Bagienni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

I Bagienni (o Vegenni oppure Vagienni) erano una antica popolazione appartenente al gruppo più ampio dei Liguri.

Si insediarono nell'alta Valle del Tanaro, e più in generale in tutto il Piemonte sud-occidentale.

La loro capitale era nella zona della città che, ai tempi dei Romani, fu chiamata Julia Augusta Bagiennorum (ora Bene Vagienna).

A ragion veduta possono essere chiamati i primi piemontesi, insieme ad altre popolazioni, come i Taurini ed i Salassi, che in epoca pre-romana popolavano il Piemonte.

Cacciati dalle popolazioni celtiche specie dei Boi essi si spinsero nella Val Trebbia in Emilia-Romagna nella zona di Bobbio dove fondarono un loro centro (si sono trovati reperti in zona). In epoca romana Bobbio divenne sede del Pagus Bagienno (Bagiennorum) [1]sotto il Municipio di Velleia nella Regione romana di Liguria.

Furono conquistati dai Romani verso la metà del II secolo a.C. e poi inglobati nell'impero romano.

Conosciamo i Bagienni per le notizie che ci ha tramandato Plinio il Vecchio nella sua opera Naturalis historia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Michele Tosi Bobbio Guida storica artistica e ambientale della città e dintorni - Archivi Storici Bobiensi 1983 - Bruna Boccaccia Bobbio Città d'Europa - Ed. Pontegobbo 2000 ISBN 88-86754-33-7 pag.8-9.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]