San Damiano Macra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
San Damiano Macra
comune
San Damiano Macra – Stemma
San Damiano Macra – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Piemonte-Stemma.svg Piemonte
Provincia Provincia di Cuneo-Stemma.png Cuneo
Amministrazione
Sindaco Diego Durando (lista civica) dal 26/05/2014
Territorio
Coordinate 44°29′00″N 7°15′00″E / 44.483333°N 7.25°E44.483333; 7.25 (San Damiano Macra)Coordinate: 44°29′00″N 7°15′00″E / 44.483333°N 7.25°E44.483333; 7.25 (San Damiano Macra)
Altitudine 743 m s.l.m.
Superficie 54 km²
Abitanti 451[1] (31-12-2010)
Densità 8,35 ab./km²
Frazioni Lottulo, Paglieres, Pagliero
Comuni confinanti Cartignano, Castelmagno, Celle di Macra, Dronero, Frassino (Italia), Macra, Melle, Sampeyre
Altre informazioni
Cod. postale 12029
Prefisso 0171
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 004207
Cod. catastale H812
Targa CN
Cl. sismica zona 3A (sismicità bassa)
Nome abitanti sandamianesi
Patrono S. Antonio
Giorno festivo fine giugno
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
San Damiano Macra
Sito istituzionale

San Damiano Macra (San Damian in piemontese, San Dümian in occitano) è un comune della Valle Maira di 458 abitanti in provincia di Cuneo.

Fa parte della comunità montana Valli Grana e Maira[2].

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Stazione meteorologica di San Damiano Macra.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

San Damiano è situato nella parte bassa della Valle Maira e comprende il territorio degli ex comuni di Pagliero, Lottulo e Paglieres. Le prime tracce della sua esistenza sono rintracciabili nell'atto di fondazione del monastero di Caramagna Piemonte del 1028.

Come la maggior parte dei paesi della valle, San Damiano fu parte dei possedimenti dei Marchesi di Saluzzo nel XII secolo, e in seguito dei Savoia. Nel XVII secolo, per cercare di arginare l'eresia calvinista che dilagava in valle, fu costruito un convento di padri cappuccini, come era avvenuto ad Acceglio e a Dronero.

A causa delle lotte civili conseguenti alle rappresaglie attuate dai Savoia (Carlo Emanuele I) contro gli eretici e a causa della peste del 1716, la popolazione decimata di San Damiano e quella di Pagliero si unirono in un unico comune.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Ci sono rimaste poche tracce del passato artistico di questa città, sia per l'incendio appiccato dai nazisti per rappresaglia il 30 luglio 1944, sia per il prendere piede dell'edilizia moderna, che non ha salvaguardato il patrimonio delle costruzioni di epoca medievale.

Alcuni esempi ancora esistenti sono alcune bifore e facciate a vela di alcuni vecchi palazzi; si può osservare lo stemma della famiglia Berardi del 1507 su una lapide ottagonale di una fontana di pietra. La Parrocchiale dei Santi Cosma e Damiano è stata rimaneggiata nel corso dei secoli: il portale scolpito fa parte della costruzione originale risalente al Quattrocento.

Persone legate a San Damiano Macra[modifica | modifica wikitesto]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

San Damiano Macra è tra le Città decorate al Valor Militare per la Guerra di Liberazione perché è stato insignito della Croce di Guerra al Valor Militare per i sacrifici delle sue popolazioni e per la sua attività nella lotta partigiana durante la seconda guerra mondiale.

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Divisa dal 1979 al 2002
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Divisa attuale dal 2002

A.C.Sandamianese: È la società calcistica della città, fondata nel 1979 dal cittadino Lodovico 'Vicu' Lombardo. I colori sociali erano il nero-arancione ma dal 2002, anno della rifondazione compiuta per opera del cittadino Paolo Garnero, i colori sociali sono il grigio-giallo. La vecchia società a militato nei minori campionati organizzati dalla F.I.G.C. mentre la nuova società milita in campionati C.S.I.

Il vecchio impianto era situato in vicinanza con lo stabilimento di imbottigliamento dell'acqua minerale ma dal 1996, anno in cui è stato costruito un piccolo centro sportivo composto da palestra, campo da calcio a 5 e campo da tennis, l'impianto è stato demolito per far spazio ad un nuovo impianto comunale costruito 100 metri più a nord. L'attuale dirigenza è composta da: Paolo Garnero come presidente, Gianni Olivero come vicepresidente e Alberto Sturaro come allenatore. Il capitano della squadra è Eugenio Palumbo.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

San Damiano è la sede della Comunità Montana Valle Maira. L'economia locale trae giovamento dallo stabilimento di imbottigliamento dell'acqua minerale.

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[3]

Galleria di immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Comunità montana Valli Grana e Maira- Amministrazione - Statuto. URL consultato il 29 giugno 2011.
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Cuneo Portale Cuneo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cuneo