Arcidiocesi di Torino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Arcidiocesi di Torino
Archidioecesis Taurinensis
Chiesa latina
Torino-duomo.jpg
Regione ecclesiastica Piemonte
  Torino diocesi.png
Provincia ecclesiastica
Provincia ecclesiastica della diocesi
Collocazione geografica
Collocazione geografica della diocesi
Diocesi suffraganee
Acqui, Alba, Aosta, Asti, Cuneo, Fossano, Ivrea, Mondovì, Pinerolo, Saluzzo, Susa
Arcivescovo metropolita Cesare Nosiglia
Ausiliari Guido Fiandino
Arcivescovi emeriti cardinale Severino Poletto
Sacerdoti 1.137 di cui 561 secolari e 576 regolari
1.776 battezzati per sacerdote
Religiosi 913 uomini, 3.603 donne
Diaconi 131 permanenti
Abitanti 2.115.000
Battezzati 2.020.313 (95,5% del totale)
Superficie 3.350 km² in Italia
Parrocchie 359 (26 vicariati)
Erezione IV secolo
Rito romano
Cattedrale Metropolitana di San Giovanni Battista
Indirizzo Via Arcivescovado 12, 10121 Torino, Italia
Sito web www.diocesi.torino.it
Dati dall'Annuario Pontificio 2011 * *
Chiesa cattolica in Italia

L'arcidiocesi di Torino (in latino: Archidioecesis Taurinensis) è una sede metropolitana della Chiesa cattolica appartenente alla regione ecclesiastica Piemonte. Nel 2010 contava 2.020.313 battezzati su 2.115.000 abitanti. È attualmente retta dall'arcivescovo Cesare Nosiglia.

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

L'arcidiocesi comprende buona parte della provincia di Torino (137 comuni), nonché 15 comuni in provincia di Cuneo e 6 comuni in provincia di Asti.

L'arcidiocesi confina a nord con la diocesi di Ivrea, ad est con la diocesi di Casale Monferrato, la diocesi di Asti e la diocesi di Alba, a sud con la diocesi di Fossano, ad ovest con la diocesi di Susa, la diocesi di Pinerolo, la diocesi di Saluzzo e l'arcidiocesi di Chambery, quest'ultima in territorio francese.

Sede arcivescovile è la città di Torino, dove si trova la cattedrale di San Giovanni Battista.

Parrocchie[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Parrocchie dell'Arcidiocesi di Torino.

Il territorio è suddiviso in 60 zone pastorali che raggruppano le 359 parrocchie.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Sulle origini del cristianesimo in Torino non abbondano gli elementi storicamente documentati. Si possono probabilmente riconoscere i santi Avventore, Ottavio e Solutore (vissuti nel III secolo) come i protomartiri torinesi o almeno quelli di cui ci è noto il nome, già venerati al tempo di san Massimo. Le comunità cristiane dell'attuale Italia nord-occidentale si organizzarono in Chiese (ossia in Diocesi), con a capo un vescovo, prevalentemente in epoca costantiniana.

Secondo la tradizione, il primo vescovo di Torino è san Massimo: non si hanno notizie di altri vescovi prima di lui; Massimo I morì tra il 408 ed il 423. Si ricorda un altro vescovo di nome Massimo, il primo documentato storicamente, che partecipò a due sinodi, a Milano nel 451 e a Roma nel 465.

Originariamente la diocesi di Torino si estendeva alle valli della Moriana, di Susa e di Lanzo, che sul finire del VI secolo passarono sotto la giurisdizione del vescovo di Saint-Jean de Maurienne. Nel 1033 la diocesi di Torino riacquistò le valli di Susa e di Lanzo.

Durante il Medioevo al capitolo della cattedrale spettava l'elezione del vescovo, ma a partire dal XIV secolo la Santa Sede esercitò la sua influenza nell'elezione. Nel 1300 Bonifacio VIII annullò l'elezione di Tommaso II di Savoia fatta dal capitolo e impose sulla cattedra torinese Teodisio Revelli. Nel 1411 i diritti dei canonici erano già estinti e Giovanni XXII eleggeva Aimone da Romagnano, senza concedere al capitolo di avanzare una proposta.[1]

Il 6 giugno 1453 le cronache riportano il famoso miracolo del Corpus Domini, che è all'origine della basilica omonima. Secondo le cronache del tempo un'ostia presente in un ostensorio rubato si sarebbe levata rimanendo sospesa in aria, sopra molti spettatori. Sopraggiunto il vescovo, l'ostia rimase sospesa, finché si posò su un calice. Le specie eucaristiche incorrotte si sarebbero conservate ancora oltre l'erezione della basilica (1521), finché da Roma fu ordinato di consumarle sacramentalmente.

Per tutto il medioevo restò suffraganea dell'arcidiocesi di Milano fino a quando il 21 maggio 1515 papa Leone X con la bolla Cum illius la elevò al rango di arcidiocesi metropolitana, dandole con l'altra bolla dello stesso giorno Hodie ex certis come diocesi suffraganee quella di Mondovì e quella di Ivrea.

Nel 1578 l'antica reliquia della Sacra Sindone fu trasferita da Chambéry a Torino.

Dal XVI secolo l'arcidiocesi cedette porzioni di territorio a vantaggio dell'erezione delle diocesi di Fossano (1592), di Pinerolo (1748) e di Susa (1772).

Nel XVIII secolo acquistò grande importanza soprattutto per merito dei due vescovi Francesco Luserna Rorengo di Rorà e Vittorio Maria Baldassare Gaetano Costa d'Arignano.

Nel XIX secolo la diocesi di Torino si popola di numerose figure di santi: san Giuseppe Benedetto Cottolengo, fondatore della Piccola Casa della Divina Provvidenza; san Giovanni Bosco fondatore dei Salesiani; san Leonardo Murialdo, fondatore della Congregazione di San Giuseppe; san Giuseppe Cafasso, il rincuoratore degli impiccati al Rondò della forca; santa Maria Domenica Mazzarello; san Domenico Savio; il beato Francesco Faà di Bruno; seguiti poi dal beato Giuseppe Allamano, nipote di san Giuseppe Cafasso, fondatore dei Missionari e Missionarie della Consolata, e dal beato Piergiorgio Frassati.

Nel 1947 ha ceduto porzioni del suo territorio alla diocesi di Gap e alla diocesi di Saint-Jean de Maurienne.

Cronotassi dei vescovi[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

L'arcidiocesi al termine dell'anno 2010 su una popolazione di 2.115.000 persone contava 2.020.313 battezzati, corrispondenti al 95,5% del totale.

anno popolazione sacerdoti diaconi religiosi parrocchie
battezzati totale % numero secolari regolari battezzati per sacerdote uomini donne
1950 1.088.000 1.100.000 98,9 1.885 1.085 800 577 2.000 8.000 332
1969 1.809.000 1.852.475 97,7 1.667 931 736 1.085 1.294 6.000 373
1980 2.006.000 2.119.000 94,7 1.908 912 996 1.051 24 1.729 5.800 397
1990 2.019.000 2.080.000 97,1 1.702 762 940 1.186 85 1.480 5.535 355
1999 2.000.000 2.143.843 93,3 1.519 679 840 1.316 116 1.368 4.207 357
2000 2.065.443 2.143.843 96,3 1.518 678 840 1.360 118 1.351 4.125 357
2001 2.065.443 2.143.843 96,3 1.483 673 810 1.392 119 1.289 4.023 357
2002 2.065.443 2.143.843 96,3 1.451 675 776 1.423 122 1.265 3.949 357
2003 2.065.443 2.143.843 96,3 1.380 656 724 1.496 125 1.206 3.927 357
2004 2.065.443 2.143.843 96,3 1.358 644 714 1.520 128 1.183 3.915 359
2010 2.020.313 2.115.000 95,5 1.137 561 576 1.776 131 913 3.603 359

Istituti religiosi[modifica | modifica wikitesto]

L'elenco delle realtà di vita consacrata presenti in diocesi (dall'annuario diocesano 2007-2008).[39]

Istituti religiosi maschili
Istituti religiosi femminili

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Goffredo Casalis, Dizionario geografico-storico-statistico-commerciale degli Stati di S. M. il Re di Sardegna, Torino 1851, vol. XXI, pp. 499-500
  2. ^ Ignoto a Semeria e a Savio; menzionato da Cappelletti al 739, mentre la cronotassi del sito diocesano pone la data del 770.
  3. ^ Secondo Cappelletti muore nell'830 circa.
  4. ^ Escluso da Semeria, è riconosciuto dagli altri autori come autentico vescovo di Torino.
  5. ^ Ignoto al Cappelletti, è collocato da Semeria, sulla scia del Pedemontium sacrum di Meiranesio, sul finire dell'VIII secolo; l'unica menzione di questo vescovo è che visse prima del 1047 e che istituì la vita comune dei canonici della sua cattedrale. Savio lo pone dopo Vitgario senza particolari indicazioni cronologiche, mentre la cronotassi della diocesi riporta le date 838-860.
  6. ^ Sconosciuto a Savio e alla cronotassi diocesana, è collocato in questo periodo da Semeria e Cappelletti.
  7. ^ Sconosciuto a Savio, è collocato in questo periodo da Semeria e Cappelletti; la cronotassi del sito della diocesi indica le date 860-878.
  8. ^ Menzionato in un diploma dell'887, questo vescovo è ammesso da Semeria, Cappelletti e la cronotassi diocesana (nell'888). Savio lo esclude, perché la lezione Lancio è frutto di un errore del copista medievale, mentre la lezione autentica è Amolo.
  9. ^ A causa della presenza di Lancio nell'887, Cappelletti distingue un Amulo I e un Amulo II.
  10. ^ Per Savio e la cronotassi del sito della diocesi, si tratta di Guglielmo I. La cronotassi diocesana inoltre, dopo Guglielmo, pone un Amulo II con queste indicazioni cronologiche: 904-906?.
  11. ^ Escluso da Semeria, è collocato da Cappelletti nel 928, mentre Savio lo indica tra i firmatari del testamento del vescovo Attone di Vercelli il 15 maggio 945; secondo quest'ultimo autore, la data del 928 è frutto di un'errata interpretazione del Meiranesio. La cronotassi diocesana indica come cronologia per questo vescovo: 906?-945; la stessa cronotassi riporta dopo Ricolfo tre vescovi (Alberto, Gebisio e Gumberto) sconosciuti agli altri autori.
  12. ^ Dopo Amalrico, Savio e la cronotassi del sito della diocesi collocano il vescovo Guglielmo II. Inoltre la cronotassi diocesana aggiunge, dopo Guglielmo II, un Oberto I menzionato nel 989.
  13. ^ Menzionato da Cappelletti nel 960 e nel 980, non è considerato da Semeria, mentre Savio ritiene che Aunuco sia un errore di lettura per Amico (ossia il vescovo Amizone); ed aggiunge (con il Cappelletti) che la data con cui il Meiranesio lo colloca nel 966 è un frutto di un errore, trattandosi invece del 999.
  14. ^ Secondo il Savio non ci sono date certe per questo vescovo, se non che il suo episcopato è compreso tra 1º settembre 998 e il 1011.
  15. ^ Questo presunto vescovo di Torino è sconosciuto sia a Semeria che a Savio; la cronotassi del sito della diocesi lo colloca nel 1012, mentre il Cappelletti nel 1013.
  16. ^ Questo prelato, sconosciuto a Semeria e a Savio, è datato dalla cronotassi del sito diocesano al 1039, mentre Cappelletti lo segnala nel 1029.
  17. ^ Questo presunto vescovo è sconosciuto a Semeria e a Savio; è menzionato nella cronotassi del sito diocesano alla data del 1047, mentre Cappelletti lo dice documentato il 1º maggio 1046.
  18. ^ Ignoto a tutte le fonti, ad eccezione di Cappelletti, che lo indica presente nel 1080.
  19. ^ Vescovo sconosciuto sia al Savio che al Semeria; Cappelletti lo menziona nel 1087, mentre la cronotassi del sito della diocesi nel 1090, dopo Guglielmo III. Per Cappelletti sarebbe Umberto I, mentre un Umberto II è da lui collocato nel 1118 e nel 1120: in questo modo i due Umberto si identificherebbero con i due Guiberto della presente cronotassi.
  20. ^ Secondo Cappelletti, questo vescovo è un intruso.
  21. ^ Secondo Savio, potrebbe essere deceduto il 14 novembre 1099.
  22. ^ Secondo il Savio, ultima menzione certa di Mainardo è del 4 novembre 1116.
  23. ^ Dopo Bosone, la cronotassi del sito della diocesi pone un certo Agamennone di Ginevra (1125-1130) sconosciuto agli altri autori.
  24. ^ Secondo Savio un Ubertus, che potrebbe corrispondere al nostro Arberto, è menzionato in un documento del 30 maggio 1135.
  25. ^ Secondo Semeria morì il 5 giugno 1148; la cronotassi del sito della diocesi pone l'ultimo anno di episcopato di Oberto II nel 1145; per Cappelletti visse oltre il 1147. Secondo quest'ultimo autore, nel 1151 è menzionato un vescovo Rinaldo, sconosciuto agli altri autori.
  26. ^ Secondo Cappelletti, al vescovo Carlo succedette direttamente Milone da Cardano, con l'esclusione degli altri vescovi presenti in questa cronotassi.
  27. ^ Dopo Guglielmo IV, la cronotassi del sito della diocesi pone un Oberto III nel 1164.
  28. ^ Secondo Savio, sembra che dopo la sua nomina a Milano Milone abbia conservato l'amministrazione della diocesi di Torino, come si evince da un diploma del 16 gennaio 1188 dove è denominato arcivescovo di Milano e vescovo di Torino.
  29. ^ Conosciuto al solo Cappelletti, che lo indica vescovo ordinario, non antivescovo, con il nome di Jacopo I, dal 1206 al 1215.
  30. ^ La cronotassi del sito ufficiale dell'arcidiocesi lo chiama Giacomo I De Mosso.
  31. ^ Vescovo ordinario, non antivescovo, menzionato sia da Cappelletti che dalla cronotassi del sito diocesano al 1228.
  32. ^ Secondo Savio, era ancora vivo nel 1237. La cronotassi del sito ufficiale dell'arcidiocesi lo chiama Giacomo II dei Signori di Carisio.
  33. ^ Chiamato da Semeria e dalla cronotassi diocesana come Uguccione dei Cagnola. Lo stesso sito diocesano fa seguire a Uguccione un Regino (1242?) e un Giovanni Provana (1243). Benché dimesso, come documentato da Savio, Uguccione sembra abbia mantenuto l'amministrazione della diocesi, in quanto a lui scrive papa Innocenzo IV il 15 novembre 1243 per affrettare la nomina del suo successore.
  34. ^ Dai documenti risulta che non ricevette mai la consacrazione episcopale, per cui è detto vescovo eletto.
  35. ^ Sconosciuto a Semeria e a Cappelletti, è menzionato da Savio, Eubel e la cronotassi diocesana.
  36. ^ Sconosciuto a Semeria e a Cappelletti, è menzionato da Savio, Eubel e la cronotassi diocesana. Il suo nome è scritto nella lettera di papa Urbano IV al Goffredo Montanari del 20 febbraio 1264: bonae memoriae H. Taurinensi episcopo.
  37. ^ Così Eubel. Semeria dice 1300.
  38. ^ Così Eubel. Semeria dice 13 luglio.
  39. ^ Vita consacrata a Torino. URL consultato il 22 ottobre 2013.

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]