fu compreso nel V mandamento di Pieve di Teco del Circondario di Porto Maurizio facente parte della Provincia di Porto Maurizio (poi Provincia di Imperia, dal 1923). Nel 1928[6] il comune di Ranzo fu soppresso e aggregato al territorio comunale di Borghetto d'Arroscia, poi ricostituito nel 1947[7].

Durante le fasi cruciali della seconda guerra mondiale qui operò il distaccamento partigiano "F. Airaldi"[4], dipendente dal comando della II Brigata "Giovanni Beiro"[4], che contrastò il presidio tedesco di stanza a Ranzo che nella seconda metà del settembre 1944[4] abbandonò quest'area della media valle Arroscia.

Dal 1973 al 31 dicembre 2008 ha fatto parte della Comunità montana Alta Valle Arroscia e con le nuove disposizioni della Legge Regionale n° 24 del 4 luglio 2008[8], in vigore dal 1º gennaio 2009, ha fatto parte della Comunità montana dell'Olivo e Alta Valle Arroscia, quest'ultima soppressa con la Legge Regionale n° 23 del 29 dicembre 2010[9] e in vigore dal 1º maggio 2011[10].

Simboli[modifica | modifica wikitesto]

Ranzo-Stemma.png
Ranzo-Gonfalone.png

« Drappo di giallo... »

(Descrizione araldica del gonfalone[11])

Lo stemma è stato concesso con il decreto del Presidente della Repubblica datato al 7 maggio del 1997[11].

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

L'oratorio di Nostra Signora delle Vigne a Borgo di Ranzo

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

  • Chiesa parrocchiale di San Donato d'Arezzo nella borgata di Costa Parrocchia. Vicariato foraneo del vescovo di Albenga fino al 1964 è una costruzione di epoca barocca, ad unica navata con sei altari laterali, più l'altare maggiore. Conserva un dipinto della Crocifissione di Gesù, opera di Orazio De Ferrari[4].
  • Chiesa di San Pantaleo nella borgata di Borgo di Ranzo. Eretta nel XV secolo[4] su una chiesa preesistente di epoca romanica dell'XI secolo[4]. Custodisce al suo interno un polittico del compaesano pittore Giorgio Guido del 1554[4]. Il portico è decorato dai Guido da Ranzo[4] e dai portali della scuola dei Lapicidi di Cenova (1493[4]).
  • Oratorio della Madonna delle Vigne nella borgata di Borgo di Ranzo. Vi è custodito il polittico[4] della Madonna con i santi Giacomo e Filippo del pittore Giorgio Guido da Ranzo, realizzato nel 1544[4].
  • Chiesa parrocchiale di Nostra Signora dell'Assunta nella frazione di Bacelega. Edificata nel XV secolo[4], presenta un portale del XVI secolo e conserva dipinti del pittore locale Pietro Guido, padre di Giorgio. Il toponimo della località ove sorge questa parrocchiale, Bacelega, deriverebbe dal greco Basilicos, ad indicare la presenza di un'antica abbazia benedettina del VI-VII secolo con annessa basilica.
  • Chiesa parrocchiale di San Bernardo nella frazione di Costa Bacelega, eretta tra il 1618 e il 1628.
  • Oratorio di Nostra Signora della Neve nella frazione di Costa Bacelega.
  • Chiesetta di San Pietro nella borgata di Faldo.
  • Cappella di San Bartolomeo nella borgata di Fantinone, finita di restaurare esternamente ad agosto 2007 in occasione della ricorrenza di san Bartolomeo.
  • Oratorio dell'Immacolata Concezione nella borgata di Favari, eretto nel 1755[4] per volontà della locale popolazione.

Architetture militari[modifica | modifica wikitesto]

  • Ruderi del castello eretto dei marchesi di Clavesana nel Basso Medioevo anche se la tradizione popolare riferirebbe di una prima postazione difensiva risalente ad un periodo interiore all'anno Mille per scongiurare le frequenti incursioni saracene.

Società[modifica | modifica wikitesto]

La chiesa parrocchiale di Nostra Signora dell'Assunta della frazione di Costa Bacelega

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[12]

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Secondo i dati Istat al 31 dicembre 2014, i cittadini stranieri residenti a Ranzo sono 68[13], pari all'11,99% della popolazione totale, così suddivisi per nazionalità, elencando per le presenze più significative[14]:

  1. Albania, 29

Qualità della vita[modifica | modifica wikitesto]

Il comune di Ranzo ha conseguito la certificazione del proprio sistema di gestione ambientale conformemente alla norma ISO 14001[15].

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Il campanile dell'oratorio di Nostra Signora delle Vigne a Borgo di Ranzo

Il territorio comunale è costituito dalla frazione di Costa Bacelega e dalle ventun borgate storiche di Araca', Arma, Bacelega Parrocchia, Bonfigliara, Calabria, Canata, Caneto, Conio, Costa Parrocchia, Degolla, Faldo, Fantinone, Favari, Martinetto, Molino, Oliveto, Piazza, Ponterotto, Ricci, Stra' e Villa per una superficie territoriale di 10,86 km²[16].

Confina a nord con i comuni di Borghetto d'Arroscia, Aquila d'Arroscia ed Onzo (SV), a sud con Borghetto d'Arroscia e Casanova Lerrone (SV), ad ovest con Borghetto d'Arroscia e ad est con Onzo.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

La principale risorsa economica del comune è l'attività agricola. Produzione del vino Pigato, di cui Ranzo è fra i maggiori centri di produzione, e dell'olio di oliva da mensa taggiasche e loro derivati. Alcune attività commerciali legate all'olivicoltura (frantoi), all'artigianato (mobilificio) e al settore terziario (autotrasporti).

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Strade[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio di Ranzo è attraversato principalmente dalla strada provinciale 453 della Valle Arroscia che gli permette il collegamento stradale con Casanova Lerrone (SV), ad est, e con Borghetto d'Arroscia ad ovest. Altre arterie provinciali del territorio ranzese sono la SP 14 che dalla borgata di Borgo di Ranzo collega alcune località comunali e la SP 78 per Aquila d'Arroscia.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
1985 1990 Giovanni Allegro Democrazia Cristiana Sindaco
1990 1995 Giovanni Allegro Democrazia Cristiana Sindaco
1995 1999 Giovanni Allegro Lista civica Sindaco
1999 2004 Giovanni Allegro Lista civica Sindaco
2004 2009 Agnese Vinai Lista civica Sindaco
2009 2014 Agnese Vinai Lista civica "Uniti per Ranzo" Sindaco
2014 in carica Piero Raimondi Lista civica "X Ranzo" Sindaco

Altre informazioni amministrative[modifica | modifica wikitesto]

Ranzo fa parte dell'Unione dei comuni dell'Alta Valle Arroscia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Dato Istat al 31/12/2015
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ Il toponimo dialettale è citato nel libro-dizionario del professor Gaetano Frisoni, Nomi propri di città, borghi e villaggi della Liguria del Dizionario Genovese-Italiano e Italiano-Genovese, Genova, Nuova Editrice Genovese, 1910-2002.
  4. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z aa ab ac ad ae af ag ah ai Fonte dal libro di Andrea Gandolfo, La provincia di Imperia: storia, arti, tradizioni. Volume 1, Peveragno, Blu Edizioni, 2005.
  5. ^ Fonte dal Sistema Informativo Unificato per le Soprintendenze Artistiche, su siusa.archivi.beniculturali.it. URL consultato il 13 novembre 2014.
  6. ^ Regio decreto 13 settembre 1928, n. 2272
  7. ^ 21 gennaio 1947, n. 70
  8. ^ Legge Regionale n° 24 del 4 luglio 2008
  9. ^ Legge Regionale n° 23 del 29 dicembre 2010 Archiviato il 22 luglio 2011 in Internet Archive.
  10. ^ Fonte sulla soppressione delle comunità montane
  11. ^ a b Fonte dal sito Araldica Civica.it, su araldicacivica.it. URL consultato il 6 novembre 2011.
  12. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  13. ^ Dato Istat al 31/12/2014
  14. ^ Dati superiori alle 20 unità
  15. ^ Fonte dal sito Ambiente in Liguria (PDF), su ambienteinliguria.it. URL consultato il 16 novembre 2014.
  16. ^ Fonte dallo statuto comunale di Ranzo, su comune.ranzo.im.it. URL consultato il 12 novembre 2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN239241787
Liguria Portale Liguria: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Liguria