Monte Carmo di Loano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il monte dell'Appennino ligure, vedi Monte Carmo.
Monte Carmo di Loano
Stato Italia Italia
Regione Liguria Liguria
Provincia Savona Savona
Altezza 1 389[1] m s.l.m.
Catena Alpi
Coordinate 44°10′38.64″N 8°11′19.32″E / 44.1774°N 8.1887°E44.1774; 8.1887Coordinate: 44°10′38.64″N 8°11′19.32″E / 44.1774°N 8.1887°E44.1774; 8.1887
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Monte Carmo di Loano
Monte Carmo di Loano
Mappa di localizzazione: Alpi
Monte Carmo di Loano
Dati SOIUSA
Grande Parte Alpi Occidentali
Grande Settore Alpi Sud-occidentali
Sezione Alpi Liguri
Sottosezione Prealpi Liguri
Supergruppo Catena Settepani-Carmo-Armetta
Gruppo Gruppo del monte Carmo
Sottogruppo Costiera del monte Carmo
Codice I/A-1.I-A.2.a

Il monte Carmo di Loano è una montagna delle Alpi alta 1.389 m s.l.m..

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

Posta nell'immediato entroterra di Loano, la montagna è riconoscibile da molte cime e località della Liguria (tra cui anche Genova) per il suo imponente e isolato profilo. Dalla vetta del monte Carmo, verso nord, si possono scorgere le vicine Alpi Liguri, con in primo piano i monti Galero, Saccarello, Pizzo d'Ormea e Antoroto. In giornate molto limpide si possono peraltro scorgere il profilo del Monviso, della Corsica, di alcune isole dell'arcipelago toscano.

Nonostante la vicinanza del mare (meno di 8 km in linea d'aria), offre scorci tipicamente alpestri. Verso sud ed est presenta scoscesi versanti e creste con scarsa presenza di vegetazione alle quote più elevate. Il versante nord-occidentale, ricoperto di boschi, digrada dolcemente verso la valle della Bormida e la piana di Bardineto.

Sono molti i corsi d'acqua che hanno origine dal nodo del Carmo: tra questi, il torrente Giustenice, il torrente Nimbalto ed il rio Bozzera sul versante del mar Ligure; il fiume Bormida di Millesimo sul versante padano.

Accesso alla cima[modifica | modifica wikitesto]

Il Carmo è una vetta delle Alpi liguri molto conosciuta e frequentata dagli escursionisti. La sommità può essere raggiunta tramite il ripido percorso che sale dalla località Castagnabanca (Verzi, comune di Loano); la vetta è raggiungibile anche utilizzando l'alta via dei Monti Liguri, con partenza dal Giogo di Giustenice o dal Giogo di Toirano.

Poco sotto la vetta si trova un rifugio con annesso un bivacco sempre aperto; un altro rifugio si incontra, per chi sale da Castagnabanca, in località Pian delle Bosse. Sulla vetta sorge una croce metallica.

Suddetta croce, in periodo notturno, illuminata da un potente faro, produce un effetto luminoso da cui scaturisce una sorta di piramide di luce, color arancio, che trae in inganno e turba i poveri cittadini che passeggiano all'interno della Marina di Loano.

Tutela naturalistica[modifica | modifica wikitesto]

La montagna e l'area circostante fanno parte del SIC (Sito di importanza comunitaria) denominato M. Carmo – M. Settepani (codice: IT1323112 ).[2]

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Provincia di Savona - Carta turistica ed escursionistica scala 1:50.000
  2. ^ Bollettino Ufficiale Regione Liguria nr.13 of 15-7-2009; la lista dei SIC Liguri è on-line su lrv.regione.liguria.it (accesso: luglio 2015)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Sergio Marazzi. Atlante Orografico delle Alpi. SOIUSA. Pavone Canavese (TO), Priuli & Verlucca editori, 2005.
  • Andrea Parodi. Alte vie della Liguria. Arenzano (GE), Andrea Parodi Editore, 2003.
  • Centro Studi Unioncamere Liguri, Studio Cartografico Italiano. Alta Via dei Monti Liguri. Genova, 1983.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]