Cestino (informatica)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cestino vuoto
Cestino pieno

Il cestino (in inglese Trash o Recycle Bin) è una funzionalità dei sistemi operativi dotati di interfaccia grafica. È una componente specifica del file manager ed è spesso integrato nel desktop environment.

In genere è implementato come una o più directory non direttamente accessibili dall'utente. La sua funzione è quella di contenere i file cancellati dal PC e permette di navigare tra essi, annullarne l'eliminazione e lo spostamento nel cestino (riportandoli alla loro posizione originaria) oppure eliminarli definitivamente dall'hard disk o dal supporto fisico in cui erano originariamente presenti, recuperando memoria.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Cestino in ProDOS

Il cestino fa la sua prima apparizione nel 1983 sull'Apple Lisa con il nome di "Wastebasket".[1] Insieme alla metafora della scrivania fu oggetto nel 1994 di una causa legale tra Apple e Microsoft.[2] In seguito fu rinominato "Trash".[3]

Un analogo del cestino era già presente in MS-DOS 6 tramite "Delete Sentry".[4] Questo sistema permetteva di utilizzare il comando UNDELETE per ripristinare i file eliminati.[5][6] I file venivano automaticamente rimossi dopo sette giorni o all'avvio del sistema operativo.[4]

Nei sistemi della Apple, prima dell'introduzione di System 7, il contenuto del cestino veniva immagazinato su memoria volatile. Il cestino veniva quindi svuotato al termine della sessione del Finder. In seguito venne data la possibilità all'utente di svuotare manualmente il cestino implementando la funzionalità come cartella persistente. Su Mac OS X il cestino viene anche utilizzato per espellere i compact disc o rimuovere delle unità.

Alcuni sistemi, ad esempio OS/2, presentano uno "shredder" che, come suggerisce il nome, si occupa di eliminare i file.[7]

Funzionamento del cestino[modifica | modifica sorgente]

Mac OS[modifica | modifica sorgente]

Su Mac OS X sono presenti due tipi di cestini. Il primo è situato in ~/.Trash e contiene il contenuto del cestino dell'utente. Il secondo tipo è rappresentato da una cartella /.Trashes presente nei dispositivi che non vengono montati nella root.[8]

freedesktop.org[modifica | modifica sorgente]

Le implementazioni del cestino nei desktop environment GNOME, KDE e Xfce sono conformi alla "Trash specification" di freedesktop.org.[9]

È inoltre disponibile una interfaccia a riga di comando denominata trash-cli conforme alla specifica.[10]

Microsoft Windows[modifica | modifica sorgente]

Windows 7 con il cestino.

Il cestino, nei sistemi operativi Microsoft, fu introdotto in Windows 95.[senza fonte] La sua icona si trova sempre sul desktop ed è rappresentato con un'icona raffigurante una pattumiera. Fino a Windows Vista era l'unica icona dinamica della shell Explorer, in quanto ne riflette lo stato pieno/vuoto (se nel cestino non c'è dentro nulla appare vuoto, se ci sono dei file appare pieno di carta).

È possibile visualizzare le icone dei file eliminati come se fossero in una qualsiasi cartella di Windows: è possibile eliminarli definitivamente o riportarli alla loro posizione originale, ma non è possibile aprirli direttamente dal cestino, senza ripristinarli.

È inoltre possibile riservare al cestino una quota variabile di spazio del disco rigido, configurarlo in modo che i file siano spostati in esso tacitamente ed è possibile disattivarlo del tutto.

Posizione logica del cestino[modifica | modifica sorgente]

Benché fisicamente i file nel cestino non si spostino dal settore di origine, la loro posizione logica nei filesystem FAT e NTFS viene variata in modo che l'utente non li trovi più nella cartella dalla quale li elimina, bensì nel cestino.

La directory nella quale questi file vengono posti è contrassegnata come di sistema ed è quindi normalmente invisibile agli utenti del sistema.

Tali directory sono talvolta utilizzate da alcuni malware per nascondersi ed essere eseguiti automaticamente.[senza fonte]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) VAW: The Lisa, Apple's First GUI-Based Computer System
  2. ^ (EN) APPLE COMPUTER, INC. v. MICROSOFT CORP., 35 F.3d 1435 (9th Cir. 1994)
  3. ^ (EN) Apple Lisa Office System 3.1
  4. ^ a b (EN) Delete Sentry Automatically Purges Files When Necessary
  5. ^ (EN) Microsoft DOS undelete command
  6. ^ (EN) Now You Delete It, Now You Don't
  7. ^ (EN) IBM OS/2 Warp 4
  8. ^ (EN) About the Trash in Mac OS X
  9. ^ (EN) The FreeDesktop.org Trash specification
  10. ^ (EN) trash-cli - Command Line Interface to FreeDesktop.org Trash

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

informatica Portale Informatica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di informatica