Cima della Brignola

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Cima della Brignola
Cima della Brignola da valle Ellero.png
Vista dalla valle Ellero
StatoItalia Italia
Regione  Piemonte
Provincia  Cuneo
Prominenza110[1] m
CatenaAlpi
Coordinate44°11′09.24″N 7°46′41.85″E / 44.1859°N 7.778291°E44.1859; 7.778291
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Cima della Brignola
Cima della Brignola
Mappa di localizzazione: Alpi
Cima della Brignola
Dati SOIUSA
Grande ParteAlpi Occidentali
Grande SettoreAlpi Sud-occidentali
SezioneAlpi Liguri
SottosezioneAlpi del Marguareis
SupergruppoCatena Marguareis-Mongioie
GruppoGruppo Mongioie-Mondolè
SottogruppoDorsale Cima della Brignola-Mondolè
CodiceI/A-1.II-B.4.b

La Cima della Brignola (2.472 m s.l.m.[2]) è una montagna delle Alpi Liguri nella sottosezione delle Alpi del Marguareis.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Vista dalla Cima Ferlette

Si tratta di un rilievo calcareo.[3] Si trova sullo spartiacque tra due valli del monregalese: il suo versante occidentale scende sulla valle Ellero, il versante orientale dà sulla val Corsaglia. Dalla vetta diramano tre creste:

  • la cresta nord-ovest scende verso il Colle Brignola - Seirasso (2 329 m), per poi proseguire dopo le elevazioni a quota 2.372 e 2.423 con la Cima Seirasso;
  • la cresta sud-est collega la Cima Bignola con il vicino Monte Mongioie;
  • la cresta nord-est scende al Bocchino della Brignola (2.276 m) e risale alla Cima Ferlette, dividendo tra loro i due valloni laterali della Val Casotto, quello del Rio della Bignola da quello del Rio Raschera.[4]

Il punto culminante è segnalato da una alta croce di vetta metallica. Per la sua posizione favorevole, dalla cima si può godere di un ottimo panorama sulle montagne circostanti[5].

Salita alla vetta[modifica | modifica wikitesto]

Ometto e croce di vetta

La via normale, che percorre la cresta nord-ovest della montagna a partire dal Colle Brignola - Seirasso, è un percorso di tipo escursionistico, valutato come E[6] oppure EE[5]. È possibile raggiungere la vetta partendo da Pian Marchisio (frazione di Roccaforte Mondovì, Valle Ellero), oppure dal Rifugio Balma (a monte di Prato Nevoso, Val Corsaglia).

Accesso invernale[modifica | modifica wikitesto]

La Cima della Brignola è meta di alcuni percorsi scialpinistici, che partono da località diverse; in particolare dalla Val Corsaglia la si può raggiungere passando per il lago Raschera o per i laghi della Brignola.[7]

Punti d'appoggio[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Cima della Brignola, su peakery.com. URL consultato il 22 maggio 2021.
  2. ^ Fraternali, carta 1:25.000.
  3. ^ AA.VV., Memorie della Società geologica italiana, vol. 2, Società geologica italiana - Industria Tipografica Romana, 1939, p. 278. URL consultato il 7 settembre 2020.
  4. ^ CAI-TCI, Alpi liguri, pag. 419.
  5. ^ a b Cima della Brignola - 2472 m, su vienormali.it. URL consultato il 9 settembre 2020.
  6. ^ Programma gite 2016 (PDF), su fieliguria.com, FIE - gruppo escursionisti savonesi. URL consultato il 9 settembre 2020.
  7. ^ Brignola (Cima della) da Prato Nevoso, su gulliver.it, 10 marzo 2020. URL consultato il 9 settembre 2020.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Cartografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]