Casanova Lerrone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Casanova Lerrone
comune
Casanova Lerrone – Stemma Casanova Lerrone – Bandiera
Panorama di Casanova Lerrone
Panorama di Casanova Lerrone
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Liguria.svg Liguria
Provincia Provincia di Savona-Stemma.png Savona
Amministrazione
Sindaco Michele Volpati (Lista civica "Casanova per crescere") dal 26/05/2014
Data di istituzione 1797
Territorio
Coordinate 44°01′54.03″N 8°02′54.31″E / 44.031675°N 8.048419°E44.031675; 8.048419 (Casanova Lerrone)Coordinate: 44°01′54.03″N 8°02′54.31″E / 44.031675°N 8.048419°E44.031675; 8.048419 (Casanova Lerrone)
Altitudine 256 m s.l.m.
Superficie 24,23 km²
Abitanti 749[1] (01-01-2014)
Densità 30,91 ab./km²
Frazioni Borgo (sede comunale), Bosco, Degna, Marmoreo, Vellego
Comuni confinanti Borghetto d'Arroscia (IM), Cesio (IM), Garlenda, Onzo, Ortovero, Ranzo (IM), Stellanello, Testico, Vessalico (IM), Villanova d'Albenga
Altre informazioni
Cod. postale 17033
Prefisso 0182
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 009019
Cod. catastale B927
Targa SV
Cl. sismica zona 3s (sismicità bassa)
Cl. climatica zona D, 1 929 GG[2]
Nome abitanti casanovesi
Patrono sant'Antonino
Giorno festivo 2 settembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Casanova Lerrone
Casanova Lerrone
Posizione del comune di Casanova Lerrone nella provincia di Savona
Posizione del comune di Casanova Lerrone nella provincia di Savona
Sito istituzionale

Casanòva Lerróne (Casanêuva in ligure[3]) è un comune sparso italiano di 749 abitanti[1] della provincia di Savona in Liguria. La sede comunale è situata nella frazione di Borgo.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio di Casanova Lerrone è situato lungo il versante sinistro del torrente Lerrone, insediandosi nella zona medio alta della valle omonima, risultando geograficamente l'ente comunale più occidentale della provincia. Dalla quota dei 75 m s.l.m. presso il confine amministrativo con Garlenda, il territorio si estende sino alla quota dei circa 600 m s.l.m. in prossimità del passo del Ginestro, valico posto al confine tra le province di Savona ed Imperia. Una caratteristica geografica del territorio di Casanova Lerrone è la presenza di ampie zone di castagneti, che si alternano ad uliveti coltivati e sfruttati nella produzione agricola nei pressi dei centri abitati.

Il territorio comunale è costituito dalle frazioni di Borgo (capoluogo comunale), Bosco, Degna, Marmoreo e Vellego per una superficie territoriale di 24,23 km²[4]. Fanno altresì parte le borgate storiche di Cardona, Cascina, Case, Raimondi, Castellaro, Comparati, Roveira, Maremo Soprano, Maremo Sottano, Poggio, Ranco, Costa, Trevo, Case Soprane, Segua, Cardoni, Cesii e Fossato.

Confina a nord con i comuni di Borghetto d'Arroscia (IM), Ranzo (IM), Onzo ed Ortovero, a sud con Testico e Stellanello, ad ovest con Vessalico (IM) e Cesio (IM) e ad est con Villanova d'Albenga e Garlenda.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Panorama della frazione di Degna

Il primario centro agricolo di Casanova venne compreso inizialmente nel Comitato di Albenga[5] e, a partire dal X secolo, nella successiva Marca Aleramica[5]. Nel 1091 divenne possesso di Bonifacio del Vasto[5].

Il borgo crebbe di importanza strategica sotto la successiva amministrazione feudale dei Del Carretto[5] che, agli inizi del XIII secolo, lo vendette ai marchesi di Clavesana[5]; a partire dal 1250[5] rientrò tra i possedimenti del ponente ligure della famiglia Doria. Circa due secoli più tardi, intorno al 1443[5], divenne feudo dei conti della Lengueglia e ancora dei Negroni a partire dal 1663[5]. Rientrato nell'orbita genovese, tra il 1763 e il 1764 eccessive imposte locali sollevarono[5] vivaci proteste da parte della comunità casanovese contro il governo di Genova e la sua omonima repubblica.

Con la caduta del governo genovese e dissolti i feudi imperiali, la nuova municipalità di Casanova rientrò dal 2 dicembre 1797 nel Dipartimento del Letimbro, con capoluogo Savona, all'interno della Repubblica Ligure. Dal 28 aprile del 1798 fece parte del IV cantone, come capoluogo, della Giurisdizione di Centa e dal 1803 centro principale del IV cantone della Centa nella Giurisdizione degli Ulivi. Annesso al Primo Impero francese dal 13 giugno 1805 al 1814 venne inserito nel Dipartimento di Montenotte.

Nel 1815 Casanova fu inglobato nel Regno di Sardegna, così come stabilì il Congresso di Vienna del 1814, e successivamente nel Regno d'Italia dal 1861. Dal 1859 al 1926 il territorio fu compreso nel III mandamento di Andora del Circondario di Albenga facente parte della Provincia di Genova; nel 1927 con la soppressione del circondario ingauno passò, per pochi mesi, nel Circondario di Savona e, infine, sotto la neo costituita Provincia di Savona.

Con Regio Decreto n. 1234 dell'8 aprile 1863[6] assume la denominazione di Casanova Lerrone, giusta deliberazione del Consiglio Comunale del 29 luglio 1862. Gli ultimi aggiustamenti ai confini amministrativi risalgono al 1929[6] quando il Regio Decreto n. 774 del 28 marzo sancì la soppressione del comune di Vellego e il suo inglobamento - una parte, in quanto l'ex frazione di Ginestro confluì invece nel territorio comunale di Testico[6] - all'interno del comune casanovese.

Dal 1973 al 31 dicembre 2008 ha fatto parte della Comunità Montana Ingauna e con le nuove disposizioni della Legge Regionale n° 24 del 4 luglio 2008[7], in vigore dal 1º gennaio 2009, ha fatto parte della Comunità Montana Ponente Savonese, quest'ultima soppressa con la Legge Regionale n° 23 del 29 dicembre 2010[8] e in vigore dal 1º maggio 2011[9].

Simboli[modifica | modifica wikitesto]

Casanova Lerrone-Stemma.png
« Drappo bandato di giallo, di azzurro e di bianco... »
(Descrizione araldica del gonfalone[10])


Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

  • Chiesa parrocchiale di Sant'Antonino nella frazione-capoluogo di Borgo. Eretta in stile barocco, conserva un polittico del 1552 attribuito alla scuola pittorica dei Brea[11] e un gruppo in marmo raffigurante la scena dell'Apparizione[12].
  • Chiesa di San Matteo nella frazione di Bosco.
  • Chiesa di San Luca nella frazione di Degna.
  • Santuario di Nostra Signora della Visitazione nella frazione di Degna. Edificato sul luogo dell'apparizione mariana[12] ad una pastora sordomuta, che ritrovò l'uso della parola[12] come tramanda la tradizione locale, nel XVII secolo, custodisce al suo interno un gruppo ligneo attribuito allo scultore Anton Maria Maragliano[12].
  • Chiesa dei Santi Pietro e Paolo nella frazione di Marmoreo.
  • Chiesa parrocchiale dei Santi Antonio e Giuliano nella frazione di Vellego. L'organo, datato al 1882, è opera dell'organaro Angelo Dessiglioli.
  • Cappella di San Rocco nella località di Bassanico.

Architetture militari[modifica | modifica wikitesto]

Nel territorio comunale rimangono ad oggi due castelli di epoca feudale: il castello di Poggiolo nella località di Bassanico e la fortificazione eretta dalla famiglia Doria presso il capoluogo comunale.

Il primo venne edificato in epoca medievale dai conti Della Lengueglia - e ora di proprietà privata - presentandosi come una villa fortificata lungo l'antica mulattiera e percorso obbligato per l'alta valle del Lerrone, per il passo del Ginestro (677 m s.l.m.) e il territorio comunale di Testico; la struttura è consta da sontuose sale e stanze con arredi del XVII secolo.

Restano inoltre le antiche rovine delle fortificazione erette dai marchesi Del Carretto e dei Maremo e nella frazione di Vellego i resti della quadrangolare torre detta "di Ubaga".

Società[modifica | modifica wikitesto]

La chiesa di Sant'Antonino nel capoluogo comunale

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[13]


Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Panorama della frazione di Vellego

Secondo i dati Istat al 31 dicembre 2014, i cittadini stranieri residenti a Casanova Lerrone sono 99[14], pari al 13,45% della popolazione totale, così suddivisi per nazionalità, elencando per le presenze più significative[15]:

  1. Germania, 26

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Eventi[modifica | modifica wikitesto]

  • Festa patronale di sant'Antonino, il 2 settembre.
  • Sagra del Buon Mangiare, metà agosto e i primissimi di settembre 3 giorni di festa.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Si basa principalmente sull'attività agricola, in particolare la coltivazione dei vigneti e degli oliveti. Nelle zone pianeggiante si coltivano invece ortaggi e frutta. In forte sviluppo è il turismo, con i numerosi e "preziosi" agriturismi presenti in tutte le frazioni.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Strade[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio di Casanova Lerrone è attraversato principalmente dalla strada provinciale 6 che permette il collegamento stradale con Garlenda, ad est, e con Cesio attraverso il passo del Ginestro (o del Cesio).

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Il municipio
Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
1985 1990 Graziano Aschero Democrazia Cristiana Sindaco
1990 1995 Graziano Aschero Democrazia Cristiana Sindaco
1995 1999 Giovanni Pietro Maurizio Lista civica Sindaco
1999 2004 Sabrina Merlo Lista civica Sindaco
2004 2009 Sabrina Merlo Lista civica Sindaco
2009 2014 Michele Volpati Lista civica "Casanova cambia" Sindaco
2014 in carica Michele Volpati Lista civica "Casanova per crescere" Sindaco

Altre informazioni amministrative[modifica | modifica wikitesto]

Casanova Lerrone fa parte dell'Unione dei comuni della vite e dell'ulivo.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Dati Istat al 31-12-2011
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ Il toponimo dialettale è citato nel libro-dizionario del professor Gaetano Frisoni, Nomi propri di città, borghi e villaggi della Liguria del Dizionario Genovese-Italiano e Italiano-Genovese, Genova, Nuova Editrice Genovese, 1910-2002.
  4. ^ Fonte dallo statuto comunale di Casanova Lerrone, comune.casanovalerrone.sv.it. URL consultato il 20 luglio 2014.
  5. ^ a b c d e f g h i Fonte dal libro di Enzo Bernardini, Borghi nel verde. Viaggio nell'entroterra della Riviera Ligure delle Palme, San Mauro (TO), Tipografia Stige, 2003.
  6. ^ a b c Storia dei Comuni - Variazioni Amministrative dall'Unità d'Italia, elesh.it. URL consultato il 21 luglio 2014.
  7. ^ Legge Regionale n° 24 del 4 luglio 2008
  8. ^ Legge Regionale n° 23 del 29 dicembre 2010
  9. ^ Fonte sulla soppressione delle comunità montane
  10. ^ Fonte dal sito Araldica Civica.it, araldicacivica.it. URL consultato il 22 luglio 2014.
  11. ^ Fonte dalla Guida d'Italia-Liguria del Touring Club Italiano, Milano, Mondadori, 2007.
  12. ^ a b c d Urbanistica e ed architetture dal sito istituzionale del Comune di Casanova Lerrone, comune.casanovalerrone.sv.it. URL consultato il 22 luglio 2014.
  13. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  14. ^ Dato Istat al 31/12/2014
  15. ^ Dati superiori alle 20 unità

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Liguria Portale Liguria: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Liguria