Drag and drop

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Nell'interfaccia grafica di un computer, il drag-and-drop indica una successione di tre azioni, consistenti nel cliccare su un oggetto virtuale (quale una finestra o un'icona) per trascinarlo (in inglese: drag) in un'altra posizione, dove viene rilasciato (in inglese: drop).

In genere, questo tipo di azione crea un qualche tipo di associazione tra due oggetti. Se per esempio un'icona corrispondente a un documento viene trascinata sul cestino, questo provoca la cancellazione del documento.

Fu introdotto per la prima volta dalla Apple con il sistema Macintosh 128K, e in seguito evoluto con il sistema operativo System 7.

Grazie a HTML5, il drag-and-drop è oggi disponibile in maniera nativa anche sui browser che lo supportano (attualmente Opera 12, Firefox 4, Safari, Google Chrome e, anche se non completamente, Internet Explorer 9) attraverso una semplice interfaccia JavaScript[1].

Spesso ad azioni di drag-and-drop corrispondono alternative via tastiera (scorciatoie o shortcut) o via comandi testuali da inserire in una console; ad esempio in un sistema Microsoft Windows lo spostamento di un file nel cestino corrisponde alla pressione del tasto di cancellazione o al comando del nella console (rm in console Unix).

Generalmente nella lingua italiana viene tradotto come "clicca e trascina", anche se sarebbe più corretto definirlo come "clicca, trascina e rilascia".

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Il drag and drop facile e nativo con HTML5 e JavaScript, HTML5 Today.
informatica Portale Informatica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di informatica