Pizzo d'Ormea

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Pizzo d'Ormea
PizzoOrmea.jpg
Versante nord
StatoItalia Italia
RegionePiemonte Piemonte
ProvinciaCuneo Cuneo
Altezza2 476 m s.l.m.
Prominenza172[1] m
CatenaAlpi
Coordinate44°09′56.9″N 7°49′47.3″E / 44.165806°N 7.829806°E44.165806; 7.829806Coordinate: 44°09′56.9″N 7°49′47.3″E / 44.165806°N 7.829806°E44.165806; 7.829806
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Pizzo d'Ormea
Pizzo d'Ormea
Mappa di localizzazione: Alpi
Pizzo d'Ormea
Dati SOIUSA
Grande ParteAlpi Occidentali
Grande SettoreAlpi Sud-occidentali
SezioneAlpi Liguri
SottosezioneAlpi del Marguareis
SupergruppoCatena Marguareis-Mongioie
GruppoGruppo Pizzo d'Ormea-Monte Antorotto
SottogruppoBric di Conolia-Pizzo d'Ormea
CodiceI/A-1.II-B.5.a

Il Pizzo d'Ormea è una montagna delle Alpi Liguri alta 2476 m. La vetta si trova in comune di Ormea, città dalla quale prende il nome.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

La montagna, che ha una caratteristica forma conica, si trova su una dorsale che, partendo in prossimità di Ormea in Val Tanaro, si sviluppa verso occidente fino alla vetta; questa cresta, nota come costa Valcaira, separa la secondaria 'Val d'Armella a nord dall'aperta valle del Chiappino a sud. Dalla vetta, la dorsale prosegue nella stessa direzione verso il monte Mongioie.

Il versante meridionale è costituito da pendii prativi, che raggiungono il Pian degli Archetti, mentre il versante settentrionale presenta paretine più scoscese e roccette che scendono lungo una cresta secondaria verso il sottostante passo della Colla del Pizzo, da dove la cresta secondaria prosegue in direzione nord-est fino alla Cima Ferrarine, dove si biforca: un ramo prosegue verso Cima Verzera e la val Corsaglia, un ramo invece volge ad est dirigendosi verso la Colla dei Termini.

Al di sotto della Colla del Pizzo è situato il lago alpino del Pizzo d'Ormea, coperto di neve per buona parte dell'anno e da cui ha origine il torrente Armella, che dopo aver attraversato l'abitato di Valdarmella giunge a Ormea per confluire nel Tanaro.

Dal punto di vista geologico, la montagna è costituita da porfidi quarziferi del Permiano, di tipologia internamente assai variata.[2]

Il nome deriva dalla città di Ormea, che sorge allo sbocco della Val d'Armella, e nel cui comune la montagna si trova.

Sulla punta si trova una croce in metallo e un disco in ottone su cui sono riportate le direzioni e le distanze dalle cime principale della Alpi e dell'Appennino, nonché le principali città visibili dalla vetta (Torino, Genova, la Pianura Padana in generale). Il panorama è a 360 gradi iniziando dalle Alpi Apuane, alla costa ligure, agli Appennini, alla Corsica, alle Alpi Liguri, alla cerchia delle Alpi fino al Monte Rosa e nelle giornate più terse al Pizzo Bernina

Ascensione alla vetta[modifica | modifica wikitesto]

Avvertenza
Alcuni dei contenuti riportati potrebbero generare situazioni di pericolo o danni. Le informazioni hanno solo fine illustrativo, non esortativo né didattico. L'uso di Wikipedia è a proprio rischio: leggi le avvertenze.

Accesso estivo[modifica | modifica wikitesto]

I percorsi di accesso alla vetta sono di tipo escursionistico.

La via normale si sviluppa lungo la dorsale Est per le Rocche dei Butti e la costa Valcaira, partendo dalla frazione di Chionea (in comune di Ormea). Da qui si risale per un sentiero che si sviluppa in cresta, fino ad incontrare il rifugio Valcaira. Si prosegue ancora, raggiungendo un ripetitore telefonico; qui l'itinerario si fa un po' più difficile, e si raggiunge la vetta per roccette e facili tratti di arrampicata, comunque mai esposti. La difficoltà del percorso è valutata come E-EE.[3][4]

Il percorso meno impegnativo è quello che partendo dalla frazione di Quarzina, raggiungibile in auto su una strada asfaltata molto panoramica, segue la dorsale sud. Da Quarzina si seguono le indicazioni del Rifugio Valcaira procedendo sempre su sterrate. Superato il piano della Colma, il Castello di Quarzina e il Pian degli Archetti, si procede ancora sulla dorsale evitando la diramazione a destra verso il rifugio Valcaira. Si raggiunge il ripetitore telefonico e quindi la vetta.[5]

Un percorso alternativo prevede di raggiungere la montagna partendo dalla colla dei Termini, raggiungibile in auto da Ormea su strada sterrata. Si segue un sentiero in cresta fino alla colla del Pizzo; da qui, per traccia di sentiero, si raggiunge il colle delle Rocchette, da dove, per la cresta occidentale, si raggiunge la vetta.[6]

In veste invernale

La colla del Pizzo si può raggiungere anche dalla val Corsaglia, passando da Bossea. In questo caso, si può utilizzare come punto d'appoggio il bivacco Cavarero, posto in località sella Revelli.[7][8]

Accesso invernale[modifica | modifica wikitesto]

La vetta è raggiungibile d'inverno con le ciaspole,[9] o con gli sci seguendo diversi itinerari.[10] È anche possibile accedere alla vetta seguendo il canalino nord-est, con un itinerario alpinistico su neve e misto di difficoltà PD+.[11]

Rifugi e bivacchi[modifica | modifica wikitesto]

Webcam[modifica | modifica wikitesto]

Alla quota di 2400 s.l.m. sul versante Sud, è stata posta una webcam dalla sezione imperiese della European Radioamateurs Association.[12]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Pizzo d'Ormea, su peakery.com. URL consultato il 22 maggio 2021.
  2. ^ Carta geologica d'Italia scala 1:100.000 - foglio 91 - Boves Archiviato il 14 marzo 2012 in Internet Archive.
  3. ^ gambeinspalla - relazione di salita per la via normale Archiviato il 9 maggio 2008 in Internet Archive.
  4. ^ gulliver.it - via normale[collegamento interrotto]
  5. ^ gulliver.it - salita da Quarzina Archiviato il 16 giugno 2009 in Internet Archive.
  6. ^ paolosnow - relazione di salita dalla Colla dei Termini, su paolosnow.it. URL consultato il 13 ottobre 2008 (archiviato dall'url originale il 15 settembre 2008).
  7. ^ Accesso al bivacco Cavarero da Bossea, su alpicuneesi.it. URL consultato il 13 ottobre 2008 (archiviato dall'url originale il 13 luglio 2009).
  8. ^ CAI Mondovì - scheda del bivacco Cavarero Archiviato il 12 settembre 2006 in Internet Archive.
  9. ^ gulliver.it - accesso alla vetta con le ciaspole[collegamento interrotto]
  10. ^ gulliver.it - accesso con gli sci da Valdarmella[collegamento interrotto]
  11. ^ gulliver.it - canalino nord-est Archiviato il 5 maggio 2009 in Internet Archive.
  12. ^ Webcam Pizzo d'Ormea, su eraimperia.it, E.R.A. Imperia. URL consultato il 7 agosto 2020.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Cartografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]