WordPress

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
WordPress
Logo
Visualizzazione di default di WordPress 3.0 (tema TwentyTen)
Visualizzazione di default di WordPress 3.0 (tema TwentyTen)
Sviluppatore Matt Mullenweg
Ryan Boren
Donncha O Caoimh
Mark Jaquith
Andrew Ozz
Peter Westwood
Ultima versione 4.0 (4 settembre 2014; 3 mesi fa[1])
Ultima beta 4.0 RC (27 agosto 2014; 3 mesi fa[2])
Sistema operativo Multipiattaforma
Linguaggio PHP
Genere Content management system
Desktop publishing
Licenza GPL
(Licenza libera)
Sito web it.wordpress.org

WordPress è una piattaforma software di "personal publishing" e content management system (CMS), sviluppata con PHP usando il gestore di database MySQL. Inizialmente creata da Matt Mullenweg e distribuita con la licenza GNU General Public License, consente la creazione di un sito Internet formato da contenuti testuali o multimediali, facilmente gestibili ed aggiornabili.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Interfaccia di amministrazione di WordPress, versione 2.8
  • Estensione delle funzionalità tramite plugin[3];
  • Disponibilità di migliaia di temi gratuiti[4], e altri a pagamento, per personalizzare l'aspetto del blog;
  • Gestione delle pagine con template;
  • URL permanenti che aiutano l'ottimizzazione nei motori di ricerca;
  • Gestione delle categorie;
  • Funzioni di Trackback e Pingback;
  • Editor WYSIWYG per la formattazione dei testi;
  • Creazione di pagine statiche;
  • Supporto multi-autori;
  • Supporto multi-sito (attivabile dalla versione 3.0, o usando la variante WordPress MU);
  • Log degli utenti che visitano il blog;
  • Blocco di utenti in base all'indirizzo ip;
  • Possibilità di specificare meta-tag;
  • Dalla versione 3.7 è presente un sistema di aggiornamento automatico.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La prima versione di Wordpress fu pubblicata il 27 maggio 2003 dai fondatori Matt Mullenweg e Mike Little come fork di b2/cafelog. Il nome WordPress fu suggerito da Christine Selleck.

Versioni[modifica | modifica wikitesto]

Le versioni of WordPress, a partire dalla versione 1.0[5], sono chiamate con nomi di musicisti jazz.

Versione Nome Data pubblicazione Note
0.7 nessuno 27 maggio 2003 Utilizza la stessa struttura di file del suo predecessore, b2/cafelog, e continua la numerazione dalla sua ultima release, 0.6.[6].
1.0 Miles 3 gennaio 2004
1.2 Mingus 22 maggio 2004 Aggiunto il supporto ai plugin.
1.5 Strayhorn 17 febbraio 2005 Aggiunte una serie di funzioni basilari, come la capacità di gestire pagine statiche e un sistema di temi/templates. Utilizza un nuovo tema di default (nome in codice Kubrick[7]) progettato da Michael Heilemann.
2.0 Duke 31 dicembre 2005 Aggiunto l'editor visuale, migliorati gli strumenti di amministrazione, il caricamento di immagini e il sistema di importazione, completamente revisionato il back-end, e vari miglioramenti per gli sviluppatori di plugin[8].
2.1 Ella 22 gennaio 2007 Corretti i problemi di sicurezza, interfaccia ridisegnata, potenziati gli strumenti di editing visuale (tra cui il controllo ortografico integrato e il salvataggio automatico) e migliorate le opzioni di gestione dei contenuti[9].
2.2 Getz 16 maggio 2007 Aggiunto il supporto dei widget per i templates, aggiornato il supporto ai feed Atom e ottimizzazioni di velocità[10].
2.3 Dexter 24 settembre 2007 Aggiunto il supporto nativo ai tag, nuovo sistema di tassonomia per le categorie, e notifica semplificata degli aggiornamenti, supporta pienamente Atom 1.0, con il protocollo di pubblicazione, e alcune correzioni di sicurezza importanti[11].
2.5 Brecker 29 marzo 2008 L'interfaccia di amministrazione è stata completamente ridisegnata e il sito web WordPress corrisponde al nuovo stile[12].
2.6 Tyner 15 luglio 2008 Aggiunte nuove caratteristiche che rendono WordPress un potente CMS: è ora possibile tenere traccia delle modifiche dei post e delle pagine, consente una scrittura dei post semplificata da qualsiasi punto della rete[13].
2.7 Coltrane 11 dicembre 2008 Interfaccia di amministrazione completamente ridisegnata, aggiunti gli aggiornamenti automatici e l'installazione di plugin, dall'interno dell'interfaccia di amministrazione[14].
2.8 Baker 10 giugno 2009 Miglioramenti in termini di velocità, aggiunta l'installazione automatica di temi dall'interno dell'interfaccia di amministrazione, introdotto l'editor CodePress per l'evidenziazione della sintassi e un'interfaccia widget ridisegnata[15].
2.9 Carmen 19 dicembre 2009 Aggiunto l'undo globale, editor di immagini integrato, aggiornamento in gruppo dei plugin in batch[16].
3.0 Thelonious 17 giugno 2010 Aggiunta una nuova interfaccia applicativa di programmazione (API) per i temi, creata la nuova funzionalità multi-sito unendo WordPress e WordPress MU, aggiunto un nuovo tema di default chiamato "Twenty Ten", alleggerita l'interfaccia di amministrazione[17].
3.1 Reinhardt 23 febbraio 2011 Aggiunta la Barra di amministrazione, visualizzata su tutte le pagine del blog, quando un amministratore è connesso. Aggiunti i Post Format, una funzionalità di micro-blogging che semplifica funzionalità come l'aggiunta di commenti e l'esecuzione di aggiornamenti. Ridisegnato il workflow dei link interni, facilitando i collegamenti a post e pagine esistenti, migliorata l'interfaccia di scrittura[18].
3.2 Gershwin 4 luglio 2011 Versione di ottimizzazione per rendere WordPress più veloce e più leggero. Pubblicata solo quattro mesi dopo la versione 3.1, riflette la crescente velocità di sviluppo nella comunità di WordPress[19].
3.3 Sonny 12 dicembre 2011 Versione focalizzata a rendere WordPress più amichevole per i principianti e per gli utenti di tablet[20].
3.4 Green 13 giugno 2012 Versione di miglioramento della personalizzazione dei temi, e supporto all'integrazione di Twitter[21].
3.5 Elvin 11 dicembre 2012 Aggiunto il supporto per i display Retina; selettore di colori; nuovo tema: Twenty Twelve; migliorato il workflow delle immagini[22].
3.6 Oscar 1º agosto 2013 Nuovo tema Twenty Thirteen; miglioramenti all'interfaccia di amministrazione e ai menu di interfaccia utente, aggiornamento dell'interfaccia utente dei post formats. Salvataggio automatico e post locking migliorano l'uso quando diversi autori lavorano sullo stesso post[23].
3.7 Basie 24 ottobre 2013 Presenta alcuni tra i più importanti aggiornamenti architetturali fatti finora. Aggiornamenti automatici: la maggior parte dei siti effettuano automaticamente gli aggiornamenti in background. Miglioramento del supporto alle versioni localizzate: installazione automatica dei file di lingua[24].
3.8 Parker 12 dicembre 2013[25] Interfaccia di amministrazione ridisegnata e migliorata: supporta il design responsivo a favore dei dispositivi mobili; uso del carattere Open Sans e nuovi schemi di colore. È la seconda pubblicazione effettuata con il processo di sviluppo plugin-first, ovvero una funzionalità viene prima sperimentata sotto forma di estensione e in un secondo momento integrata in WordPress. Interfaccia di gestione dei temi ridisegnata. Nuovo tema di default: Twenty Fourteen.
3.9 Smith 15 aprile 2014 Nuove funzionalità come l'anteprima live dei widget ed il nuovo installer dei temi; accorgimenti alla UI della modifica delle immagini e ripristino di opzioni avanzate per la visualizzazione delle immagini.
4.0 Benny 4 settembre 2014[5]
4.1 10 dicembre 2014[5]
Legenda
Vecchia versione Versione corrente Versione futura

Multi-blogging[modifica | modifica wikitesto]

WordPress permette di creare un solo blog per ogni installazione, anche se diverse installazioni possono convivere sullo stesso server e nello stesso dominio, in directory e database separati.

WordPress Multi-User o WordPress MU è la piattaforma multi-blogging derivata da WordPress. Consente infatti di gestire con una sola installazione un network di blog, amministrati tutti tramite un unico pannello. Nonostante non sia supportato dal core di WordPress è possibile avere anche più installazioni di WordPress che condividono gli stessi utenti e lo stesso database con un' unica autenticazione.

Dalla Versione 3.0 le versioni di WordPress e WordPress MU vengono integrate in quanto tramite la modifica del file wp-config.php è possibile attivare la modalità network nella propria installazione di WordPress.

I plugin di wordpress[modifica | modifica wikitesto]

Wordpress permette di realizzare portali web con l'ausilio di plugin. Si tratta di moduli che estendono le funzionalità dell'applicativo e aggiungono nuove caratteristiche ed elementi ai siti realizzati. Per esempio esistono plugin, gratuiti o a pagamento, che estendono le funzionalità dell'editor integrato di WordPress, o che permettono di inserire funzionalità di gestione SEO al sito, o di inserire uno slideshow nelle pagine del sito realizzato con Wordpress regolandone le caratteristiche in modalità drag and drop direttamente dall'editor integrato.

Iscrivendosi dal portale wordpress.com però, non è possibile usufruire dei plugin per migliorare il proprio sito web. Per poterli utilizzare è necessario comprare un servizio di hosting e scaricare nel proprio spazio web il software WordPress.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) WordPress 4.0, Wordpress.org, 4 settembre 2014.
  2. ^ (EN) 4.0 RC, Wordpress.org, 27 agosto 2014.
  3. ^ Plugin directory (EN) su wordpress.org
  4. ^ Free Themes Directory (EN) su wordpress.org
  5. ^ a b c Roadmap, WordPress.org. URL consultato il 21 maggio 2014.
  6. ^ Cafelog. URL consultato il 25 ottobre 2013.
  7. ^ Kubrick at Binary Bonsai, Binarybonsai.com. URL consultato il 25 ottobre 2013.
  8. ^ WordPress: Blog: WordPress 2, Wordpress.org. URL consultato il 25 ottobre 2013.
  9. ^ WordPress 2.1 Ella, Wordpress.org. URL consultato il 25 ottobre 2013.
  10. ^ WordPress: Blog: WordPress 2.2, Wordpress.org. URL consultato il 25 ottobre 2013.
  11. ^ WordPress: Blog: WordPress 2.3, Wordpress.org. URL consultato il 25 ottobre 2013.
  12. ^ WordPress: Blog: WordPress 2.5, Wordpress.org. URL consultato il 25 ottobre 2013.
  13. ^ WordPress: Blog: WordPress 2.6, Wordpress.org. URL consultato il 25 ottobre 2013.
  14. ^ WordPress: Blog: WordPress 2.7 "Coltrane", Wordpress.org. URL consultato il 25 ottobre 2013.
  15. ^ WordPress : Blog : 2.8 Release Jazzes Themes and Widgets, Wordpress.org. URL consultato il 25 ottobre 2013.
  16. ^ WordPress: Blog: WordPress 2.9, oh so fine, Wordpress.org. URL consultato il 25 ottobre 2013.
  17. ^ WordPress: Blog: WordPress 3.0 "Thelonious", Wordpress.org. URL consultato il 25 ottobre 2013.
  18. ^ WordPress: Codex: WordPress 3.1 "Reinhardt", Wordpress.org. URL consultato il 25 ottobre 2013.
  19. ^ WordPress: Codex: WordPress 3.2 now available, Wordpress.org. URL consultato il 25 ottobre 2013.
  20. ^ WordPress: Codex: WordPress 3.3 "Sonny", Wordpress.org. URL consultato il 25 ottobre 2013.
  21. ^ WordPress: Codex: WordPress 3.4 "Green", Wordpress.org. URL consultato il 25 ottobre 2013.
  22. ^ Wordpress: 3.5 "Elvin", Wordpress.org. URL consultato il 25 ottobre 2013.
  23. ^ Wordpress: 3.6 "Oscar", Wordpress.org. URL consultato il 25 ottobre 2013.
  24. ^ Wordpress: 3.7.1 "Maintenance Release", Wordpress.org. URL consultato il 9 novembre 2013.
  25. ^ (EN) Wordpress 3.8 "Parker", Wordpress.org, 12 dicembre 2013. URL consultato il 24 gennaio 2014.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

  • BBpress piattaforma per forum
  • Wordpress.com Servizio per la creazione di Blog basato su WordPress MU
  • Buddypress Estensione per creare social network con WordPress

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]