Google Street View

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Una Google Car, attrezzata per le riprese di Google Street View, a Berlino

Google Street View (in italiano Google Visione Stradale) è una caratteristica di Google Maps e Google Earth che fornisce viste panoramiche a 360° gradi in orizzontale e a 290º in verticale lungo le strade (a distanza di 10-20 metri l'una dall'altra) e permette agli utenti di vedere parti di varie città del mondo a livello del terreno. Introdotto il 25 maggio 2007, il servizio si è gradualmente ampliato, fino a comprendere allo stato attuale fotografie provenienti dalle seguenti nazioni:Argentina, Andorra, Australia, Belgio, Botswana, Brasile, Bhutan, Bulgaria, Canada, Cile, Colombia, Croazia, Danimarca, Emirati Arabi Uniti, Estonia, Finlandia, Francia, Giappone, Grecia, Israele, Islanda, Irlanda, Italia, Indonesia, Lesotho, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malesia, Messico, Norvegia, Nuova Zelanda, Paesi Bassi, Perù, Principato di Monaco, Polonia, Portogallo, Repubblica Ceca, Regno Unito, Romania, Russia, San Marino, Serbia, Singapore, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Stati Uniti, Sudafrica, Svezia, Svizzera, Swaziland, Thailandia, Taiwan, Ungheria e Ucraina. La copertura (evidenziata in blu nella mappa sotto) viene mostrata trascinando un omino arancione ("pegman", presente nella barra a sinistra della mappa); posizionandolo su un punto della copertura, compare la corrispondente fotografia panoramica.

Per la realizzazione delle foto, Google Street View si serve di apposite macchine fotografiche (le Dodeca 2360, dotate di 11 obiettivi e prodotte dall'azienda canadese Immersive Media) collocate sul tetto di diverse automobili, denominate Google Cars: Chevrolet Cobalt (negli Stati Uniti), Opel Astra (in Europa e Australia, Vauxhall Astra nel Regno Unito) e Toyota Prius (in Giappone). Nelle aree pedonali, nei parchi e nelle strade non attraversabili con le automobili vengono usate invece delle biciclette, chiamate Google Bikes[1]. Le foto possono essere visualizzate in diverse posizioni, angolature ed ingrandimenti tramite i tasti "freccia" della tastiera e/o il mouse. La linea e le frecce che compaiono in sovrimpressione sulla foto indicano la strada percorsa dalla Google Car e le possibili direzioni da percorrere. Facendo click con il tasto destro del mouse, sull'immagine, è possibile selezionare varie opzioni. Periodicamente, il servizio viene aggiornato con nuove foto.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Google Street View è stato lanciato il 25 maggio del 2007. Quel giorno c'erano solo 5 città: Denver, Las Vegas, Miami, New York City, e San Francisco. Il 7 agosto dello stesso anno, San Diego, Los Angeles, Houston, e Orlando. Il 9 ottobre altre 6 città, Filadelfia, Phoenix, Pittsburgh, Portland, Tucson, Chicago (e il suo sobborgo Naperville). Il 10 dicembre del 2007: Boston; Providence; Detroit; Minneapolis-Saint Paul; Indianapolis; Dallas-Fort Worth.

Successivamente, in occasione del Tour de France, viene lanciato in Francia e poi iniziano ad essere mappate le prime città d'Europa, d'Australia e del Giappone.

Vengono implementate le prime procedure per la protezione della privacy con cui vengono oscurati volti e targhe fotografate e, in Germania, anche intere facciate di palazzi. Le autorità iniziano a chiedere a Google di avvisare la stampa locale in anticipo per sapere quando passerà la loro autovettura.

Con la nascita del progetto Google Art Project, viene utilizzato un trolley per la fotografia degli interni dei musei con le loro opere d'arte che viene integrato anche su Google Maps e Street View.

Viene introdotta una bicicletta con su montata la struttura fotografica chiamata trike per la mappatura dei centri storici e dei parchi cittadini non percorribili con automobili.

Nel 2013 viene progettato un nuovo sistema fotografico portabile in spalla da una persona chiamato Trekker per i sentieri percorribili solo a piedi quali il Grand Canyon negli Stati Uniti e presto Venezia in Italia. Sempre quest'anno Google ha creato una pagina per quelle persone o organizzazioni che vorrebbero offrirsi per la fotografia di sentieri e percorsi percorribili solo a piedi.

Il servizio al di fuori degli Stati Uniti[modifica | modifica wikitesto]

La copertura di Google Street View

██ I paesi e le dipendenze con copertura totale

██ I paesi e le dipendenze con copertura parziale

██ I paesi e le dipendenze con prevista copertura totale o parziale (ufficiale)

██ I paesi e le dipendenze con prevista copertura totale o parziale (non ufficiale)

██ I paesi e le dipendenze con vista solo dei musei

██ I paesi e le dipendenze senza copertura in corso o prevista copertura

Il 2 luglio 2008 il servizio inizia ad essere offerto anche in Europa, in occasione del Tour de France a partire dai paesi Oltralpe attraversati in tale edizione, comprendendo anche l'italiana Cuneo.

Dal 4 agosto 2008 il servizio è disponibile in Australia e Giappone, dal 27 ottobre in Spagna, dal 29 ottobre in Italia, e dal 1º dicembre anche la Nuova Zelanda rende disponibile tale funzionalità di Google. A fine 2008 sono dunque 6, insieme agli USA, i paesi che offrono la Street View.

Il 18 marzo 2009 si aggiungono Regno Unito e Paesi Bassi, portando il totale a 9.

Con l'aggiornamento effettuato il 18 agosto 2009 sono state inserite nella mappatura di Google Street View anche Portogallo, Svizzera e Taiwan; pertanto le nazioni coperte dal servizio sono diventate 12.

Il 7 ottobre 2009 sono state inserite le fotografie scattate in Repubblica Ceca e in Canada, il 9 novembre sono state aggiunte quelle del Messico; il 2 dicembre è stata la volta di Singapore, arrivando ad una copertura di 16 nazioni in tutto. Il 21 gennaio hanno debuttato due paesi scandinavi, Svezia e Danimarca.

Su Internet si trovano numerose foto di auto di Google in giro per il mondo che raccolgono le fotografie per Street View.

Il 1º aprile 2010, viene introdotto l'effetto 3D in Street View, già presente nel Google Labs. Anche se in molti, vista la data, hanno pensato a uno dei tanti scherzi che ogni anno in quel giorno perpetra la grande G, la nuova funzionalità è stata attiva per alcuni giorni e poteva essere visualizzata cliccando con il tasto destro su "3d mode on".

Nel 2011 nasce Google Art Project, che sfruttando la tecnologia di Street View consente la visita virtuale di alcuni importanti musei e luoghi artistici.

Italia[modifica | modifica wikitesto]

Google Street View Car a Milano

Il servizio è disponibile in Italia dal 29 ottobre 2008, quando furono inserite le città di Roma, Milano, Firenze, Como (insieme al lago), che si andavano ad aggiungere alla già citata Cuneo. A partire dal 18 marzo 2009 su Street View è disponibile l'Irpinia, la parte centrale del Lazio, quella occidentale della Lombardia, e quella costiera della Campania, compresi Napoli, la Costiera Amalfitana, Salerno e la valle dell'Irno, oltre alle città di Avellino, Benevento (solo centro storico), Torino, Genova, Udine, Parma, Bologna, Livorno, Arezzo, Perugia, L'Aquila, Bari, Brindisi, Lecce, Gallipoli, Reggio Calabria, Catania e Cagliari. Le Opel Astra di Google sono state avvistate anche a Massa Carrara, Catanzaro, Cosenza, Milazzo, Palermo, Pavia, Piacenza, Cecina, Pisa, Parma, Reggio Emilia, Mantova, Taranto, Vicenza, Caltanissetta, Pescara, Montesilvano, Matera, Andria, Barletta, Castel di Sangro, Teramo, Terni, Termoli, Guglionesi, Petacciato, Rodi Garganico, Vico del Gargano, Carpino, Cagnano Varano, Ischitella, Sannicandro Garganico, Peschici, Vieste, gran parte della Riviera Romagnola. Dal 21 gennaio 2010 la copertura italiana di Street View si estende enormemente: sono disponibili pressoché la totalità delle regioni del Sud Italia (Sicilia, Sardegna, Calabria, Basilicata, Puglia, Campania, Abruzzo e Molise), oltre a varie aree del Friuli-Venezia Giulia e Veneto, in particolare strade ed autostrade, e parte delle città di Jesolo, Mestre, Marghera e Verona, oltre che le strade statali delle Marche. Dal 1º luglio 2011 la copertura si estende anche alla provincia di Viterbo nella parte settentrionale del Lazio. Dal 14 novembre 2013 è completamente coperta la città di Venezia, isole comprese. Sono state coperte quasi tutte le calli e i canali, con macchine fotografiche portate a spalla o montate su barche.

Germania[modifica | modifica wikitesto]

Il 2 novembre 2010, il servizio arriva anche in tale paese, coprendo per il momento alcune grandi città. Anche se la corte di Berlino ha respinto una denuncia di alcuni cittadini sulle presunta illegalità del servizio, Google ha deciso di non fornire nuove immagini del paese.[senza fonte]

Copertura[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito la tabella mostra i paesi disponibili su Google Street View e l'anno in cui sono stati aggiunti per la prima volta. Il testo in grassetto indica i paesi in cui Google Street View è disponibile anche nei musei.

Paese o regione Anno di aggiunta
Isole Åland Isole Åland
(Finlandia)
2010
Andorra Andorra 2012
Antartide Antartide 2010
Argentina Argentina 2014
Australia Australia 2008
Austria Austria 2012
Belgio Belgio 2011
Botswana Botswana 2012
Brasile Brasile 2010
Bulgaria Bulgaria 2013
Canada Canada 2009
Cile Cile 2012
Cina Cina 2013
Colombia Colombia 2013
Croazia Croazia 2012
Rep. Ceca Rep. Ceca 2009
Corea del Sud Corea del Sud 2012
Danimarca Danimarca 2010
Ecuador Ecuador 2013
Emirati Arabi Uniti Emirati Arabi Uniti 2013
Estonia Estonia 2012
Francia Francia 2008
Filippine Filippine 2013
Finlandia Finlandia 2010
Germania Germania 2010
Gibilterra Gibilterra
(Regno Unito)
2012
Grecia Grecia 2014
Hong Kong Hong Kong
(Cina)
2010
Ungheria Ungheria 2013
Islanda Islanda 2013
India India 2012
Iraq Iraq 2011
Irlanda Irlanda 2010
Israele Israele 2012
Isola di Man Isola di Man
(Regno Unito)
2011
Italia Italia 2008
Giappone Giappone 2008
Jersey Jersey
(Regno Unito)
2011
Lettonia Lettonia 2012
Lesotho Lesotho 2013
Lituania Lituania 2013
Macao Macao
(Cina)
2010
Martinica Martinica
(Francia)
2013
Messico Messico 2009
Isole Midway Isole Midway
(Stati Uniti d'America)
2012
Monaco Monaco 2011
Nepal Nepal 2012
Paesi Bassi Paesi Bassi 2009
Norvegia Norvegia 2010
Nuova Zelanda Nuova Zelanda 2008
Perù Perù 2013
Isole Pitcairn Isole Pitcairn
(Regno Unito)
2013
Polonia Polonia 2012
Portogallo Portogallo 2009
Qatar Qatar 2012
Romania Romania 2010
Russia Russia 2011
San Marino San Marino 2012
Singapore Singapore 2009
Slovacchia Slovacchia 2012
Slovenia Slovenia 2014
Sudafrica Sudafrica 2010
Corea del Sud Corea del Sud 2012
Spagna Spagna 2008
Svalbard e Jan Mayen Svalbard e Jan Mayen
(Norvegia)
2012
Svezia Svezia 2010
Svizzera Svizzera 2009
Thailandia Thailandia 2014
Taiwan Taiwan 2009
Tanzania Tanzania 2013
Territorio britannico dell'oceano Indiano Territorio britannico dell'oceano Indiano
(Regno Unito)
2013
Ucraina Ucraina 2012
Regno Unito Regno Unito 2009
Stati Uniti Stati Uniti 2007
Serbia Serbia 2014

Punti estremi raggiunti da Google Street View[modifica | modifica wikitesto]

Privacy[modifica | modifica wikitesto]

All'uscita di Google Street View si sono scatenate delle polemiche riguardo alla privacy per il forte livello di dettaglio delle immagini che rendono possibile il riconoscimento di persone, le quali potrebbero essere riprese in situazioni poco consone. Per alcune immagini Google si è appellata al fatto che fossero di dominio pubblico, ad altre ha provveduto a rimuovere o modificarle, tanto da implementare anche una modalità per avvisare Google di rimuovere foto che possano ledere la privacy. Su più fronti è stato anche chiesto l'oscuramento dei volti e delle targhe delle automobili. Comunque, il software implementa un algoritmo che autonomamente individua targhe e volti, oscurandoli graficamente.

A dicembre del 2007 le auto di Street View avrebbero potuto fotografare una zona di Melbourne dove è avvenuto un omicidio e Google potrebbe essere chiamata in causa come testimone[2]. Nel giugno del 2009, invece, uno scatto ripreso a Groninga, nei Paesi Bassi, ha permesso alla polizia di arrestare due giovani che nel settembre del 2008 avevano compiuto uno scippo[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ googlemaps bike | Flickr - Photo Sharing!
  2. ^ Punto Informatico, Google testimone di omicidio, 14 dicembre 2007. URL consultato il 19 agosto 2009.
  3. ^ Corriere della Sera, Scippano passante, presi con Street View, 20 giugno 2009. URL consultato il 19 agosto 2009.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]