Horde

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando la fazione di Warcraft, vedi Orda (Warcraft).
Horde Application Framework
Sviluppatore The Horde Core Team
Ultima versione 5.0.2 (14 novembre 2012; 2 anni fa[1])
Sistema operativo Multipiattaforma
Linguaggio
Genere framework (non in lista)
Licenza GNU Lesser General Public License
(Licenza libera)
Lingua multilingua
Sito web http://www.horde.org/

Horde è un progetto aperto dedicato allo sviluppo di applicazioni Open Source.

L'applicazione più nota è l'omonimo client di posta: un pacchetto per la gestione completa delle email (calendario, note, operazioni, file manager).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il framework di Horde deriva da Horde IMP (Internet Messaging Project), che Chuck Hagenbuch pubblicò su Freshmeat nel 1998.[2] Il costante flusso di richieste per l'aggiunta di servizi non strettamente inerenti alla gestione della posta online, spinse gli sviluppatori a creare un'applicazione più versatile: Horde framework. La prima pubblicazione avvenne con la versione 1.3.3, all'inizio del 2001.[3] La pubblicazione di Horde 2.0 e IMP 3.0 fu la prima a utilizzare due componenti interamente separati.[4]

Horde, come framework generico, supporta prima di tutto i servizi di webmail, insieme con una serie di applicationi aperte, in particolare a partire da Horde 3.0, pubblicato nel 2004.[5] La struttura modulare e flessibile del software, la sua qualità, e la sua gratuità hanno permesso un'ampia diffusione del software tra i fornitori di hosting. Per esempio, Horde è fornito per impostazione predefinita dall'hoster SAPO,[6] una delle maggiori aziende del settore nella nazione, con milioni di utenti.[7] Il software è compatibile con tutte le principali distribuzioni Linux[8][9][10] ed è disponibile come componente aggiuntivo in pannelli di gestione come Plesk[11] o cPanel.[12]

Con la pubblicazione di Horde 4.0 nel 2011[13] il framework è stato oggetto di un importante cambio strutturale, passando a un sistema di pacchetti PEAR separati[14] con supporto per gli smartphone. Nel febbraio 2012 gli sviluppatori hanno scoperto che alcuni hacker avevano trovato una falla di sicurezza nel server FTP di Horde riuscendo a introdurre codice maligno in tre dei pacchetti distribuiti.[15] L'attacco era stato compiuto nel novembre precedente, perciò i pacchetti infetti erano stati distribuiti per tre mesi. Il problema è stato risolto con una pubblicazione immediata di una versione non corrotta.[16] La versione di Horde 4 non ha subito attacchi.

Applicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Il framework di Horde contiene le seguenti applicazioni o gruppi di applicazioni.

Piattaforma email di Horde[modifica | modifica wikitesto]

  • IMP - un'email client basato su interfaccia web.
    • MIMP - una versione IMP dedicata a dispositivi con un piccolo schermo o un supporto limitato di HTML come telefonini, PDA, smartphone.
  • Ingo - un sistema di filtro per le email.
  • Sork - una collezione di quattro moduli (account, inoltro, passoword, e vacation) che insieme forniscono varie funzioni di gestione dell'account.

Groupware di horde[modifica | modifica wikitesto]

  • Kronolith - un calendario
  • Mnemo - un gestionale per le note
  • Nag - un gestionale multiutente per operazioni
  • Turba - un gestionale per i contatti/indirizzi

Horde Groupware Webmail Edition[modifica | modifica wikitesto]

Horde Groupware Webmail Edition comprende i Groupware di Horde, l'IMP di Horde e Ingo.

Strumenti di sviluppo Horde[modifica | modifica wikitesto]

  • Chora – un comparatore di versione
  • Whups – il Web Horde User Problem Solver, sistema di gestione tramite ticket

Integrazione in altri prodotti[modifica | modifica wikitesto]

Horde è stato il client per Kolab fino alla versione 3.

È inoltre integrato nel pannello di gestione Plesk e compatibile con cPanel.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Horde-5.0.2 release, lists.horde.org, 14 novembre 2012. URL consultato il 17 novembre 2012.
  2. ^ Horde case study, www.horde.org. URL consultato il 21 gennaio 2012.
  3. ^ Horde-1.3.3 release, freecode.com. URL consultato il 21 gennaio 2012.
  4. ^ Horde-2.0 release, marc.info. URL consultato il 21 gennaio 2012.
  5. ^ Horde-3.0 release, it-republik.de. URL consultato il 21 gennaio 2012.
  6. ^ Horde powering portugalmail.pt, codebits.eu. URL consultato il 21 gennaio 2012.
  7. ^ Horde developer supports SAPO, janschneider.de. URL consultato il 21 gennaio 2012.
  8. ^ Horde on Debian, wiki.debian.org. URL consultato il 21 gennaio 2012.
  9. ^ Horde on Ubuntu, packages.ubuntu.com. URL consultato il 21 gennaio 2012.
  10. ^ Horde RPMs, rpmfind.net. URL consultato il 21 gennaio 2012.
  11. ^ Horde via Plesk, www.parallels.com. URL consultato il 21 gennaio 2012.
  12. ^ Horde via cPanel, cpanel.net. URL consultato il 21 gennaio 2012.
  13. ^ Horde4.0 release, techworld.com.au. URL consultato il 21 gennaio 2012.
  14. ^ Horde PEAR server, pear.horde.org. URL consultato il 21 gennaio 2012.
  15. ^ Horde 3 tainted by backdoor, arstechnica.com. URL consultato il 20 febbraio 2012.
  16. ^ Debian removal of the backdoor, debian.org. URL consultato il 20 febbraio 2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]