Vessalico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vessalico
comune
Vessalico – Stemma Vessalico – Bandiera
Vessalico – Veduta
Panorama di Vessalico
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Liguria.svg Liguria
Provincia Provincia di Imperia-Stemma.png Imperia
Amministrazione
Sindaco Paola Giliberti (Lista civica "Vivere") dal 25-5-2014
Data di istituzione 1861
Territorio
Coordinate 44°02′46.74″N 7°57′43.43″E / 44.046317°N 7.962064°E44.046317; 7.962064 (Vessalico)Coordinate: 44°02′46.74″N 7°57′43.43″E / 44.046317°N 7.962064°E44.046317; 7.962064 (Vessalico)
Altitudine 197 m s.l.m.
Superficie 10,46 km²
Abitanti 282[1] (31-12-2015)
Densità 26,96 ab./km²
Frazioni Lenzari, Perinetti, Siglioli
Comuni confinanti Borghetto d'Arroscia, Casanova Lerrone (SV), Cesio, Pieve di Teco
Altre informazioni
Cod. postale 18026
Prefisso 0183
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 008066
Cod. catastale L809
Targa IM
Cl. sismica zona 3A (sismicità bassa)
Cl. climatica zona D, 1 587 GG[2]
Nome abitanti vessalcesi
Patrono santa Maria Maddalena
Giorno festivo 22 luglio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Vessalico
Vessalico
Vessalico – Mappa
Posizione del comune di Vessalico nella provincia di Imperia
Sito istituzionale

Vessalico (Vesarco in ligure[3]) è un comune italiano di 282 abitanti[1] della provincia di Imperia in Liguria.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Il borgo di Vessalico è ubicato nella media valle Arroscia, lungo la sponda sinistra dell'omonimo torrente, e alle pendici del monte Frascinello. Il livello di altitudine del territorio vessalcese varia da un'altezza minima di 197 m sul livello del mare al dato massimo di 1208 m.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il centro storico

Una tradizione storica locale colloca al 1100[4] la fondazione di un primitivo borgo ad opera degli abitanti che anticamente dimoravano in questa zona della media valle Arroscia e che, per un'imposizione[4] data dai feudatari del luogo, decisero di riunirsi in un nuovo nucleo abitato lungo la sponda sinistra dell'omonimo torrente.

Già in epoca protostorica, però, il territorio fu abitato da tribù locali affiliate ai Liguri Epanteri[4] che dovettero intorno al 180 a.C. soccombere all'avanzata dei Romani[4]; fu l'Impero ad edificare in zona un accampamento-fortificazione per contrastare l'avanzata dal fondovalle dei Liguri Ingauni. Alla caduta dell'Impero romano d'Occidente (476) anche il territorio di Vessalico fu interessato dalle invasioni barbariche[4], a cui seguirono le dominazioni da parte dei Longobardi[4] - nel 643 - e dei Franchi fino all'888[4].

Saccheggiato e devastato dagli assalti dei Saraceni tra i secoli IX e X, il borgo entrò a far parte della Marca Arduinica e, dal 974 su iniziativa dell'imperatore Ottone II, nella giurisdizione del Marchesato di Ceva[4]. Nel 1094 Bonifacio del Vasto prese il possesso di questa parte di territorio della media valle Arroscia che, a partire dal 1151, entrò stabilmente tra i domini dei marchesi di Clavesana. A questo periodo storico risalirebbe la fondazione del borgo del Ponte Nuovo[4], citato nella leggenda popolare in merito alla primitiva fondazione di Vessalico, un insediamento ben organizzato e che nacque in un punto strategico e di passaggio delle merci da e per la valle Arroscia, tanto che brevemente fece scattare l'interesse di Genova per questo territorio che pure difese inviando soldati nelle rivolte dei valligiani del 1203 e del 1234 contro i signorotti locali.

Il campanile della parrocchiale di Santa Maria Maddalena di Vessalico

Nel 1233, assieme ad altre popolazioni della valle, partecipò alla fondazione del nuovo centro di Pieve di Teco che successivamente divenne il capoluogo dell'omonimo mandamento[4], sotto la giurisdizione della Repubblica di Genova, di cui pure Vessalico ne fece parte assieme ad altri quindici borghi[4]. Pieno possesso genovese dal XVI secolo, ne seguì le sorti sino agli eventi napoleonici di fine Settecento[4].

Con la dominazione francese il territorio vessalicese rientrò dal 2 dicembre 1797 all'interno della Repubblica Ligure[4]. Dal 28 aprile del 1798 fece parte del VIII cantone, con capoluogo Pieve di Teco, della Giurisdizione di Centa e dal 1803 centro principale del III cantone di Pieve nella Giurisdizione degli Ulivi[4]. Annesso al Primo Impero francese dal 13 giugno 1805 al 1814 venne inserito nel Dipartimento di Montenotte.

Nel 1815 il territorio fu inglobato nel Regno di Sardegna, così come stabilì il Congresso di Vienna del 1814, e successivamente nel Regno d'Italia dal 1861. Dal 1859 al 1926 il territorio fu compreso nel V mandamento di Pieve di Teco del circondario di Porto Maurizio facente parte della provincia di Porto Maurizio (poi provincia di Imperia, dal 1923). Nel 1929[5] subisce gli ultimi aggiustamenti ai confini amministrativi con l'annessione del borgo di Siglioli, quest'ultima frazione fino a quell'anno del soppresso comune di Cartari e Calderara (rispettivamente frazioni odierne di Cesio e di Pieve di Teco).

Durante le fasi cruciali della seconda guerra mondiale vi fu un'intesa attività partigiana che operò assieme ad alcuni distaccamenti della I Brigata "Silvio Bonfante"[4]. Nel particolare fu il partigiano Rajmond Rossi ("Ramon") a far saltare nella notte del 6 ottobre 1944 il ponte di Borghetto d'Arroscia allo scopo di interrompere i collegamenti stradali, in previsione di uno scontro che poi avvenne nei pressi di Vessalico[4], delle varie colonne di soldati tedeschi dimoranti nella valle.

Simboli[modifica | modifica wikitesto]

Vessalico-Stemma.png
Vessalico-Gonfalone.png

« Lo stemma raffigura la lettera "V" maiuscola, iniziale del nome del Comune, tre teste d'aglio e nella parte sottostante un albero di olivo verde con tronco e olive nere. Nella parte sovrastante una corona d'argento ed in quella sottostante un nastro tricolore. »

(Descrizione araldica dello stemma[6])

« Drappo giallo con bordatura rossa... »

(Descrizione araldica del gonfalone[6])

Lo stemma ufficiale e il gonfalone sono stati approvati con l'apposito Decreto del Presidente della Repubblica datato al 2 marzo del 2007.[7]

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

La chiesa parrocchiale di Santa Maria Maddalena

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

  • Chiesa parrocchiale di Santa Maria Maddalena a Vessalico, in stile barocco.
  • Oratorio della Visitazione a Vessalico, del XVII secolo, detto anche della Madonna del Ponte.
  • Chiesa di Sant'Andrea apostolo nella frazione di Lenzari. Costruita nel XII secolo, in stile romanico, è stata recentemente restaurata.
  • Cappella della Presentazione della Vergine nella frazione di Lenzari.
  • Chiesa di San Matteo nella frazione di Siglioli.
  • Cappella dell'Assunta nella frazione di Siglioli.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[8]

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

L'oratorio della Visitazione

Secondo i dati Istat al 31 dicembre 2014, i cittadini stranieri residenti a Vessalico sono 80[9], pari al 26,94% della popolazione totale, così suddivisi per nazionalità, elencando per le presenze più significative[10]:

  1. Marocco, 41

Qualità della vita[modifica | modifica wikitesto]

Il Comune di Vessalico ha conseguito la certificazione del proprio sistema di gestione ambientale conformemente alla norma ISO 14001.[11]

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Eventi[modifica | modifica wikitesto]

  • Fiera dell'aglio. Si tiene ogni anno, dal 1400 circa, tradizionalmente il 2 luglio, ma all'occorrenza viene spostata al week-end più vicino. È il più importante evento per la promozione e la vendita dell'aglio di Vessalico, riconosciuto a livello europeo e con un preciso e categorico disciplinare di produzione. Oltre all'aglio la fiera ospita un tradizionale mercato del bestiame che, negli anni, ha visto ridurre la sua importanza ma conserva sempre il suo fascino.

Persone legate a Vessalico[modifica | modifica wikitesto]

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio comunale è costituito, oltre il capoluogo, dalle frazioni di Lenzari, Perinetti e Siglioli per una superficie territoriale di 10,46 km²[12].

Confina a nord con il comune di Borghetto d'Arroscia, a sud con Cesio, ad ovest con Pieve di Teco e ad est con Borghetto d'Arroscia e Casanova Lerrone (SV).

Economia[modifica | modifica wikitesto]

La principale risorsa economica del comune è legata all'agricoltura, specie nella coltivazione della vite e dell'olivo.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Strade[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio di Vessalico è attraversato principalmente dalla strada provinciale 453 che gli permette il collegamento stradale con Borghetto d'Arroscia, ad est, e Pieve di Teco ad ovest.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Il municipio
Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
1985 1990 Tullio Anfosso Democrazia Cristiana Sindaco
1990 1995 Tullio Anfosso Partito Comunista Italiano Sindaco
1995 1999 Tullio Anfosso Lista civica di centro-sinistra Sindaco
1999 2004 Tullio Anfosso Unione Democratica, poi I Democratici Sindaco
2004 2009 Giovanni Gandalini Lista civica Sindaco
2009 2014 Giovanni Gandalini Lista civica "Insieme per Vessalico" Sindaco
2014 in carica Paola Giliberti Lista civica "Vivere" Sindaco

Altre informazioni amministrative[modifica | modifica wikitesto]

Vessalico fa parte dell'Unione dei comuni dell'Alta Valle Arroscia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Dato Istat al 31/12/2015
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ Il toponimo dialettale è citato nel libro-dizionario del professor Gaetano Frisoni, Nomi propri di città, borghi e villaggi della Liguria del Dizionario Genovese-Italiano e Italiano-Genovese, Genova, Nuova Editrice Genovese, 1910-2002.
  4. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p Fonte dal libro di Andrea Gandolfo, La provincia di Imperia: storia, arti, tradizioni. Volume 1, Peveragno, Blu Edizioni, 2005.
  5. ^ Regio decreto 24 gennaio 1929, n. 183
  6. ^ a b Fonte dal sito Araldica Civica.it, araldicacivica.it. URL consultato il 6 novembre 2011.
  7. ^ Tratto dallo Statuto Comunale
  8. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  9. ^ Dato Istat al 31/12/2014
  10. ^ Dati superiori alle 20 unità
  11. ^ Fonte dal sito Ambiente in Liguria
  12. ^ Fonte dallo statuto comunale di Vessalico, comune.vessalico.im.it. URL consultato l'11 dicembre 2014.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN235743164
Liguria Portale Liguria: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Liguria