Monte Alpet

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Monte Alpet
Monte alpet da cima robert.jpg
Il monte Alpet visto dalla cima Robert
StatoItalia Italia
RegionePiemonte Piemonte
ProvinciaCuneo Cuneo
Altezza1 611 m s.l.m.
CatenaAlpi
Coordinate44°15′35.09″N 7°52′41.59″E / 44.259748°N 7.87822°E44.259748; 7.87822Coordinate: 44°15′35.09″N 7°52′41.59″E / 44.259748°N 7.87822°E44.259748; 7.87822
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Monte Alpet
Monte Alpet
Mappa di localizzazione: Alpi
Monte Alpet
Dati SOIUSA
Grande ParteAlpi Occidentali
Grande SettoreAlpi Sud-occidentali
SezioneAlpi Liguri
SottosezioneAlpi del Marguareis
SupergruppoCatena Marguareis-Mongioie
GruppoGruppo Pizzo d'Ormea-Monte Antoroto
SottogruppoContrafforte del Monte Baussetti
CodiceI/A-1.II-B.5.b

Il monte Alpet si trova nel territorio del comune di Roburent (CN) e tocca quota 1.611 m s.l.m..

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La montagna fa parte delle Alpi Liguri.

Ai suoi piedi si estende il comprensorio sciistico di San Giacomo di Roburent-Cardini e dalle piste si può godere di un panorama, specie osservando in direzione nord, nord-est, ove si spalanca la pianura cuneese con alle spalle le Alpi, dalle quali svetta la cima del Monviso.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel marzo del 1944 il Monte Alpet fornì una zona di rifugio ai partigiani autonomi del comandante "Mauri", che ripiegarono sulla montagna dalla val Casotto, dove avevano subito dure perdite ad opera delle truppe nazifasciste.[1].

Accesso alla cima[modifica | modifica wikitesto]

Il monte Alpet è servito da una seggiovia biposto che dal monte prende il nome[2]; poco sotto si trova la cima Colmè (1.297 m s.l.m.),

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ L.Klinkhammer, L'occupazione tedesca in Italia, 1943-1945, pp. 328-329. Le perdite partigiane vennero calcolate dai tedeschi in 283 morti e 246 catturati a fronte di deboli perdite per la Wehrmacht. Dettagli delle operazioni a pp. 575-576.
  2. ^ L'Italia dello sci, Touring Club Italiano, 2004, pp. 79. URL consultato il 10 novembre 2017.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Cartografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]