Niella Tanaro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Niella Tanaro
comune
Niella Tanaro – Stemma Niella Tanaro – Bandiera
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Piemonte-Stemma.svg Piemonte
Provincia Provincia di Cuneo-Stemma.png Cuneo
Amministrazione
Sindaco Angelo Benedetto (lista civica) dal 26/05/2014
Territorio
Coordinate 44°25′00″N 7°55′00″E / 44.416667°N 7.916667°E44.416667; 7.916667 (Niella Tanaro)Coordinate: 44°25′00″N 7°55′00″E / 44.416667°N 7.916667°E44.416667; 7.916667 (Niella Tanaro)
Altitudine 371 m s.l.m.
Superficie 15,71 km²
Abitanti 1 060[1] (31-12-2010)
Densità 67,47 ab./km²
Comuni confinanti Briaglia, Castellino Tanaro, Cigliè, Lesegno, Mondovì, Rocca Cigliè, San Michele Mondovì, Vicoforte
Altre informazioni
Cod. postale 12060
Prefisso 0174
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 004151
Cod. catastale F895
Targa CN
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanti niellesi
Patrono sant'Anna
Giorno festivo 26 luglio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Niella Tanaro
Sito istituzionale

Niella Tanaro (la Niela Tane in piemontese) è un comune italiano di 1.056 abitanti della provincia di Cuneo, in Piemonte.

Fa parte della comunità montana Alto Tanaro Cebano Monregalese[2].

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[3]

Personaggi illustri[modifica | modifica wikitesto]

  • Giorgio Di Faccio (n. ? - m. Palermo 1592): architetto rinascimentale, svolgerà un'intensa attività di progettista e costruttore a Palermo, al servizio dei Viceré spagnoli, delle classi dirigenti locali, come pure delle cospicue comunità di mercanti piemontesi e genovesi residenti nella capitale siciliana. Per questi ultimi realizzerà la sua opera più significativa: la chiesa di San Giorgio dei Genovesi (1575-96).
  • Michele Angelo Borio (n. ca. 1645-m. ca. 1728): figlio del niellese Giovan Pietro, avvocato patrimoniale del Principe Tommaso di Savoia Carigniano, per intercessione del Cardinale Mazzarino e tramite il marchese Villa, divenne membro della compagnia dei moschettieri di Monsieur D'Artagnan e venne ammesso alla corte di Re Luigi XIV;
  • Giuseppe Maria Borio (n. 1761): fu Primo Presidente del Senato di Torino e Cavaliere Gran Croce dell'Ordine dei Ss. Maurizio e Lazzaro.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Comunità montana Alto Tanaro Cebano Monregalese. URL consultato l'11 maggio 2011.
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Storia di Torino, vol. IV, Uomini e poteri nella Torino barocca (1630-1675), pp. 96–98, a cura di G. Ricuperati, Einaudi, Torino 2002
Cuneo Portale Cuneo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cuneo