Monte della Guardia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Monte della Guardia
Monte della Guardia da Forte Pozzanghi.png
La montagna vista dal Forte Pozzanghi
StatoItalia Italia
Regione  Piemonte
Provincia  Cuneo
Altezza1 658 m s.l.m.
Prominenza88 m
CatenaAlpi
Coordinate44°07′18.8″N 7°55′46.74″E / 44.12189°N 7.92965°E44.12189; 7.92965
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Monte della Guardia
Monte della Guardia
Mappa di localizzazione: Alpi
Monte della Guardia
Dati SOIUSA
Grande ParteAlpi Occidentali
Grande SettoreAlpi Sud-occidentali
SezioneAlpi Liguri
SottosezionePrealpi Liguri
SupergruppoCatena Settepani-Carmo-Armetta
GruppoGruppo Galero-Armetta
SottogruppoCostiera Galero-Armetta
CodiceI/A-1.I-A.3.a

Il Monte della Guardia (1.658 m s.l.m.) è una montagna delle Prealpi Liguri (nella sezione alpina Alpi Liguri). Si trova in provincia di Cuneo (Piemonte) non lontano dal confine con la Liguria.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

L'ometto sulla cima, sullo sfondo il Monte Bertrand.

Il Monte della Guardia è collocato sulla catena principale alpina, nel tratto dove questa fa da spartiacque tra l'Alta Val Tanaro (a nord-ovest) e la valle del torrente Pennavaira (a sud-est). I suoi versanti esposti verso la val Tanaro sono rocciosi e dirupati, mentre i pendii che si affacciano verso il Mar Ligure sono più dolci e si presentano coperti di boschi fin quasi alla cima della montagna. Verso nord-est il valico della Colla Bassa la separa dal Monte Armetta, mentre in direzione sud-ovest il crinale si biforca poco prima del Colle di Caprauna: una costiera montuosa risale alla Rocca delle Penne e divide tra loro le valle del Pennavaira e dell'Arroscia, mentre il crinale alpino principale prosegue più a nord verso il Colle di Nava. Amministrativamente il Monte della Guardia si trova al confine tra i comuni di Ormea e di Caprauna, entrambi in provincia di Cuneo.[1]

Sulla cima, dalla quale si gode di un vastissimo panorama, sorge un grosso ometto di pietrame. Poco a sud-ovest del punto culminante, su una anticima, si trova una croce metallica con fissato alla base un libro di vetta, collocata in loco dal CAI di Asti. La prominenza topografica del monte della Guardia è di 88 metri ed è data dalla differenza di quota tra la vetta (1.658 m) e il punto di minimo situato in corrispondenza della Colla Bassa (1.570 m).[1].

Geologia[modifica | modifica wikitesto]

La zona dove è collocato il Monte della Guardia è caratterizzata da rocce calcaree di origine triassica[2]. In direzione del monte Armetta, sul versante che guarda verso il Tanaro, si trova la vasta Grotta dei Dighè.[3]. La cavità, anche nota come Garb del Dighea, è stata esplorata a fine Ottocento da un punto di vista entomologico ed ospita una interessante fauna troglobia tra cui un artropodo endemico della Val Tanaro, Plectogona sanfilippoi, subsp. Digheae.[4][2]

Accesso alla cima[modifica | modifica wikitesto]

Il monte della Guardia può essere facilmente essere raggiunto con una breve digressione rispetto all'Alta via dei Monti Liguri, che transita a breve distanza dalla cima sul versante affacciato verso il Mar Ligure.[5] Durante l'inverno il versante nord della montagna offre alcune interessanti cascate di ghiaccio.[6]

Punti di appoggio[modifica | modifica wikitesto]

  • Rifugio Pian dell’Arma, sul versante ligure.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Fraternali, carta 1:25.000.
  2. ^ a b Bollettino del Club alpino italiano, 1900, p. 86. URL consultato il 3 giugno 2019.
  3. ^ AA.VV., Le grotte d'Italia organo ufficiale dell'azienda autonoma di Stato delle R. Grotte demaniali di Postumia, Mondaini, 1927, p. 116. URL consultato il 5 giugno 2019.
  4. ^ Colle di Caprauna - Monte Armetta, su alpicuneesi.it. URL consultato il 4 giugno 2019.
  5. ^ Monte della Guardia (1654 m), Monte Armetta (1.739 m), M. Dubasso (1538 m) da Caprauna, su alpioccidentali.wordpress.com. URL consultato il 4 giugno 2019.
  6. ^ Mario Sertori, Valle Tanaro, in Cascatea, BLU Edizioni, 2004, pp. 69. URL consultato il 4 giugno 2019.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Cartografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]