Novello

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Novello (disambigua).
Novello
comune
Novello – Stemma
Novello – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Piemonte-Stemma.svg Piemonte
Provincia Provincia di Cuneo-Stemma.png Cuneo
Amministrazione
Sindaco Roberto Passone (lista civica) dall'08/06/2009, riconfermato 26/05/2014
Territorio
Coordinate 44°35′00″N 7°56′00″E / 44.583333°N 7.933333°E44.583333; 7.933333 (Novello)Coordinate: 44°35′00″N 7°56′00″E / 44.583333°N 7.933333°E44.583333; 7.933333 (Novello)
Altitudine 471 m s.l.m.
Superficie 11,6 km²
Abitanti 1 034[2] (31-12-2010)
Densità 89,14 ab./km²
Frazioni Bergera, Moriglione, Panerole[1]
Comuni confinanti Barolo, Lequio Tanaro, Monchiero, Monforte d'Alba, Narzole
Altre informazioni
Cod. postale 12060
Prefisso 0173
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 004152
Cod. catastale F961
Targa CN
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanti novellesi
Patrono san Michele Arcangelo
Giorno festivo 29 settembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Novello
Sito istituzionale

Novello (Novèj o Novel in piemontese) è un comune di 1.042 abitanti della provincia di Cuneo.

Geografia[modifica | modifica sorgente]

Novello si trova nelle Langhe in val Tanaro a metà strada tra Cherasco e Dogliani e tra Alba e Fossano.

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[3]

Storia[modifica | modifica sorgente]

Novello fu per alcuni secoli il centro di uno stato feudale, retto da un ramo della famiglia Del Carretto. Situato nella marca arduinica, era presumibilmente diventato proprietà dell'aleramico Bonifacio del Vasto nel 1091 e da lui passò ai suoi discendenti. Con la morte di Giacomo I Del Carretto, marchese di Finale, e la ripartizione dei suoi domini fra i tre figli nel 1268, nacque la signoria (contea?) di Novello, affidata al figlio Enrico. La sua ampiezza può essere desunta dall'investitura concessa da Carlo IV ai fratelli Antonio, Alberto, Enrico, Franceschino e Manfredo, figli di un successivo Giacomo Del Carretto. L'atto, redatto il 2 febbraio 1354, conferma gli antichi privilegi della famiglia sui luoghi di Novello, Monchiero, Sinio, Albaretto della Torre, Arguello, Serravalle Langhe, Bossolasco, Gorzegno, Mombarcaro, Lodisio, Castino, Cerreto, insieme a parte di Cosseria, Millesimo e Carcare. Nei secoli successivi alcuni di questi luoghi diedero origine al marchesato di Gorzegno.

Dal secolo XV si venne a formare nel borgo un ceto dominante, legato in qualche modo sempre ai Del Carretto, composto da esponenti di poche famiglie del "patriziato" locale che formavano il Consiglio Comunale, tra le quali si ritrovano i Ferreri/o, Moretti, Borio (che diedero nel Seicento ben sei sindaci), Tarditi, Rosso, Pira, Marescotti, Belmonda, Alessandria, Vajra e Passone.

Persone legate a Novello[modifica | modifica sorgente]

Galleria fotografica[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Comune di Novello - Statuto.
  2. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Cuneo Portale Cuneo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cuneo