Tablet computer

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

1leftarrow.pngVoce principale: Tablet PC.

Un "tablet puro", "tablet computer" o più semplicemente "tablet", è una delle varianti dei tablet PC, caratterizzati da dimensioni compatte e che utilizzano come unico sistema di input uno schermo controllato da una penna o tramite dita invece che una tastiera e un mouse.[1][2]

Il loro nome deriva dalla forma di tali dispositivi che assomiglia a quella di una tavoletta utilizzata per la scrittura. Non essendo dotati di tastiera, questi dispositivi utilizzano in genere una tastiera virtuale su schermo (quando strettamente necessario).

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il primo tablet di questo tipo uscì nel 2000, quando Microsoft presentò un proprio concept basato su Windows XP[3][4][5]

Prima del 2010 il termine tablet designava primariamente i tablet PC, una categoria di personal computer notebook con architettura x86[6] dotati di uno schermo sensibile a particolari penne od al tocco. Questi computer utilizzano sistemi operativi per pc desktop, a volte leggermente adattate e generalmente utilizzano una penna, dato che le interfacce grafiche dei computer richiedono un'alta precisione di selezione per funzionare correttamente.

Attualmente quasi tutti i produttori di PC offrono almeno un modello di tablet PC che, utilizzando Windows 7 e le funzionalità Tablet PC integrate in questo sistema operativo, rispettano il concetto d'interfaccia originario, dove i normali programmi per PC possono essere eseguiti in modo completo utilizzando come dispositivo di input il solo schermo.

Nella seconda parte del 2010 si sono diffusi nuovi dispositivi tablet, ridefiniti tablet computer, che hanno abbandonato il precedente paradigma di tablet in favore di una differente interfaccia, sviluppata esplicitamente per la gestione tramite tocco. Le nuove interfacce differiscono dal classico sistema adottato dai personal computer e sono molto più simili a quelle utilizzate dagli smartphone[7], prevedendo l'interazione unicamente tramite tocco delle dita e quindi implementano un'interfaccia grafica sviluppata appositamente per questa tipologia di interazione, avvantaggiandosi in genere del multi-touch che gli schermi gestiscono. Il primo e più famoso esponente di questa categoria è stato l'Apple iPad, un tablet che ha rinvigorito tale mercato[8] portando a 18 milioni i dispositivi venduti nel corso del 2010[9]. In seguito vennero presentati molti altri sistemi simili, i quali hanno abbandonato le architetture x86 e i sistemi operativi Windows in favore di architetture ARM (architettura con consumi energetici inferiori) e sistemi operativi ottimizzati per questi dispositivi, come iOS, Android o QNX[10].

Nel gennaio del 2011 venne introdotto il primo dispositivo ibrido tra la prima (tablet PC) e seconda (Tablet computer) generazione di tablet, il Lenovo LePad, basato su un'architettura x86 con sistema Android 2.2. Grazie al suo componente aggiuntivo IdeaPad U1 Hybrid, va ad utilizzare il sistema operativo Windows e funziona come un normale portatile[11]

L'8 marzo 2011 la Olivetti rilascia al pubblico il primo tablet italiano: l'Olivetti Olipad 100.

Tipologie di dispositivi[modifica | modifica sorgente]

I tablet computer possono appartenere essenzialmente a tre generazioni:

Prima generazione (basati sui PC)[modifica | modifica sorgente]

Rappresentano la prima famiglia dei tablet, per questo sono state utilizzate tecniche già conosciute in ambito PC e, quindi, l'architetture Intel X86 con un sistema operativo per PC, in genere Windows XP Tablet PC Edition, che veniva appositamente modificato[12] per l'utilizzo mediante lo schermo.[13]

Questi dispositivi hanno una connettività cablata e Wi-Fi del tutto paragonabile a quella dei PC fissi e portatili, inoltre hanno funzionalità derivate da questi ultimi e vincolata dalla funzionalità dello schermo tattile come importante fonte d'input, inoltre esattamente come i PC possono utilizzare la chiavetta Internet per la navigazione tramite rete mobile o in alcuni casi soprattutto per i più recenti viene direttamente integrata dei dispositivo.

Questi dispositivi sono caratterizzati da un'intercompatibilità e interoperabilità elevata con i Personal Computer e relative periferiche.

Seconda generazione (basati sugli smartphone)[modifica | modifica sorgente]

Questi dispositivi di nuova concezione hanno debuttato nel 2010, generalmente usano microprocessori basati su architettura ARM e non utilizzano i sistemi operativi derivato dal mondo dei PC, bensì dei sistemi operativi appositamente pensati quali Android, iOS, QNX (BlackBerry Tablet OS), WebOS, Bada, MeeGo ecc.

Un'importante macrosuddivisione commerciale di questi dispositivi:

  • tablet dotati di modulo GSM (quello delle reti telefoniche) possono utilizzare una SIM card di un operatore telefonico per collegarsi a Internet o anche per effettuare e ricevere telefonate ed SMS
  • tablet dotati di sola connettività WiFi, questa soluzione attualmente adottata dal BlackBerry PlayBook è caratterizzata dal fatto che per usufruire della rete mobile utilizza un collegamento Tethering WiFi con uno smartphone, in questo caso con un BlackBerry, mentre altri modelli sono disponibili anche nella versione solo WiFi, ma senza alcuna possibilità di usufruire della connessione mobile.

Queste due soluzioni hanno relativi vantaggi e svantaggi. I dispositivi con connettività mobile nativa sono completamente indipendenti, ma una volta definito l'hardware la connettività rimane invariata nel tempo; la rubrica, il calendario e altre funzioni devono essere sempre aggiornati manualmente nel caso di sostituzione del proprietario. I dispositivi che fanno invece uso della sola rete Wi-Fi e dei collegamenti Tethering, possono vedere un aggiornamento delle connettività di rete, conferendo di fatto l'aggiornabilità del dispositivo; tutti i servizi tipici della connettività mobile sono facilmente e velocemente aggiornabili con la sostituzione del proprietario, ma devono per forza di cose essere associati a un dispositivo mobile per essere utilizzato in pieno.

Mentre per quanto riguarda le funzioni che non sono connesse alla rete mobile hanno le stesse caratteristiche dei tablet puri sprovvisti della connettività mobile.

Questi dispositivi sono caratterizzati da una ridotta intercompatibilità e interoperabilità con i Personal Computer e relative periferiche.

Terza generazione (misti)[modifica | modifica sorgente]

Questi dispositivi sono muniti di due o più sistemi operativi, permettendo d'ottenere le funzioni software di entrambe le generazioni precedenti ed eventualmente sono previsti anche accessori che rendano il tablet ibrido (provvisto di tastiera removibile) e che permettono di recuperare in parte alcune porte dei sistemi di prima generazione.[11][14]

Il primo tablet di questa generazione che utilizza un unico sistema operativo (Windows RT o Windows 8 Pro) è il Microsoft Surface[15]

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

Al momento attuale (2014), le caratteristiche tipiche del tablet sono:

  • HD Display con tecnologia anti-riflesso (solitamente a partire da 7" fino a 10.1")
  • Funzioni wireless per i browser (con 2G, 3G, 4G o Wi-Fi)
  • Applicazioni per leggere le email e avere accesso ai social networks
  • Possibilità di utilizzo come telefonino (Messaggio, videochiamata, altoparlante o headset)
  • Videoconferenza (Skype, FaceTime, Hangouts etc.)
  • Navigazione con GPS
  • Lettura di E-book e la possibilità di scegliere l'abbonamento diario/settimanale/mensile/annuale di giornali o riviste.
  • Leggere i libri o comic book, tradizionali o interattivi
  • Applicazioni per scaricare (giochi, istruzioni, utilitá)
  • Peso intorno ai 500g od 1kg
  • Durata della batteria fino a 12 ore
  • Utilizzare la fotocamera sia interna che esterna per scattare fotografie o registrare video anche in HD

Sviluppo di applicazioni per tablet[modifica | modifica sorgente]

Alcuni dispositivi hanno un approccio allo sviluppo delle applicazioni definito giardino murato o più comunemente "sandbox" i dispositivi che seguono questa politica, tramite restrizioni di tipo software, impediscono all'applicazione o ne rendono molto difficile il furto di dati sensibili.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Editors PC Magazine, Definition of: tablet computer in PC Magazine. URL consultato il 17 aprile 2010.
  2. ^ Editors Dictionary.com, tablet computer - 1 dictionary result in Dictionary.com. URL consultato il 17 aprile 2010.
  3. ^ Tablet PC Brings the Simplicity of Pen and Paper to Computing
  4. ^ Bill Gates introduces Tablet PC, COMDEX Nov 2000
  5. ^ Page, M Microsoft Tablet PC Overview, TransmetaZone, 2000-12-21
  6. ^ Are Intel, AMD threatened by tablet growth? Every two to three tablets sold means one lost PC sale, analyst says. URL consultato il 24 ottobre 2010.
  7. ^ Lev Grossman (Thursday, Apr. 01, 2010) "Do We Need the iPad? A TIME Review", TIME
  8. ^ Official: iPad Launching Here April 3, Pre-Orders March 12
  9. ^ Vendite: Pc e Notebook in calo. Tablet in crescita: ecco i prezzi
  10. ^ The Coming War: ARM versus x86 Mirror for: The Bright Side of News April 8, 2010
  11. ^ a b Lenovo IdeaPad U1 Hybrid e LePad Slate: notevoli!
  12. ^ Beck H et al, Business Communication and Technologies in a Changing World, Macmillan Education Australia, 2009, p 402
  13. ^ Haven, Kendall F. 100 greatest science inventions of all time, Libraries Unlimited, 2006, p 191
  14. ^ Ekoore Python S: Presentazione ufficiale del nuovo tablet
  15. ^ Apple dovrà copiare Surface, parola di Gates

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]