Interfaccia a riga di comando

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Screenshot di una sessione bash su Gentoo Linux
Screenshot di una sessione FreeDOS su emulatore Bochs

In informatica l'interfaccia a riga di comando[1] (anche conosciuta come CLI[2], Command Line Interface ovvero interfaccia a linea di comando), a volte detta semplicemente riga di comando, indica una tipologia di interfaccia utente caratterizzata da un'interazione di tipo testuale tra utente ed elaboratore: l'utente impartisce comandi testuali in input mediante tastiera alfanumerica e riceve risposte testuali in output dall'elaboratore mediante display o stampante alfanumerici.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Questo tipo di approccio deriva dalla modalità di interazione con calcolatori di generazioni precedenti gli odierni, che avveniva attraverso terminali testuali non in grado di compiere alcuna elaborazione e connessi ad un elaboratore centrale (sistema mainframe).

Attualmente un'interfaccia di tipo CLI si ottiene per mezzo di un programma che permette all'utente di interagire digitando opportuni comandi su un emulatore di terminale testuale: esempio tipico sono le shell, ma anche altri programmi utilizzano questo approccio.

Nei sistemi operativi moderni usati nei personal computer, al posto della CLI, in buona parte, c'è l'interfaccia grafica (anche conosciuta come GUI, sigla dell'inglese graphical user interface) con caratteristiche tipicamente user friendly.

Spesso in sistemi con duplice possibilità di interazione (grafica e testuale) esiste una stretta correlazione tra interfaccia grafica e interfaccia testuale: tipicamente tutto ciò che può essere fatto tramite interfaccia grafica può essere svolto tramite interfaccia testuale a riga di comando con gli opportuni comandi/istruzioni e viceversa. In molti casi anzi le operazioni su interfaccia grafica sono mappate (o tradotte) direttamente sui comandi dell’interfaccia testuale, che rappresenta dunque il vero motore o core del sistema, con la parte grafica che assume dunque a tutti gli effetti il significato di semplice interfaccia uomo-macchina user-friendly.

L'interfaccia a riga di comando è ancora molto diffusa per il controllo e la configurazione di dispositivi specializzati, come router, switch e stampanti di rete, ma anche per connettersi remotamente ad altri elaboratori in una rete di calcolatori, dotati di un opportuno interprete di comandi (come bash o csh): in tal caso, vengono impiegati protocolli come telnet o ssh.

Funzionamento[modifica | modifica wikitesto]

Il programma tipicamente non esegue alcunché fino a quando non riceve un comando di input dall'utente. Il cursore lampeggiante o evidenziato detto prompt indica la posizione nella schermata dove verrà eventualmente scritto il comando impartito dall'utente.

I comandi devono essere impartiti in forma di righe di testo rispettando una precisa sintassi. Spesso un comando presenta delle cosiddette opzioni, da inserire dopo il comando stesso, che specificano una funzionalità specifica o aggiuntiva del comando stesso. Dopo aver composto una riga di comando bisogna digitare il tasto "Invio" o "Enter".

A questo punto, il programma analizza (interpreta) la riga di comando, e se questa è stata composta in modo sintatticamente corretto la esegue, altrimenti questi non esegue il comando restituendo all'utente una segnalazione del primo errore incontrato nella lettura e ripartendo dal prompt. Come effetto dell'esecuzione di un comando, si può ottenere la scrittura di un testo di risposta da parte del programma sul terminale o su un diverso dispositivo di output.

CLI su alcuni sistemi operativi[modifica | modifica wikitesto]

In ambiente Windows NT la CLI è ottenuta tramite il programma "Prompt dei comandi" (cmd.exe) che richiama nella grafica l'interfaccia del Sistema Operativo MS-DOS.

In Unix, Linux e sistemi analoghi si parla di "terminale", perché l'interfaccia visuale è la stessa; la shell è il programma con interfaccia a riga di comando, che viene eseguito all'interno di un terminale testuale per impartire comandi al sistema. Possono esistere ed essere utilizzate contemporaneamente differenti shell (Bash, Korn shell, C shell).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il Glossario dei traduttori di programmi liberi suggerisce l'utilizzo del termine "interfaccia a riga di comando" (si veda il lemma "command line").
  2. ^ "CLI" è un acronimo mutuato dalla lingua inglese, in particolare è l'acronimo di "command-line interface", termine utilizzato nella lingua inglese con lo stesso significato dei termini italiani "interfaccia a riga di comando" e "interfaccia a linea di comando" (quest'ultimo ne è anche la traduzione letterale).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

informatica Portale Informatica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di informatica