Monte Frontè

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Monte Frontè
Monte frontè da passo garlenda.png
Il Frontè visto dal passo di Garlenda
Stato Italia Italia
Regione Liguria Liguria
Provincia Imperia Imperia
Altezza 2 152 m s.l.m.
Catena Alpi
Coordinate 44°03′14.6″N 7°45′23.08″E / 44.054056°N 7.756412°E44.054056; 7.756412Coordinate: 44°03′14.6″N 7°45′23.08″E / 44.054056°N 7.756412°E44.054056; 7.756412
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Monte Frontè
Monte Frontè
Mappa di localizzazione: Alpi
Monte Frontè
Dati SOIUSA
Grande Parte Alpi Occidentali
Grande Settore Alpi Sud-occidentali
Sezione Alpi Liguri
Sottosezione Alpi del Marguareis
Supergruppo Catena del Saccarello
Gruppo Gruppo del Monte Saccarello
Sottogruppo Nodo del Monte Saccarello
Codice I/A-1.II-A.1.a

Il monte Frontè (2.152 m s.l.m.) è una montagna delle Alpi Liguri (sottosezione Alpi del Marguareis).

Toponimo[modifica | modifica wikitesto]

La statua sulla cima

Il nome attuale è la contrazione del precedente nome storico di monte Frontero. [1]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

È la seconda vetta più alta della Liguria dopo il monte Saccarello. Come questo, presenta un pendio erboso, usato come pascolo, sul lato nord-est (verso Monesi e Piaggia) ed è invece roccioso e molto scosceso su quello ad ovest (verso Verdeggia e la Francia). Il passo Frontè (2.081 m) la separa dalla vicina cima Garlenda. Sulla punta del Frontè, collocata sulla catena principale alpina, convergono la val Tanaro, la valle Argentina e la valle Arroscia.

Sulla sua vetta si trova, su un piccolo basamento, una statua della Madonna in grandezza naturale, eretta nel 1955.[2]

Accesso alla cima[modifica | modifica wikitesto]

Nei pressi del monte Frontè transita l'Alta via dei Monti Liguri, che nel suo tratta tra il colle Frontè e il passo Garlenda attraversa il versante della montagna rivolto verso la val Tanaro.[3]. La cima della montagna può essere raggiunta o per una grossa mulattiera dal colle Frontè o dal passo di Garlenda per tracce di passaggio sul crinale.

Punti di appoggio[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Antonio Fossati, Giuseppe Rosso, La valle del Tànaro: saggio di corologia storica, Scuola tip Don Bosco, 1930. URL consultato il 25 giugno 2015.
  2. ^ La storia di N.S. di Lourdes sul Monte Frontè, articolo su www.truciolisavonesi.it (accesso: 25 giugno 2015)
  3. ^ IM / 01 - Anello del Saccarello, scheda itinerario su www.altaviadeimontiliguri.it (accesso: 25 giugno 2015)

Galleria di immagini[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]