Rossana (Italia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Rossana
comune
Rossana – Stemma
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Piemonte-Stemma.svg Piemonte
Provincia Provincia di Cuneo-Stemma.png Cuneo
Amministrazione
Sindaco Maurizio Enrico Saroglia (lista civica) dal 26/05/2014
Territorio
Coordinate 44°32′00″N 7°26′00″E / 44.533333°N 7.433333°E44.533333; 7.433333 (Rossana)Coordinate: 44°32′00″N 7°26′00″E / 44.533333°N 7.433333°E44.533333; 7.433333 (Rossana)
Altitudine 535 m s.l.m.
Superficie 19,92 km²
Abitanti 898[1] (20-12-2012)
Densità 45,08 ab./km²
Frazioni Lemma, Madonna delle Grazie
Comuni confinanti Busca, Costigliole Saluzzo, Piasco, Valmala, Venasca
Altre informazioni
Cod. postale 12020
Prefisso 0175
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 004197
Cod. catastale H578
Targa CN
Cl. sismica zona 3A (sismicità bassa)
Nome abitanti rossanesi
Patrono san_Grato
Giorno festivo 15 agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Rossana
Sito istituzionale

Rossana (Rossan-a in piemontese) è un comune italiano di 898 abitanti della provincia di Cuneo, in Piemonte, che fa parte della Comunità montana Valli Po, Bronda, Infernotto e Varaita.

Cenni storici ed artistici[modifica | modifica wikitesto]

Il comune di Rossana si trova in una diramazione laterale all'inizio della valle Varaita posto alla destra del rio Torto. Fu nel 998 proprietà del vescovo di Torino e, successivamente, fu soggetto ai marchesi di Busca (Guglielmo di Busca e di Barnabò Visconti), poi passò al marchesato di Saluzzo. Nel Settecento vi ebbero giurisdizione i Roero di Pralormo e i conti Gazzelli. Dell'antico castello che dominava la città restano oggi soltanto i ruderi.

La chiesa parrocchiale, dedicata all'Assunta, costruita in forme gotiche nel XIV secolo, ha una bella facciata con portale compreso tra colonne binate e resti di affreschi. All'interno è conservata una fonte battesimale del 1447. Il nucleo principale del comune si snoda lungo la strada principale: ha il suo centro nella piazza antistante la parrocchia.

Su questa piazza ci sono oltre alla parrocchiale dell'Assunta, la chiesa della Confraternita e l'ala pubblica. All'estremità del paese, verso Busca, s'incontra l'antica Cappella della Madonna della Pietà, importante centro di devozione locale.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

A Rossana si trova una delle sedi della Bitron SpA produttrice di componenti per l'automobile, che impiega circa 400 dipendenti nell'unità produttiva, inoltre sono presenti la ditta Ceros, che produce conduttori elettrici. La produzione agricola è poco significativa, anche se sono presenti diverse aziende agricole a carattere famigliare. Da segnalare l'agriturismo Il Casolare Rosa, e le stalle localizzate presso la frazione Molino della valle, che smaltiscono parte dei residui vegetali della ditta F.A.R., sita sempre in Rossana che produce semilavorati surgelati per l'industria ed è specializzata nella surgelazione della frutta. Da segnalare anche la Ditta Rossana Legno snc da oltre 50 anni presente a Rossana, la quale commercia legname e tutto ciò che riguarda accessori e varie per il legno. Varie ditte artigiane presenti sul territorio

Sul territorio rossanese è tuttora in funzione la cava di pietra da calce calce e laboratori per la produzione di materiale tecnico e di precisione.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Sindaci di Rossana dalla Liberazione ad oggi.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
1945 1947 Angelo Ostralega Sindaco
1947 1951 Giuseppe G. Barile Sindaco
1951 1964 Paolo Albonico Sindaco
1964 1970 Michelangelo Isaia Sindaco
1970 1980 Paolo Albonico Sindaco
1980 1990 Eugenio Bastonero Sindaco
1990 1995 Gianfranco Armando Sindaco
1995 2004 Flavio Fantino Sindaco
2004 7 giugno 2009 Marco Carpani Sindaco
7 giugno 2009 26 maggio 2014 Marco Carpani lista civica Rossana unita Sindaco [2]
26 maggio 2014 in carica Maurizio E. Saroglia lista civica Uniti per Rossana Sindaco [3]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 20 dicembre 2012.
  2. ^ http://elezioni.interno.it/comunali/scrutini/20140525/retro/G010271970.htm
  3. ^ http://elezioni.interno.it/comunali/scrutini/20140525/G010271970.htm
  4. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
Cuneo Portale Cuneo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cuneo