Prato Nevoso

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Prato Nevoso
frazione
Prato Nevoso – Veduta
Panorama invernale
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Piemonte-Stemma.svg Piemonte
Provincia Provincia di Cuneo-Stemma.png Cuneo
Comune Frabosa Sottana-Stemma.png Frabosa Sottana
Territorio
Coordinate 44°15′24.11″N 7°47′20.58″E / 44.256697°N 7.78905°E44.256697; 7.78905 (Prato Nevoso)Coordinate: 44°15′24.11″N 7°47′20.58″E / 44.256697°N 7.78905°E44.256697; 7.78905 (Prato Nevoso)
Altitudine 1 480 - 1 620 m s.l.m.
Abitanti 146
Altre informazioni
Cod. postale 12083
Prefisso 0174
Fuso orario UTC+1
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Prato Nevoso
Prato Nevoso

Prato Nevoso (o anche Pratonevoso) è una località sciistica facente parte del Mondolè Ski e si trova nei pressi di Mondovì. La sua offerta sciistica è rivolta maggiormente a una clientela di livello sciistico di media difficoltà per la relativa facilità delle sue piste, ma il richiamo turistico è notevole perché la stazione è situata in una zona molto soleggiata e calda. L'intraprendenza dei suoi gestori, il continuo rinnovamento dei suoi impianti di risalita, la mentalità di voler far sciare i turisti sempre e comunque, le hanno regalato l'appellativo di "Sestriere del Cuneese". Nel 2009, ad esempio, è stata l'ultima località del nord-ovest a chiudere la stagione invernale (3 maggio ultimo giorno di apertura impianti) e la prima a riaprirli l'autunno seguente (20 novembre primo giorno stagione 2009/10).

Prato Nevoso sorge nel comune di Frabosa Sottana, in provincia di Cuneo, di cui è una frazione; la sua storia relativamente recente risale ai primi anni sessanta quando un gruppo di imprenditori liguri decise di creare una stazione invernale facilmente raggiungibile sia da Genova che da Torino.

La scelta cadde su degli alpeggi situati nel comune di Frabosa Sottana ad una altitudine di oltre 1500 metri.
I veloci lavori di edificazione ed i bassi costi iniziali degli appartamenti favorirono un rapido popolamento del nuovo comprensorio turistico e la presenza dell'autostrada A6 Savona-Torino (raddoppiata negli anni novanta) ha contribuito accelerando ulteriormente tale processo consentendo a Prato Nevoso di diventare meta abituale soprattutto per nuclei familiari.
Nello stesso arco di tempo il segno demografico di Frabosa Sottana, che da settant'anni stava perdendo progressivamente abitanti, ha invertito rotta tanto che il comune ha registrato da allora un nuovo incremento nella popolazione residente.

Purtroppo la veloce edificazione non ha seguito nessun principio di organicità urbanistica e gli edifici sono nati nella completa anarchia architettonica. Situazione che negli ultimi anni, con la costruzione di nuovi edifici, si tenta di regolamentare, un esempio visibile ne è la località adiacente al paese di Prato Nevoso, le cosiddette "Stalle Lunghe" (1500 m). Queste, essendo di recente edificazione, sono state concepite come un nucleo di chalet comunicanti con accesso diretto sulle piste del maxi-comprensorio. Altro esempio di edificazione recente, è il condominio "Orsa Minore" situato sul Colle del Prel (1620 m), che riprende il caratteristico stile delle residenze di montagna. Da tempo ormai si seguono canoni più appropriati nella progettazione ed edificazione dei residence/condomini, tuttavia permangono esempi architettonici disarmonici ed inadeguati al territorio, all'interno del complesso della località sciistica (ad esempio: condomini Gran Solarium, Visiona, Bunker, Rododendri, Antares, Gran Soleil).

La storia[modifica | modifica wikitesto]

Il nucleo storico
Prato Nevoso negli anni cinquanta


Lungo i tornanti esposti a sud (sulla sinistra della grande conca sede dell'arrivo delle piste) sono cresciute nel tempo numerose costruzioni e alcuni alberghi.
Pur mancando un vero e proprio centro di aggregazione il borgo ha acquistato una propria e definita connotazione. Nell'immagine: Prato Nevoso come appariva negli anni cinquanta

L'idea di realizzare una nuova stazione turistica in una remota contrada del Monregalese, detta allora "case Prà Nevoso", lungo le pendici occidentali del Monte Malanotte risale già al 1960 e si deve ad un imprenditore savonese, Giacomo Dodero, abituale frequentatore di Frabosa Soprana (dove possedeva una casa) ed appassionato camminatore.

Fu proprio in seguito ad una delle numerose escursioni effettuate sui monti a sud di Frabosa che egli ebbe modo di constatare l'abituale abbondanza di innevamento nel sito tra il Malanotte e la Colla del Prel, dove esisteva solo una breve sciovia.

Nel 1963, Dodero costituisce assieme al Dr. Glauco Lolli Ghetti, presidente della società Carbonavi di Genova, la società Prato Nevoso Spa, allo scopo di realizzare una nuova stazione di sport invernali. Il momento sembra indubbiamente favorevole all'iniziativa, dato che il tasso di spopolamento dei paesi della Comunità Montana "Valli del Monregalese" in generale e delle due Frabose in particolare (-30% dal '51 al '71 per Frabosa Sottana, -40% per la Soprana) è tale da destare preoccupazione, tanto più che l'economia del comprensorio poggia su un'agricoltura in via di dissolvimento, su qualche cava di pietrisco calcareo e sabbia quarzifera e su una villeggiatura estiva concentrata a Frabosa Soprana e a Lurisia.

Per quanto concerne gli sport invernali, se Frabosa Soprana comincia a mostrare i suoi limiti, dovuti alle quote basse e a pendii adatti a sciatori provetti, il sito di Prato Nevoso presenta caratteristiche favorevoli allo sviluppo dello sci di massa: quota di base piuttosto elevata (1480 m) ed un'esposizione a nord-ovest; presenza di un singolare pianoro lievemente depresso verso il centro, ai piedi del Monte Malanotte, e con vocazione "naturale" a fungere da grenouillere e da zona di convergenza delle piste di rientro nella stazione; pendii sciabili con pendenza non elevata, che si sviluppano tutte al di sopra del limite del bosco, e relativa vicinanza a Savona (96 km) e a Torino (100 km) oltreché ovviamente a Cuneo (40 km). Come spesso accade per i siti prescelti per la realizzazione di nuove stazioni, manca la strada di accesso e l'unica infrastruttura esistente si riduce a una mulattiera. La convenzione stipulata col Comune di Frabosa Sottana prevede l'obbligo da parte della società PRATO NEVOSO di realizzare le fognature, l'acquedotto e la strada carrozzabile, la cui manutenzione dovrà essere a carico della società per 15 anni, mentre il Comune cede in cambio circa 100 ha di terreno, che ha provveduto in via preliminare ad acquistare dai singoli proprietari, al prezzo di 23 milioni di Lire di allora (1963).

Nel 1963 viene dunque elaborato dal geom. Lanza il progetto della strada, lunga 3 km dal Bivio Bergamini e con sette tornanti: i lavori per la sua realizzazione, iniziati nel 1965, sono ultimati nello stesso anno, e raggiungono il costo di 1 miliardo di Lire di allora (la carrozzabile verrà asfaltata due anni dopo nel 1967). La nascita di Prato Nevoso dal punto di vista urbanistico risale però al 1966, quando l'architetto Accinelli di Finale Ligure realizza l'Hotel Mondolè, grosso complesso che con i suoi spioventi molto inclinati avrebbe dovuto costituire il modello di riferimento per le costruzioni successive; il centro civico della nuova località, comprendente anche la chiesa, viene realizzato dallo stesso architetto un po' più in alto, a quota 1600 lungo le pendici del Monte Malanotte. Va sottolineata l'opportunità della scelta di concentrare l'urbanizzazione sul lato orientale della conca per lasciare completamente libero lo spazio (circa 90.000 m²) destinato ad accogliere l'arrivo delle piste, la grenouillere, un campo di pattinaggio su ghiaccio, un piccolo anello per lo sci di fondo; questa soluzione ha peraltro comportato la necessità di sviluppare verso l'alto - attualmente le costruzioni più avanzate si spingono fino a quota 1710, appena 30 m al di sotto della vetta del Malanotte- con conseguenti notevoli difficoltà di spostamento all'interno della stazione (forte dislivello, distanza), che tra la parte bassa e la parte alta presenta anche differenti condizioni micro-climatiche

(in alto il vento si fa sentire, la strada è spesso gelata, la nebbia più frequente).

L'ultimo intervento urbanistico effettuato dalla Prato Nevoso Spa è la famosa, lunga "galleria" commerciale, un porticato che si sviluppa per una lunghezza di circa 300 m da quota 1480 a quota 1510 e situato quindi all'ingresso della stazione, che richiama analoghi interventi effettuati nei più moderni centri turistici francesi.

Tutte le costruzioni realizzate a partire dalla fine degli anni sessanta (altri 4 alberghi, un residence e ben 3800 alloggi, opera di decine di differenti architetti) non hanno osservato alcun principio di organicità e si sono sviluppate nella più completa anarchia; d'altra parte la PRATO NEVOSO SPA anziché pianificare e realizzare l'intero complesso mantenendo la gestione delle attività sportive, ricreative e delle strutture ricettive - come avviene nelle stazioni integrate- si è limitata alla fase iniziale dell'operazione (acquisizione dei terreni e realizzazione dei primi immobili) per poi vendere a singoli gruppi immobiliari o a privati lotti di terreno edificabile, limitandosi a blande raccomandazioni sull'opportunità di seguire lo stile delle prime costruzioni.

Le volumetrie realizzate sono indubbiamente ingenti (è stato autorizzato l'indice 3 m³ per 1 m²) e gli immobili si dispongono "a gradinata" lungo l'acclive pendio che scende dal Malanotte, in buona parte negli spazi compresi tra i tornanti della strada che si arrampica verso la vetta della montagna, differendo molto, quanto a forme architettoniche, dagli edifici a spioventi molto inclinati della parte bassa. La ricettività dei 3800 appartamenti-senza contare le nuove realizzazioni degli ultimi anni in Conca-, applicando il coefficiente di 4 letti per alloggio - giustificabile con le ridotte dimensioni di tali unità abitative - sarebbe di 15.200 letti, ma l'affollamento che in essi si registra in ogni periodo di punta e nei fine settimana consiglierebbe di elevare la stima ad almeno 17-18.000 letti, cui si aggiungono le migliaia di pendolari del sabato e della domenica (ne sono stati calcolati anche 10.000 in un solo giorno). Nei 6 esercizi alberghieri si registrano invece appena 360 letti (di cui 150 nel solo "Grande Albergo Mondolè") a testimonianza dell'enorme squilibrio esistente fra ricettività in seconde case e ricettività "commerciabile". Questa ingente massa di turisti - in buona parte sciatori, dato il carattere della stazione, che poco si presta allo shopping o al tranquillo relax invernale. Si deve infine osservare che Prato nevoso è divenuto un centro permanentemente abitato, nel quale si contavano nel 1971 36 residenti, saliti a 72 nel 1981, le cui attività sono ovviamente legate alla manutenzione degli alloggi e all'apertura degli alberghi e degli esercizi commerciali.

Sono da rilevare ancora le vicende finanziarie per cui nel 1979 la società che controllava la PRATO NEVOSO SPA e cioè la NAI (ex-CARBONAVI) di Genova, è diventata di proprietà dell'imprenditore genovese Mantovani e alla metà degli anni ottanta è stata assorbita dalla finanziaria GEROLIMICH, pure con sede a Genova. Nel 1991 si assiste allo scorporo della PRATO NEVOSO SRL (ex SPA) che si occupa dei terreni ancora edificabili (per una volumetria di 184.000 m³) dalla PRATO NEVOSO SKI SRL che possiede gli impianti di risalita. Negli ultimi anni la proprietà di quest'ultima è passata ancora di mano ed ora il comando è posseduto da una cordata di imprenditori locali e liguri.

Bisogna segnalare infine la grande espansione edilizia iniziata qualche anno fa, e non ancora conclusa, denominata "Stalle Lunghe" che vede la creazione di un borgo autonomo, ma con un certo stile architettonico in sintonia con quello iniziale di Prato Nevoso, sul versante opposto della Conca. L'operazione ha permesso anche la sostituzione di diversi impianti e ha dato impulso ad una nuova vita, anche estiva, per Prato Nevoso.

La grande rinascita[modifica | modifica wikitesto]

Negli anni novanta la ripetuta scarsità di precipitazioni nevose aveva portato la stazione in uno stato di crisi dal quale si è risollevata grazie ad un'opera di ammodernamento degli impianti di risalita, non più sufficienti alla richiesta degli amanti dello sci, un aumento del numero dei cannoni impiegati per l'innevamento artificiale e per ultimi l'adozione dell'illuminazione di due piste per praticare lo sport dello sci anche in ore serali e la realizzazione di uno snowpark per gli amanti dello snowboard.

Nel rilancio della stazione, infine, non è da sottovalutare l'ottima realizzazione del collegamento con gli impianti di risalita della vicina stazione gemella di Artesina ed in seguito con quella di Frabosa Soprana che ha permesso la nascita e l'ampliamento del maxi comprensorio sciistico Mondolè Ski.

La forte richiesta di case per le vacanze ha generato in anni più recenti una nuova iniziativa di grande respiro basata su un progetto per un migliaio di nuovi appartamenti teso a sviluppare particolarmente la parte del borgo nuovo.

La stagione 2009-2010, dopo 150 giornate di sci, con impianti aperti e piste perfettamente agibili, si è chiusa facendo registrare numeri incredibili: 413.500 presenze per un totale di oltre 4 milioni e 600.000 passaggi agli impianti di risalita. I mesi con più presenze sono stati Gennaio, con 115.000 presenze per circa un milione e 350.000 passaggi, e Febbraio, con 125.000 presenze per circa 1 milione e mezzo di passaggi. Il comprensorio sciistico del Mondolé si attesta tra i più grandi ed i più visitati nel panorama nord-ovest italiano, con una notevole presenza di stranieri provenienti per lo più dalla Francia, Inghilterra e Germania.

Sci per Disabili

Da alcuni anni la stazione si rivolge in modo particolare ai disabili che vogliano sciare, mettendo a disposizione tecnici e maestri specializzati nell'insegnamento dello sci e snowboard ai portatori di handicap, utilizzando attrezzature idonee e strutture adeguate. L'organizzazione DiscesaLiberi (Passione Sportiva senza Barriere) è operativa in Prato Nevoso dal 2011

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Oltre agli sport invernali anche il ciclismo è di casa a Prato Nevoso che è stata più volte arrivo di tappa del Giro d'Italia e del Tour de France:

Sci per disabili

  • 2014 (23 e 29-30 marzo]] Si svolsero i Campionati Italiani Disabili -FISIP 2014. Si tennero le gare di Sci Alpino, di Sci Nordico e di Snowboar
  • 2015 si svolse una gara di Coppa Italia-FISIP per Disabili
  • 2016 si svolsero due gare di Coppa Italia-FISIP per Disabili
Cuneo Portale Cuneo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cuneo