Manta (Italia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Manta
comune
Manta – Stemma
Manta – Veduta
Dati amministrativi
Stato Italia Italia
Regione Regione-Piemonte-Stemma.svg Piemonte
Provincia Provincia di Cuneo-Stemma.png Cuneo
Sindaco Mario Guasti (lista civica) dall'08/06/2009
Territorio
Coordinate 44°37′00″N 7°29′00″E / 44.616667°N 7.483333°E44.616667; 7.483333 (Manta)Coordinate: 44°37′00″N 7°29′00″E / 44.616667°N 7.483333°E44.616667; 7.483333 (Manta)
Altitudine 400 m s.l.m.
Superficie 11,8 km²
Abitanti 3 716[1] (31-12-2010)
Densità 314,92 ab./km²
Frazioni Gerbola
Comuni confinanti Lagnasco, Pagno, Saluzzo, Verzuolo
Altre informazioni
Cod. postale 12030
Prefisso 0175
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 004116
Cod. catastale E894
Targa CN
Cl. sismica zona 3A (sismicità bassa)
Cl. climatica zona E, 2 814 GG[2]
Nome abitanti mantesi
Patrono san Leone Magno
Giorno festivo ultima domenica di agosto
Localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Manta
Sito istituzionale

Manta (la Manta in piemontese) è un comune italiano di 3.710 abitanti della provincia di Cuneo.

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[3]

Luoghi di Interesse[modifica | modifica sorgente]

Castello della Manta[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Castello della Manta.
Prospetto principale del castello di Manta

Sul luogo dove sorge il castello della Manta, nel XII secolo esisteva già una struttura fortificata poi acquisita dai marchesi di Saluzzo.

Nel XV secolo grazie a Valerano, Signore colto e raffinato, la fortezza si trasformò in una splendida corte a castello, grazie anche all'intervento degli artisti più noti chiamati a decorarla.

Notevoli sono la sala baronale con gli affreschi del Maestro del Castello della Manta, ispirati dal romanzo cortese Chevalier Errant, con il ciclo dei Nove Eroi e delle Nove eroine e con la scena della Fonte della Giovinezza.

Poco distante dal castello - che fa parte del sistema storico-museale dei "Castelli Aperti" del Basso Piemonte - sorge Villa Belvedere di Saluzzo, già casina di caccia dei marchesi di Saluzzo.

La Chiesa di Santa Maria al Castello[modifica | modifica sorgente]

La Chiesa castellana custodisce al suo interno due ambienti di particolare pregio, riferibili, ai due monumenti più significativi della decorazione pittorica del Castello. Nell'abside si trova un importante ciclo di affreschi raffiguranti episodi della vita di Cristo, ascrivibile agli stessi decenni della realizzazione dei dipinti del Salone Baronale. La cappella funeraria di Michelantonio ha, invece, la medesima ricca decorazione a stucco e affreschi di stampo manieristico degli ambienti dell'appartamento di Michelantonio ed è dovuta probabilmente alle stesse maestranze.

La Chiesa di Santa Maria del Monastero (Ex Priorato Benedettino di S.Maria)[modifica | modifica sorgente]

Opera dei Frati Benedettini dell'Abbazia di Borgo San Dalmazzo (sec. X-XI) di stile romanico-bizantino.

Il santuario di San Leone Magno[modifica | modifica sorgente]

Il santuario si trova sulla collina che divide il territorio di Manta da Saluzzo. Costruita nel XII secolo, cesso' di servire come parrocchia nel 1528.

La Chiesa di San Rocco[modifica | modifica sorgente]

Sorge nel medesimo borgo, e fu costruita nel 1631 come voto dopo la peste.

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Cuneo Portale Cuneo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cuneo