Beinette

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Beinette
comune
Beinette – Stemma
Piazza Umberto I
Piazza Umberto I
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Piemonte-Stemma.svg Piemonte
Provincia Provincia di Cuneo-Stemma.png Cuneo
Amministrazione
Sindaco Lorenzo Busciglio (lista civica) dal 26/05/2014
Territorio
Coordinate 44°22′00″N 7°39′00″E / 44.366667°N 7.65°E44.366667; 7.65 (Beinette)Coordinate: 44°22′00″N 7°39′00″E / 44.366667°N 7.65°E44.366667; 7.65 (Beinette)
Altitudine 491 m s.l.m.
Superficie 17,69 km²
Abitanti 3 130[1] (31-12-2010)
Densità 176,94 ab./km²
Frazioni Villaggio Colombero
Comuni confinanti Chiusa di Pesio, Cuneo, Margarita, Morozzo, Peveragno
Altre informazioni
Cod. postale 12081
Prefisso 0171
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 004016
Cod. catastale A735
Targa CN
Cl. sismica zona 3A (sismicità bassa)
Nome abitanti beinettesi
Patrono san Giacomo e san Cristoforo
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Beinette
Sito istituzionale

Beinette (Beinëtte in piemontese) è un comune italiano di 3.094 abitanti della provincia di Cuneo, in Piemonte. Fa parte della comunità montana delle Alpi del Mare[2].

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

Situato sull'altipiano di Cuneo, presso lo sbocco delle Valli della Bisalta, il comune sorge a poca distanza dal lago Beinette, sulle rive dei torrenti Brobbio e Josina, che, con le loro frequenti inondazioni, ne condizionano l'esistenza fino all'inizio del Novecento.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il toponimo, rivela chiaramente un'origine antichissima, derivando il nome dalla principale tribù liguri della zona, quella dei bagienni, stanziatisi nel Piemonte meridionale già in epoca antecedente la conquista romana. È probabile che l'abitato romano si sia sviluppato su di un precedente insediamento indigeno, del quale, tuttavia non è stata individuata traccia. La denominazione celto-ligure, infatti ha persistito nonostante la successiva latinizzazione del territorio.

La dominazione romana[modifica | modifica wikitesto]

I primi secoli della dominazione romana coincidono con il periodo più florido della storia di Beinette. Numerosi ritrovamenti archeologici dimostrano la ricchezza artistica del piccolo centro, che, tuttavia, in seguito alle parabole discendenti delle vicende politico-economiche di Roma, decadde rapidamente a partire dal IV secolo.

Il Medioevo[modifica | modifica wikitesto]

Per lungo tempo Beinette rimase assente dai documenti ufficiali. Ricompare pochi anni prima del 1000, in una donazione fatta da un Johannes habitator in loco Bagenne, al vescovo di Asti. Verso la metà dell'XI secolo, un diploma emanato da Enrico III conferma il dominio della Chiesa di Asti sul comitato di Bredulo e ricorda nuovamente la corte di Baienna Superioris. La villa, torna ad essere un luogo prospero e di rilievo, ormai difesa da un castello, possedendo inoltre un ampio territorio, esteso fino alla Bisalta, con una pieve e il monastero femminile Santo Stefano del lago, sotto la giurisdizione astigiana di Sant'Anastasio.

Il Rinascimento[modifica | modifica wikitesto]

Soggetta fin dalle origini ai vescovi di Asti, Beinette verrà concessa in feudo, prima ai Marchesi di Busca, poi ai Signori di Forfice, ed infine, nel 1237, ai Signori di Morozzo. Occupata nel 1245 dalle truppe di Cuneo, ne seguirà la storia per più di un secolo. Passata nel 1382 ai Principi di Acaia, Beinette divenne libero comune nel 1385, e conquistata nel 1396 dai Marchesi del Monferrato, che la cedettero nello stesso anno ai Savoia.

Dal 1600 al 1800[modifica | modifica wikitesto]

Più volte danneggiata nel corso di vicende belliche, che interessarono a partire dal XVI secolo la fortezza di Cuneo, il paese nel 1744 fu occupato dalle truppe gallo-ispaniche, mentre, verso la fine del secolo fu teatro di aspri combattimenti tra austriaci e armate napoleoniche.

Luoghi di interesse[modifica | modifica wikitesto]

Il Castello[modifica | modifica wikitesto]

Beinette castello.jpg

Il Castello di Beinette è documentato storicamente a partire dall'XI secolo. L'edificio attuale, situato in cima ad una leggera elevazione del terreno, rivela all'esterno tracce dell'originale borgo medioevale, solo nella torre quadrata che sovrasta il corpo principale della costruzione. Nel settecento, per volere di Carlo Francesco Ferrero, marchese di Ormea, si procedette ad una ristrutturazione, opera dell'ingegnere Carlo Antonio Castelli che iniziò i lavori a partire dal 1741, dando vita ad un complesso nello stesso tempo gradevole e massiccio. Attualmente si trova in totale stato di abbandono, invaso dalla vegetazione e gravemente compromesso nei suoi principali elementi strutturali

Le Chiese[modifica | modifica wikitesto]

Santa Maria della Pieve[modifica | modifica wikitesto]

Situata a nord del borgo, la Chiesa di Santa Maria della Pieve, pur avendo subito nel corso dei secoli diverse ristrutturazioni, conserva interessanti affreschi del XV-XVI secolo. La costruzione, costituita da una vasta aula absidata, è preceduta da un porticato e mantiene la struttura originale dell'XI secolo. La zona absidale, dalle chiare linee romaniche, presenta al centro l'affresco della maestosa figura della Vergine del Manto, opera di Giovanni Belisoni, il quale è pure l'autore della Madonna in trono, affrescata nel registro sottostante[3]. Le pareti della navata, inizialmente coperta da capriate in legno, sono affrescate con episodi della Vita della Madonna e con un San Cristoforo. Solo nove dei quindici riquadri si possono considerare in buono stato di conservazione. Interessante sono anche la Fuga in Egitto e le Nozze della Madonna. È probabile che l'autore del ciclo pittorico sia Amedeo Albini, artista attivo in Piemonte tra il XV ed il XVI secolo.

Nell'area della pieve sono stati individuati numerosi reperti risalenti alla dominazione romana. Due epigrafi, di età augustea, scoperte all'inizio del Novecento sotto il pavimento della chiesa, sono state conservate a Peveragno, presso privati, tra il 1909 ed il 1985, poi se ne è persa notizia. Particolarmente interessante si presentano un frammento di stele romana dipinta con toro rampante, murata all'interno presso l'altare, ed un'epigrafe, sempre romana del I secolo d.C. rinvenuta alla fine del Settecento e custodita al Museo di Antichità di Torino.

Il Monastero di Santo Stefano del lago[modifica | modifica wikitesto]

Situato sopra le sorgenti del Brobbio, su una modestra altura a ridosso della provinciale Beinette-Chiusa di Pesio, sorge l'ex Monastero di Santo Stefano del lago. L'antica costruzione, documentata fin dal 1041 e trasformato in cascina nel Settecento, ha subito nel corso dei secoli ristrutturazioni così profonde da rendere complessa l'individuazione degli ambienti originali. Sono comunque visibili elementi architettonici in stile romanico e pochissime tracce di affreschi di incerta datazione.

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Il retro della biblioteca

Dal giugno 2007 Beinette ha una nuova biblioteca: la nuova sede è la centrale Casa Gauberti. La biblioteca è uno dei centri principali della vita culturale del territorio.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Accanto alla tradizionale agricoltura, da un po' di tempo si sono sviluppate promettenti attività industriali. I terreni in gran parte irrigui offrono notevoli produzioni di foraggio, utilizzato per l'allevamento del bestiame. Sul territorio sono presenti anche attività di lavorazione della carne e del latte.

Persone legate a Beinette[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[4]


Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Il municipio
Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
14 giugno 1999 14 giugno 2004 Andrea Castellino Indipendente Sindaco [5]
14 giugno 2004 08 giugno 2009 Renato Picollo Lista civica Sindaco [6]
08 giugno 2009 26 maggio 2014 Renato Picollo Lista civica Sindaco [7]
26 maggio 2014 in carica Lorenzo Busciglio Lista civica Sindaco [8]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Statuto della comunità montana delle Alpi del Mare (PDF). URL consultato il 2 luglio 2011.
  3. ^ L'affresco risale al XV secolo
  4. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  5. ^ Elezioni del 13 giugno 1999.
  6. ^ Elezioni del 13 giugno 2004.
  7. ^ Elezioni del 07 giugno 2009.
  8. ^ Elezioni del 25 maggio 2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Cuneo Portale Cuneo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cuneo