Elvin Jones

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Elvin Jones
Elvin Jones
Elvin Jones
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Genere Jazz
Periodo di attività 1950-2004
Strumento batteria

Elvin Ray Jones (Pontiac, 9 settembre 1927Englewood, 18 maggio 2004) è stato un batterista statunitense.

Elvin Jones è stato uno dei batteristi jazz più influenti dell'era post bop. Jones deve la gran parte della sua fama all'essere stato batterista del quartetto di John Coltrane (1960-1964) al cui suono e alla cui concezione musicale contribuì in modo essenziale. Caratteristiche del suo stile sono l'impiego estesissimo delle terzine (in questo anticipato da Roy Haynes) e dei poliritmi, eseguiti grazie a una totale indipendenza degli arti, e la distribuzione del beat su tutti gli elementi della batteria, su cui produceva un suono enorme e timbricamente complesso, che nulla toglieva alla propulsione e allo swing. Elvin Jones ha cambiato irreversibilmente il modo in cui i batteristi jazz scandiscono il tempo. Il famoso quartetto di Coltrane comprendeva anche Jimmy Garrison al contrabbasso e McCoy Tyner al piano. Questo gruppo è considerato fondamentale nel ridefinire i canoni del jazz, tanto quanto lo era stato Charlie Parker con l'invenzione del bebop.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Inizio carriera[modifica | modifica wikitesto]

Nato in una famiglia musicale (i fratelli Thad Jones e Hank Jones furono anch'essi importanti musicisti jazz) Elvin mostrò interesse per lo strumento fin da piccolo quando assisteva da casa sua, in Michigan, alle parate militari. Era particolarmente affascinato dai batteristi. Apprese i rudimenti dello strumenti nella scuola musicale della sua città. Successivamente, nel 1946, Jones si arruolò nell'esercito. Tornò senza soldi e dovette chiedere in prestito 35 dollari alla sorella per comprarsi la sua prima batteria. Nel 1949, a soli 22 anni, cominciò la sua carriera professionistica a Detroit. In seguito suonò con musicisti come Charlie Parker, Miles Davis e Wardell Gray. Nel 1955, dopo una fallimentare audizione per Benny Goodman, trovò lavoro a New York con Charles Mingus.

1960-1966: con John Coltrane[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1960, Jones entrò nel quartetto di John Coltrane assieme al bassista Jimmy Garrison e al pianista McCoy Tyner. La critica ritiene che la collaborazione di Jones e Coltrane (che spesso duettavano nel corso delle esibizioni) in questo periodo abbia in parte ridefinito la pulsazione ritmica del jazz. Jones rimase con il gruppo fino al 1966, quando smise di condividere le nuove tendenze nella musica di Coltrane che gli aveva affiancato un secondo batterista, Rashied Ali.

Jones fu un leader di diversi gruppi negli anni 1960 e 1970, e fra gli altri si può rocordare un trio assieme al sassofonista Joe Farrell e al bassista Jimmy Garrison, con cui registrò l'album Blue Note Puttin' It Together. Altri musicisti con cui collaborò in questo periodo furono Steve Grossman, Dave Liebman, il baritonista Pepper Adams, George Coleman, Frank Foster, il trombettista Lee Morgan, il bassista Gene Perla, il tatierista Jan Hammer e il gruppo di Jazz - World Music Oregon.

Gli ultimi anni[modifica | modifica wikitesto]

Elvin Jones fu definito da Life Magazine "il più grande batterista ritmico del mondo", e il suo stile influenzò molti batteristi rock, tra cui Mitch Mitchell (che Jimi Hendrix chiamava "il mio Elvin Jones") e Ginger Baker. Per molti anni, Jones diresse il suo gruppo, la Elvin Jones Jazz Machine; inoltre insegnava regolarmente, prendendo parte a seminari e suonando per scuole e prigioni. Nel 1971 apparve nella parte del cattivo nel film western Zachariah.

Elvin Jones morì d'infarto a Englewood, New Jersey il 18 maggio 2004.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Come leader[modifica | modifica wikitesto]

Con Sonny Rollins[modifica | modifica wikitesto]

  • 1957 Live At The Village Vanguard
  • 1966 East Broadway Rundown

Con Miles Davis[modifica | modifica wikitesto]

  • 1955 Blue Moods

Con John Coltrane[modifica | modifica wikitesto]

Con McCoy Tyner[modifica | modifica wikitesto]

Con Wayne Shorter[modifica | modifica wikitesto]

Con Freddie Hubbard[modifica | modifica wikitesto]

  • 1962 Ready For Freddie
  • 1966 Blue Spirits

Con Joe Henderson[modifica | modifica wikitesto]

  • 1964 In 'N Out
  • 1964 Inner Urge

Con Grant Green[modifica | modifica wikitesto]

  • 1964 Matador
  • 1964 Street of Dreams
  • 1964 Solid
  • 1964 Talkin' About!
  • 1965 I Want To Hold Your Hand

Con Ornette Coleman[modifica | modifica wikitesto]

  • 1968 New York Is Now!
  • 1968 Love Call

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Elvin Jones Catalog-album index, jazzdisco.org. URL consultato il 14 luglio 2014.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 51875623 LCCN: n81058238

jazz Portale Jazz: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di jazz