Gambasca

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gambasca
comune
Gambasca – Stemma Gambasca – Bandiera
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Piemonte-Stemma.svg Piemonte
Provincia Provincia di Cuneo-Stemma.png Cuneo
Amministrazione
Sindaco Erminia Zanella (lista civica) dall'08/06/2009, riconfermato 26/05/2014
Territorio
Coordinate 44°38′00″N 7°21′00″E / 44.633333°N 7.35°E44.633333; 7.35 (Gambasca)Coordinate: 44°38′00″N 7°21′00″E / 44.633333°N 7.35°E44.633333; 7.35 (Gambasca)
Altitudine 479 m s.l.m.
Superficie 5,8 km²
Abitanti 409[1] (31-12-2011)
Densità 70,52 ab./km²
Frazioni Carpenetti, Barra, Para, Comba Nari
Comuni confinanti Brossasco, Martiniana Po, Revello, Rifreddo, Sanfront
Altre informazioni
Cod. postale 12030
Prefisso 0175
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 004094
Cod. catastale D894
Targa CN
Cl. sismica zona 3A (sismicità bassa)
Nome abitanti gambaschesi
Patrono san Giacomo
Giorno festivo 25 luglio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Gambasca
Sito istituzionale

Gambasca (così anche in piemontese e in occitano) è un comune di 409 abitanti della provincia di Cuneo.

Fa parte della Comunità montana Valli Po, Bronda, Infernotto e Varaita.

Geografia fisica[modifica | modifica sorgente]

Situato sulla destra orografica del fiume Po e nella sua valle, gode di un panorama che spazia dal monte Monbracco (1307 m s.l.m.), ultima propaggine del gruppo orografico del Monviso sulla pianura saluzzese, allo stesso Monviso, fino alle Langhe.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Fu possedimento dei marchesi di Saluzzo, che donarono nel 1138 un castegneto sito nei pressi di Gambasca all'Abbazia di Staffarda; in seguito furono le monache di Rifreddo a gestirne il territorio (tanto che la madre badessa poteva fregiarsi del titolo di Contessa di Gambasca).
Il territorio a più riprese veniva conteso tra i due potenti istituti religiosi, ma a conferma della piena potestà del monastero, nel 1434 la badessa-contessa Mercia de’Pugneti concesse alle terre di Gambasca e Rifreddo gli Statuti.

Nel 1621 le terre vennero cedute dal monastero alla comunità gambaschese, diritti alle decime compresi, ma già nel 1657 i Savoia (nella persona di Carlo Emanuele II) investendo il nobile Francesco Havard de Senantes del titolo di Marchese di Gambasca sottresse le terre ai contadini: alla sua morte il paese fu infeudato dagli Isnardi di Caraglio, e successivamente dal Marchese Luigi Coardi di Carpeneto (1771), che nel 1833 cedette le terre del paese al Comune, compresa una somma di Lire 12.000.

Tra il 1928 e il 1946, in seguito di un Decreto Reale, Gambasca fu unita amministrativamente al vicino Comune di Martiniana Po, diventandone frazione; ha riconquistato la sua autonomia solo dopo la fine della seconda guerra mondiale.

Al centro del paese sta la Parrocchia di San Sebastiano, che vanta antiche origini: consacrata del Vescovo di Torino nel 1497, era stata eretta come cappella già nel 1492.

Le antiche borgate[modifica | modifica sorgente]

Sono molte le antiche borgate presenti su tutto il territorio comunale, distribuite sia monte che a valle del concentrico. La maggior parte di esse oggi sono perlopiù disabitate e alcune in stato di abbandono, ma conservano ancora il fascino e le testimonianze dei tipici borghi di montagna.

Moltissime sono le meire isolate, immerse fra i boschi, che anticamente venivano utilizzate come dimora estiva dai contadini che portavano gli animali all'alpeggio oppure addirittura per abitarvi tutto l'anno, molte recano sui muri esterni l'effigie di qualche santo, segno di un'attenta religiosità popolare.

Altre borgate invece si caratterizzano per la tipica disposizione a ferro di cavallo con grandi archi (e imponenti portoni in legno) che ne accompagnano l'ingresso, ma che, allo stesso tempo, fungevano da difesa.

Le principali borgate gambaschesi sono: Carpeneti, Giordana, Mulino, Roggero, Nari, Ciafrè Nari, Brich d'Tumassin, Terbus, Giusiana, Free e Marchetti, Rittana e Costanza, Castinel, Brich Genre, Tomatis e Billia, Brignola, Para e Barra, Santa Lucia e San Rocco.

Picat, Poulan, Baile, Lantermin, Lo del Ruè, Ruà Pra Bonino sono i nomi di altri piccole borgate del paese.

Le Masche di Gambasca[modifica | modifica sorgente]

Nel 1495 l'inqusitore Vito De Beggiami condannò per mascaria nove donne della Valle Po, quattro di queste erano di Gambasca: Caterina Bonivarda, Caterina Borella, Bilia Dei Galliani, Giovanna Cometta.

Dagli atti processuali rinvenuti presso il Comune di Rifreddo emergono molti particolari relativi alle vicende di Caterina Bonivarda, moglie di Bonivardo dei Bonivardi, e Caterina Borella, detta "fornaia" moglie di Giovanni Borelli.

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[2]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2011.
  2. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
Cuneo Portale Cuneo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cuneo